Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Eclissi parziale

Eclissi parziale, abbraccio universale tra Luna e Sole

Venerdì mattina tra le 9.00 e le 11.45 un’eclissi parziale di sole saluterà l’arrivo della primavera. Come in un abbraccio, anche se da molto lontano, gli astri a noi più familiari si saluteranno dando un’ulteriore prova di quanto sia potente l’energia dell’Universo.

Fin da bambino ho avuto la necessità di capire come e perché accade un fenomeno di tale rilevanza e spettacolarità, forse perché affascinato da un film della mia infanzia, Ladyhawke.

Cos’è una eclissi parziale?

Un’eclissi di Sole è quel fenomeno durante il quale -per chi guarda dalla terra- il disco solare viene oscurato totalmente o in parte dalla Luna. La proiezione dell’ombra lunare è possibile grazie ad un allineamento Terra, Luna, Sole e quando il nostro satellite impegna un punto detto nodo di un’eclittica, percorso apparente che compie il Sole.

L’eclissi più osservata e ricercata è quella totale, in quanto durante il fenomeno è possibile studiare la corona solare. Questo accade quando la Luna è ad una distanza tale da apparire grande a sufficienza da oscurare il disco solare, se la distanza non è sufficientemente adeguata accade che l’eclissi si definisce come anulare, in quanto la parte visibile del disco solare è associabile ad un anello.

L’eclissi di venerdì sarà di tipo parziale, in quanto, pur verificandosi un’eclissi totale, l’osservatore in Italia sarà fuori dalla zona d’ombra e potrà solo osservare il fenomeno parzialmente.

L’Istituto Nazionale di Astro Fisica – Osservatorio Astronomico di Capodimonte presenta l’eclissi parziale di Sole con una serie d’incontri che animeranno la mattinata di venerdì 20 marzo 2015.

Dalle 9.00 alle 9.30 l’astrofisico Thomas Straus, che da tempo studia la nostra stella ed i suoi influssi sulla terra, terrà una conferenza sull’evento, prima in inglese “…and during the battle the day suddenly turned night ” e poi dalle 9.45 alle 10.15 in italiano “ e, nel corso della battaglia il giorno all’improvviso diventò notte ”.

Dalle 10.15 alle 11.30 osservazione dell’Eclissi parziale di Sole, tutti a guardare il fenomeno celeste.

Sulla pagina facebook dell’ Osservatorio Astronomico di Capodimonte, inoltre, sarà possibile vedere l’eclissi in diretta.     

Quali sono i consigli per evitare problemi alla vista? Bisogna ricordare che l’osservazione diretta del Sole è pericolosa e può portare seri e gravi danni permanenti agli occhi.

Per osservare l’ecclissi in sicurezza è necessario munirsi di filtri e occhiali appositi, non bisogna cadere nel tranello del vecchio trucco del vetro affumicato. Nel caso non riuscissimo a reperire i filtri dedicati, potremo optare per un un vetrino per maschera da saldatore acquistabile anche nei comuni ferramenta, l’importante è chiedere che sia con filtro di protezione tipo 14 per schermare a sufficienza i raggi solari durante l’ecclissi.

Gli stessi accorgimenti valgono per gli apparecchi fotografici, in quanto anche sensori e supporti vengono compromessi dall’esposizione diretta dei raggi solari.

Altro trucco è ricreare con un foro, in una scatola o cartoncino nero, una sorta di camera oscura che proietterà l’eclissi sul terreno oppure, incrociando le mani, l’ombra delle stesse dita proiettate su di un piano permetterà di vedere il fenomeno senza doverlo fissare con gli occhi in maniera diretta.

Se avrete la fortuna di trovarvi in un bosco gli stessi alberi permetteranno di vedere proiettata l’eclissi più e più volte, in quanto le foglie ricreeranno il foro come da pinhole.

L’eclissi parziale di venerdì è un appuntamento al quale difficilmente vorremo mancare, anche perché la prossima sarà tra cinque anni.