Carosone, l’americano di Napoli: un’anteprima al Politeama

Carosone, l’americano di Napoli con Andrea Sannino in anteprima

In scena dal 5 al 14 Novembre al Teatro Augusteo di Napoli, ritorna Andrea Sannino in “Carosone, l’americano di Napoli” con testo e direzione artistica di Federico Vacalebre e regia di Luigi Russo, prodotto da Gestione Attività Teatrali in collaborazione con il teatro Trianon Viviani.

A meno di una settimana dal debutto dello spettacolo si è tenuto al Teatro Politeama uno showcase dal sapore intimo e familiare in cui Luigi Russo, regista dello spettacolo, si è fatto da Cicerone per i pochi ospiti della stampa, iniziando con un breve tour del palcoscenico e del dietro le quinte presentando – rigorosamente per nome – ognuno dei protagonisti dello spettacolo e sottolineando con grande umiltà quanto sia la sola collaborazione a rendere possibile la rappresentazione di “Carosone, l’americano di Napoli” i cui dettagli devono ancora essere rifiniti.

“Carosone, l’americano di Napoli” si presenta come musical verace, che vuole portare in scena non la vita, come specifica Federico Vacalebre, biografo ufficiale del canta-pianista, “ma la classicità, la contemporaneità e la modernità” di Renato Carosone. Le sue canzoni sono classici intramontabili, dei successi internazionali venduti negli Stati Uniti senza essere incisi in inglese, e l’obiettivo è “vivere oggi quello che di Carosone è ancora vivo, ovvero le sue canzoni” rendendo omaggio anche alla curiosità della persona dell’artista il quale non era un “passatista”, una persona chiusa nel passato, bensì sempre pronto a sperimentare e al passo coi tempi; allo stesso modo negli arrangiamenti di Lorenzo Hengeller ci sarà sperimentazione, ci sarà il rap, l’house e, per uno spoiler di Vacalebre, anche un riferimento a Liberato. I classici a cui siamo abituati, insomma, saranno portati in scena in chiave attuale, pur rispettando sempre l’originale del celebre canta-pianista in una rilettura “piena di passione per Carosone”, come ammette Hengeller stesso.

Originariamente il musical cadeva nel centenario della nascita di Renato Carosone, ma sospeso a causa restrizioni dello scorso anno tornerà in scena vent’anni dopo la dipartita dell’artista e diverso dalle sue precedenti rappresentazioni a partire dalla regia, ma soprattutto con l’inserimento di un brano inedito di Carosone, ‘A Signora!, scritto nel 1992 ispirandosi alla bellezza di Sharon Stone che “accavalla e scavalla” le gambe in Basic Instinct.

Ad interpretare il celebre canta-pianista c’è Andrea Sannino, che ha dilettato i presenti con un’anteprima di Caravan Petrol e T’aspetto ‘e nove (canzone fortemente voluta da Sannino stesso). Andrea Sannino, che ha accompagnato con la sua Abbracciame il lockdown non solo partenopeo, si mostra umile dinanzi all’onere di rappresentare Carosone, sentendo la responsabilità di questa interpretazione tanto forte quanto lo è la responsabilità di poter tornare a donare un paio d’ore di divertimento e serenità, di cui siamo stati privati, ma che possono, come dichiara, “salvare le anime delle persone”. Andrea, a chi chiede se ha paura del confronto, si mostra tranquillo: “Carosone è inconfrontabile”, come Maradona per chi gioca a calcio, ma con studio e dedizione manterrà fede alla sua natura partenopea valorizzandone la cultura e omaggiando uno dei maggiori autori e interpreti della canzone napoletana e della musica leggera italiana. Si prospetta, dunque, uno spettacolo allo stesso tempo vintage e postmoderno, che porta Carosone al giorno d’oggi e verso quello che verrà, con la speranza di una tournée per la prossima stagione.

In scena con Andrea Sannino anche Raffaele Giglio (Peter Van Wood), Giovanni Imparato (Gegè Di Giacomo), Claudia Letizia (Gianna/Maruzzella), Geremia Longobardo (Fefè) e Forlenzo Massarone (Fred Buscaglione).

Gli arrangiamenti musicali sono di Lorenzo Hengeller, Remix di Gransta MSV. Coreografie di Ferdinando Arenella. Scenografie di Massimiliano Pinto. Costumi di Antonietta Rendina. Disegno luci di Gianluca Sacco. Suono di Daniele Chessa.

Il Complesso Carosone è formato da Vincenzo Anastasio (Sax e clarino), Gaetano Diodato (Contrabbasso), Luigi Patierno (Sax), Pino Tafuto (Pianoforte), Roberto Funaro (DJ).

Il corpo di ballo delle ‘Maruzzelle‘ e dei ‘Sarracini’ è composto da Paolo Anzaloni, Gianluigi Cacciapuoti, Chiara Campochiaro, Federica Mosca, Francesco Sabella, Raffaele Siciliano, Marialucrezia Sorgente, Luca Squadritti, Lorena Zinno.

 

Giorni e orari spettacoli, info per possessori biglietto e/o abbonamento: il turno A, recupero data 20 marzo, venerdì 5 novembre ore 21:00. Turno C, recupero data 21 marzo, sabato 6 novembre ore 21:00. Turno D, recupero data 22 marzo, domenica 7 novembre ore 18:00. Turno E, recupero data 24 marzo, martedì 9 novembre ore 21:00. Turno F, recupero data 25 marzo, mercoledì 10 novembre ore 18:00. Turno G, recupero data 26 marzo, giovedì 11 novembre ore 21:00. Turno H, recupero data 27 marzo, venerdì 12 novembre ore 21:00. Turno 1, recupero data 28 marzo, sabato 13 novembre ore 21:00. Turno M, recupero data 29 marzo, domenica 14 novembre ore 18:00.

Ticket al botteghino o su bigliettoveloce.it: platea € 35,00, Galleria €25,00.

Informazioni sono disponibili su teatroaugusteo.it o telefonando allo 081414243 – 405660, dal lunedì al sabato dalle ore 10:30 alle 19:30.

About Chiara Leone

Zoomer classe '98, studentessa della scuola della vita, ma anche del corso magistrale in Lingue e Letterature Europee e Americane all'Orientale. Amante dell'America intera, interprete e traduttrice per vocazione. La curiosità come pane quotidiano insieme a serie tv, cibo, teatro, libri, musica, viaggi e sogni ad occhi aperti. Sempre pronta ad esprimermi e condividere, soprattutto se in lingue diverse.

View all posts by Chiara Leone →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *