Seguici e condividi:

Eroica Fenice

spoilerare

Attenzione: pericolo spoiler!

Spoilerare, che brutto vizio!

NB: Per chi non ha visto “Il Sesto Senso”, l’articolo contiene spoiler.

Da giorni è cliccatissimo sul web e su YouTube: “Il Trono di Spoiler”, un simpatico video che, partendo dal pericolo spoiler per l’ultima puntata della quarta serie de “Il Trono di Spade”, ironizza su questa fastidiosa “seccatura”. Gli autori sono i The Jackal, gruppo napoletano che, a colpi di video surreali e popolarissimi, si è ritagliato uno spazio importante su YouTube e su Facebook. Ne “Il Trono di Spoiler” i The Jackal hanno un problema: Alfredo. Quell’ amico – quello che abbiamo tutti – che spoilera tutti i finali delle serie tv.

Ma, per chi non ne fosse ancora a conoscenza, spieghiamo in cosa consiste esattamente uno spoiler. Dall’inglese TO SPOIL, “rovinare”, lo spoiler è quella cosa che ti capita all’improvviso quando qualcuno, senza previa autorizzazione (che gusto c’è sennò?), ti anticipa il finale di qualcosa (film, serie tv, libri, fumetti), tipo che il protagonista muore. Un po’ come se, nel caso in cui non avessi ancora visto “Il Sesto Senso”, ti dicessero: «Comunque nel film Bruce Willis in realtà è morto». La pratica è universalmente considerata contraria a qualunque norma del viver civile, in quanto lede i diritti fondamentali del cittadino.

Cosa si può spoilerare?

Quali sono i campi di applicazione dello spoiler? Ovvero, cosa si può spoilerare? Di fatto si può spoilerare praticamente qualunque cosa, a patto che l’interlocutore sia all’oscuro dell’evolversi degli eventi.

Il pericolo spoiler si nasconde, in particolare, in rete. Ma, udite udite, non è inevitabile. Ci sono dei modi per contrastare questa annosa piaga. Esistono metodi meno radicali che disconnettersi da Internet, ad esempio, prima di ogni episodio di una serie che si segue. Si sa che gli spoiler viaggiano veloci sui social network ed è lì che bisogna agire principalmente. Su Twitter esistono delle soluzioni come TweetDeck, che filtra alcune informazioni. Per Tumblr ci sono estensioni come Tumblr Savior, che permettono di bloccare contenuti che includono certe parole chiave. Per Facebook, invece, l’estensione Posts Filter consente, come dice il nome stesso, di filtrare i post da ogni tipo di informazione indesiderata. Guardando alla rete nel suo complesso, Unspoiler permette di premunirsi contro gli spoiler su Internet. Insomma ce n’è abbastanza per riacquistare l’agognata tranquillità. Voi, comunque, non abbassate la guardia: uno spoiler è sempre dietro l’angolo.

Nunzia Serino