Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Split il nuovo thriller psicologico di M. Night Shyamalan

Split: il nuovo thriller psicologico firmato M. Night Shyamalan

Split è l’ultimo film scritto e diretto dal regista statunitense M. Night Shyamalan in programmazione, da pochi giorni, nelle sale cinematografiche italiane.

Kevin Wendell Crumb (James McAvoy) è un uomo che, dopo essere stato vittima di violenze da parte della madre quando era bambino, è ora affetto da disturbo dissociativo d’identità e nella sua mente coesistono 23 diverse personalità. Ciascuna di esse è dotata di nome, sesso, età e tratti caratteriali propri che li contraddistinguono l’una dall’altra. “Dennis”, una di queste, rapisce tre studentesse: Claire (Haley Lu Richardson), Marcia (Jessica Sula) e la solitaria Casey (Anya Taylor-Joy) per poi rinchiuderle in un luogo dal quale le ragazze faranno il possibile per scappare. Kevin, inoltre, è in cura presso la dottoressa Karen Fletcher (Betty Buckley), una psichiatra particolarmente interessata al suo caso che considera di notevole rilevanza per la comunità scientifica vista l’unicità del suo paziente. È a lei che quest’ultimo rivela l’esistenza di una ventiquattresima identità, chiamata dalle altre “La Bestia”, che sta per manifestarsi e scatenarsi in tutta la sua sovrumana e brutale violenza.

Split: bentornato Night Shyamalan

Il regista M. Night Shyamalan ritorna con un film che ricorda molto i riuscitissimi Il sesto senso Unbreakable – Il predestinato e fa dimenticare alcuni scivoloni come Lady in the water  o After Earth.

Con Split, infatti, Shyamalan lascia col fiato sospeso il pubblico per tutta la durata della pellicola. Aiuta, forse, anche il fatto che quest’ultima sia ispirata alla storia vera di Billy Milligan, un criminale americano affetto dallo stesso disturbo del suo alter ego cinematografico, che fece scalpore negli Stati Uniti della fine degli anni ’70.

Il film si sviluppa su una trama ben costruita, fluida, senza tempi morti e che trasuda psicologia; una psicologia contorta ma, al contempo, lineare e comprensibile una volta svelati i misteri che ruotano attorno alla storia del personaggio principale.

Il cast di Split tutto da (ri)scoprire

Dimenticate Tommy Turner, l’innocente bravo ragazzo di Espiazione o il brillante e premuroso Professor X della serie X-Men, perché l’attore scozzese James McAvoy ha svestito i panni del personaggio buono per calarsi come in una seconda pelle in quelli del cattivo Kevin Wendell Crumb di Split. Ottima la sua interpretazione delle tante personalità del protagonista come, degna di nota, è anche quella delle giovani attrici che lo hanno affiancato e della navigata collega Betty Buckley.

Una ben selezionata colonna sonora e una fotografia curata ma essenziale, vanno a sommarsi ai punti di forza della storia che, grazie all’assenza di pacchiani effetti speciali tipicamente hollywoodiani, contribuiscono a saturare l’atmosfera sorprendentemente sconcertante e disturbante producendo un effetto di grande impatto visivo ed emotivo.

Split oltre a rappresentare un gradito e atteso ritorno di uno dei migliori registi del genere thriller e drammatico, è uno di quei film che colpisce lo spettatore coinvolgendolo dall’inizio alla fine; una fine che lo lascerà senza parole per la sorpresa.