Videogiocatori contro hacker: 3 semplici metodi per rendere sicuro il gaming

Ormai non esistono più i videogiocatori “da scantinato”, ragazzini che si organizzano per giocare esclusivamente in locale con i propri amici. Il gaming si è evoluto negli ultimi decenni, divenendo un medium sempre più importante e nel quale il denaro circola ampiamente grazie ai numerosi servizi online. Si va da sottoscrizioni mensili, gioco online, contenuti in-app, acquisti extra e così via: una macchina dal valore di oltre 100 miliardi di euro annui. Ricordate quando si acquistava una cartuccia o un CD, lo si inseriva nella console e si poteva giocare senza alcuna preoccupazione? Quei tempi sono decisamente finiti: per poter utilizzare una console, infatti, bisogna inserire tutti i propri dati anagrafici finalizzati alla creazione di un account, che a sua volta verrà connesso alla rete qualora questa sia disponibile per poter usufruire della macchina da gioco. Com’è facile immaginare, esistono milioni di account in tutto il mondo, molti dei quali collegati a dati sensibili tra cui anche informazioni su carte di credito, utili per l’acquisto di videogiochi o contenuti aggiuntivi. Non è un caso, pertanto, che molti criminali informatici si siano interessati a questo mondo, cercando di ottenere le informazioni dei videogiocatori per rubare dati sensibili e fondi stanziati sulle carte di credito. È divenuto un imperativo, quindi, proteggersi dagli hacker e dai malintenzionati utilizzando tutte le precauzioni del caso. Vi starete chiedendo quali: ebbene, ecco alcune delle procedure essenziali.

Rendere sicura la propria connessione

La connessione a Internet non è mai sicura al 100%: si può sempre incappare in un link malevolo, in un sito creato ad hoc per rubare credenziali e in tante altre minacce sapientemente create dai criminali informatici. Uno dei modi migliori per evitare situazioni del genere è tramite l’uso di una VPN: la Virtual Private Network, infatti, utilizza la crittografia per proteggere i dati inviati dalla console ai server, rendendo più difficile l’intercettazione da parte di terzi. Sottoscrivere un abbonamento a una VPN ha un costo esiguo ma i vantaggi sono innumerevoli, non solo in ambito gaming.

Usare password efficaci

Secondo alcuni report annuali, gli utenti che si ostinano a utilizzare password troppo semplici o facilmente identificabili sono ancora tantissimi. Per un criminale informatico è molto facile accedere ad account con una chiave elementare, come per esempio “password” oppure “123456”. Per questo motivo è importante impostarne una davvero efficace, che mescoli numeri, lettere e anche simboli.

Autenticazione a due fattori

Sistema di sicurezza legato alla password, l’autenticazione a due fattori richiede non solo l’inserimento di quest’ultima ma anche l’utilizzo di un codice univoco inviato di volta in volta su un dispositivo o numero di fiducia. In sostanza, all’accesso verrà richiesta un’autenticazione aggiuntiva, che solo chi è in possesso del numero indicato potrà fornire, bloccando di fatto qualsiasi malintenzionato che è riuscito a scoprire la vostra password. Non dimenticate mai di attivare l’autenticazione a due fattori perché è una delle protezioni più efficaci di cui disponete. Tenete conto che, anche prendendo tutte queste precauzioni, a volte possono esserci delle violazioni dei server delle compagnie, in grado di sottrarre i dati degli utenti anche senza che questi abbiano messo in atto pratiche di navigazione pericolose. Si tratta sicuramente di casi isolati ed eclatanti; tuttavia, se i criminali informatici riescono a prendere di mira un’azienda di dimensioni colossali (come ad esempio Sony), immaginate cosa sono in grado di fare se i bersagli siete proprio voi, con difese del tutto inadeguate. Ricordate pertanto che la sicurezza online, sia per il gaming che per la semplice navigazione, è di estrema importanza e non va mai sottovalutata. Seguite i nostri consigli per mettervi al sicuro e scongiurare attacchi spregiudicati nei vostri confronti.

 

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.