Se anche il 3D stereoscopico entra nel gaming

Le ultime novità dal mondo del gaming parlano di un progresso sempre più forte, di investimenti di livello per migliorare l’esperienza degli utenti e per rendere unica l’attività di gioco. Programmazione, sperimentazione, sviluppo. Sono queste le parole chiave di un settore che è cresciuto tantissimo, tanto da diventare un punto di riferimento per la nostra economia.

Le ultime novità, interessanti e all’avanguardia, arrivano per gli appassionati dall’evento del Global Press Conference 2022 (link originale), durante i quali si è parlato di tecnologia e di sostenibilità, ovviamente, ma anche di gioco. Proviamo a capire perché.

Lo SpatialLab e il nuovo 3D

Protagonista della rassegna è stata la Acer, che ha presentato un nuovo display Oled per i nuovi computer portatili, usufruibili anche nelle fasce più economiche. La grande novità arriva però dalla nuova tecnologia 3D stereoscopica senza occhiali, resa disponibile per tutti i gamers grazie al SpatialLabs TrueGame e al notebook Predator Helios 300 SpatialLabs Edition.

Grandi prestazioni ma anche sostenibilità. Lo ha spiegato il Contry Manager di Acer, Diego Cavallari: “Quando il laptop Acer Aspire Vero lavora su carichi meno intensi – ha raccontato ai microfoni de IlSole24Ore – il software VeroSense di Acer offre agli utenti la possibilità di selezionare una modalità d’uso ottimizzata per l’efficienza energetica e una maggiore durata della batteria”.

Una svolta per la grafica

Ma la grande novità è quella della grafica. Il laptop gaming Predator Helios 300 SpatialLabs Edition porta il concetto di 3D anche nel mondo dei computer portatili, dopo le sperimentazioni compiute con successo da alcune delle principali piattaforme di casinò online, un altro segmento di grande importanza per l’industria del gioco e dell’intrattenimento, che negli ultimi tempi sta lanciando diversi titoli basati sulla grafica 3D.

Quello di Acer è un display da 15,6”, frequenza a 60 Hz e risoluzione 4k che nella modalità 3D stereoscopico scende a 2k. Il processore invece è un Intel i9 di dodicesima generazione, una Nvidia GeForce RTX 3080, 32 GB di RAM DDR5 da 4.800 MHz e SSD PCIe 4.0 NVMe. Un hardware di tutto rispetto, per un prezzo non proprio per tutti. I primi modelli si aggirano su una quotazione di almeno 3 mila e 200 euro. Quello che è ovvio, insomma, è come Acer SpatialLabs View sia destinato a un pubblico di professionisti, di gamers esperti, di programmatori esperti in un utilizzo di grande livello. In attesa di vedere anche l’ultima novità: quella del Laptop Swift 3 oled.

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.