Le fate ignoranti – La serie | Recensione

Le fate ignoranti

Le fate ignoranti è una serie televisiva italiana basata sul film omonimo (2001) di Ferzan Ozpetek e distribuita sulla piattaforma Disney+ nell’ aprile del 2022. È diretta da Ferzan Ozpetek e ideata con Gianni Romoli.

Trama

La protagonista de Le fate ignoranti, Antonia (Cristiana Capotondi), è una ricca donna borghese che vive un’esistenza felice con suo marito Massimo (Luca Argentero). La sua vita, trascorsa fra l’ospedale nel quale lavora come medico specializzato nella cura dell’AIDS e gli agi della vita domestica, viene sconvolta dalla morte improvvisa del marito a causa di un incidente d’auto.
La morte di Massimo segna un punto di non ritorno nell’esistenza di Antonia soprattutto a causa della scoperta della relazione omosessuale di Massimo con Michele (Eduardo Scarpetta).
Questa scoperta porterà Antonia a conoscere Michele e l’eccentrica cerchia di amici che lo circonda e ad entrare nel loro mondo forse un po’ folle, ma tremendamente autentico.

Chi sono le fate ignoranti?

Le fate ignoranti è una serie drammatica composta da otto episodi e da un cast di bravi interpreti italiani che con umorismo e malinconia ci portano a riflettere sulla magia dell’essere autentici.

A contribuire a costruire nella serie un velo di malinconia vi è una splendida colonna sonora, le cui musiche originali sono di Pasquale Catalano e, inoltre, estremamente suggestiva è la canzone principale della serie Buttare l’amore, brano inedito di Mina.

Antonia grazie a Michele e alla sua bizzarra cerchia di amici impara a guardare al di là degli schemi convenzionali e borghesi che costruiscono la prigione dorata che la donna ha inconsapevolmente abitato per tanti anni.
Così Antonia scopre un modo nuovo di vivere, quello delle fate ignoranti, privo di regole restrittive e di schemi prestampati e per questo genuino ed autentico.

Michele e i suoi amici sono fate ignoranti, poiché ignorano tutto ciò che è convenzionale ed artificiale e vivono a modo loro, rimanendo fedeli a loro stessi e ai loro ideali e sentimenti.
Le fate ignoranti ignorarono le convenzioni, la routine, le apparenze, vivono in maniera spontanea senza timore del giudizio della società.

Ferzan Ozpetek sembra ricordarci nella serie che la vera magia risiede nella straordinaria capacità di costruirsi una propria identità e di vivere in maniera intensa e vera nonostante le influenze e le pressioni del vivere associato.
Massimo e Antonia hanno tutto ciò che secondo la società borghese un uomo e una donna devono possedere per essere felici: il matrimonio, un lavoro ben pagato e una bella casa.
Eppure, nonostante ciò, entrambi scoprono la vita vera solamente quando entrano in contatto con le fate ignoranti e il loro personalissimo ed autentico modo di vivere.

Immagine di copertina: Disney+

A proposito di Rita Silvestri

Sono nata a Napoli il 06/02/1997. Ho frequentato il liceo classico. La cultura classica ha alimentato il mio amore per la letteratura e mi ha insegnato l'importanza della consapevolezza di sé e del mondo circostante. Nel novembre del 2021,spinta dall'amore per gli studi letterari, mi sono laureata in Filologia Moderna. Tra i miei interessi, oltre la letteratura e la scrittura, ci sono l'arte, il cinema, il teatro e gli animali.

Vedi tutti gli articoli di Rita Silvestri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.