Cosa sono le stablecoin? La guida completa

Le stablecoin offrono molti vantaggi offerti da altre criptovalute, con una differenza essenziale: sono stabili, da qui il nome.

In un mercato in cui il prezzo degli asset detenuti oscilla violentemente, la possibilità di “immagazzinare” il valore dei fondi in modo da escludere la volatilità è essenziale. Questa opzione non è limitata solo ai trader di criptovalute, ma consente anche ai rivenditori di accettare criptovalute senza la necessità di preoccuparsi delle fluttuazioni dei prezzi.

Nella maggior parte dei casi, la maggior parte delle stablecoin sono ancorate a valute FIAT ampiamente utilizzate come il dollaro USA o l’euro. Alcuni sono ancorati alle materie prime, come l’oro.

A cosa servono le stablecoin?

 

Per molti trader di criptovalute, servono come una scialuppa di salvataggio a cui rifugiarsi quando vogliono proteggere il proprio portafoglio di criptovalute senza incassare in FIAT. Ciò è molto efficace soprattutto durante i mercati ribassisti o per mantenere il profitto nel valore FIAT. Dopotutto, la valuta quotidiana del mondo è ancora FIAT e non Bitcoin.

È probabile che le stablecoin diventino anche una componente fondamentale nella finanza decentralizzata (DeFi). La DeFi presenta un’alternativa ai sistemi finanziari esistenti, basata su blockchain pubbliche.

Questa nozione è recentemente diventata popolare e si è verificato un notevole aumento dei progetti che sviluppano prodotti interessanti, come i prestiti peer to peer.

Se la DeFi vuole crescere, le stablecoin giocheranno senza dubbio un ruolo vitale perché le persone avrebbero bisogno di un mezzo privo di volatilità per effettuare transazioni tra loro, senza perdere i vantaggi delle criptovalute.

I tre tipi di Stablecoin

In una categorizzazione piuttosto ampia, ci sono tre tipi identificabili di stablecoin.

Stablecoin centralizzate sostenute da FIAT

Questi sono supportati 1:1 da valute fiat, che sono depositate in conti bancari. Esempi: Tether (USDT), USD Coin (USDC), Gemini USD (GUSD) e così via.

Sono centralizzati perché lanciati e governati da un’organizzazione centrale, che potrebbe essere un’azienda, una banca o anche un governo. Inoltre tutte queste monete sono facilmente accessibili sulla piattaforma ​​immediateenigma.com/it/, perfetta anche per chi non ha molta esperienza con le criptovalute.

Stablecoin decentralizzati supportati da criptovalute

 

Si tratta di un tipo relativamente nuovo di stablecoin che non hanno un operatore centrale ma sono governate dal consenso degli utenti che prendono parte alla rete.

 

Un esempio qui è la stablecoin di Maker DAO – DAI. Gli utenti possono bloccare una certa quantità di criptovalute, come gli Ether, come garanzia per prendere in prestito DAI, che è ancorato al dollaro USA.

Stablecoin algoritmici decentralizzati

 

Questi sono ancora relativamente nuovi. Non hanno alcuna garanzia a sostegno del loro sistema e si affidano ad algoritmi per ottenere il prezzo e rimanere stabili.

Le stablecoin più popolari per capitalizzazione di mercato

Tether (USDT)

Fin dalla sua creazione nel 2014, Tether (USDT) è senza dubbio il leader di mercato predominante per quanto riguarda le stablecoin. Tether converte i contanti in valuta digitale, ancorando il suo prezzo al dollaro USA 1:1. Secondo il sito ufficiale, “ogni legame è sempre coperto al 100% dalle riserve della società”. Tali riserve includono valute legali tradizionali ed equivalenti in contanti.

 

Vale la pena notare che esistono diverse reti su cui viene coniato USDT. Al momento in cui scrivo, questi includono Omni, Ethereum, Tron, EOS e Liquid.

 

USDT è gestito da Tether Limited, che è strettamente associata a iFinex, che è la società madre del popolare scambio Bitfinex.

Coin USD (USDC)

 

USD Coin (USDC) è una stablecoin lanciata dall’exchange di criptovalute statunitense Coinbase, insieme al trading desk e OTC – Circle. È progettato per essere ancorato al rapporto 1:1 USD. Fatto curioso, Coinbase premia i suoi clienti per detenere USDC sul proprio conto di scambio.

Secondo il sito web ufficiale di Coinbase, ogni USDC è supportato da un dollaro USA, detenuto su conti bancari.

La criptovaluta è alimentata dalla blockchain di Ethereum, come token ERC-20. Ciò significa che gli utenti possono memorizzarlo su portafogli compatibili, come MyEtherWallet e MyCrypto.

Standard di Paxos (PAX)

 

Similmente a tutte le altre stablecoin, PAX può essere spostata istantaneamente, senza riguardo al tempo o al luogo. Come il primo, anche PAX è ancorato 1:1 al dollaro USA e si basa sulla blockchain ERC-20 di Ethereum.

Paxos Trust Company, emittente PAX, è anche la società che gestisce lo scambio Paxos, insieme ai servizi di custodia e alla salvaguardia delle risorse fisiche e digitali come un trust regolamentato.

La società è stata fondata nel 2012 e ha iniziato con il lancio dello scambio itBit a Singapore. Più tardi, nel 2015, Paxos ha ottenuto la carta fiduciaria del Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York (NYDFS).

Paxos sostiene che i dollari, che sostengono ogni PAX nella regolamentazione, sono tenuti in conti separati, assicurati dalla FDIC e domiciliati nelle banche statunitensi. Secondo il sito ufficiale, PAX è quotato su oltre 100 borse.

 

A proposito di Marcello Affuso

Direttore di Eroica Fenice | Docente di italiano e latino | Autore di "A un passo da te" (Linee infinite), "Tramonti di cartone" (GM Press), "Cortocircuito" e "Ribut" (Guida editore)

Vedi tutti gli articoli di Marcello Affuso

Commenta