Seguici e condividi:

Eroica Fenice

dea planeta

DeA Planeta in libreria con Il gioco del silenzio di Rob Keller (Recensione)

Cristina, ex famosa criminologa, è una donna razionale, metodica, routinaria. Insieme a suo marito Lorenzo e al figlio Leone vivono a Milano, ma quando inaspettatamente riceve una telefonata dal padre Alessandro, tornerà nella sua città natia a Cadenabbia sul lago di Como, per fare i conti con il passato lasciato in sospeso troppo a lungo e a risolvere un’indagine misteriosa: tutto sotto gli occhi attenti di un orologio. Il gioco del silenzio è il primo romanzo di Rob Keller, appena pubblicato dalla DeA Planeta.

Nato da padre e tedesco e madre italiana, Rob Keller ha per tanto tempo lavorato come mastro orologiaio. Cresciuto proprio sul lago di Como, scrive questo primo romanzo a tinte fosche partendo dalle sue origini, per trasformarle, come uno scrittore dall’estro creativo, in un thriller: dipingendo a tratti immagini quasi cinematografiche a tratti raccontando la storia di una famiglia e di una cittadina misteriosa.

La protagonista Cristina, quando viene a conoscenza della morte improvvisa del caro zio Francesco, decide di tornare a casa, nonostante la decisione presa anni fa di voler chiudere con un brutto passato. Soprattutto tentando di dimenticare il presunto suicidio della madre, e per buttarsi alle spalle il ricordo della famiglia Radlach, la più potente della città, che ancora vive ai piedi del lago nella famosa Villa degli Orologi, per i quali quasi tutta la sua famiglia lavorava.

L’impatto con i vecchi fantasmi fa riemergere tutto nella mente di Cristina, così come i soprusi dei due gemelli Radlach Odessa e Riccardo, e dei coniugi Stella e Martin. Ma in special modo tornano vividamente alla mente le leggende che era solita raccontarle Miriam, sorella del signor Radlach considerata pazza, e di Nicholas, probabilmente l’unica persona di questa pericolosa famiglia ad aver avuto un’anima buona. Sì perché solo qualche tempo prima, anche Nicholas è stato trovato tragicamente morto nelle acque tenebrose del lago, forse spinto dal dirupo da una entità misteriosa.

Ma ovviamente queste morti sospette, che sono ricollegate ad un filo lunghissimo che arriva sino alla madre, faranno riaprire ferite antiche in Cristina, che si troverà anche a dover fare i conti con la sua professione e i ricordi della sua infanzia, per scoprire chi si trova dietro queste sinistre sparizioni.

Il gioco del silenzio ha tanti elementi che si incastrano con l’evoluzione della trama, che vanno a chiudere il libro come si chiudesse una grossa indagine: tutto sullo sfondo tetro di un lago che nasconde in sé tanti misteri e mostri, tra verità e miti, come quello della Dama Bianca o il fantasma della piccola Ghita, che porterà il lettore finalmente a conoscere qual è stato il passato oscuro di Miriam.

Il gioco del silenzio, DeA Planeta: i personaggi e il tempo come protagonista

I personaggi delineati nel romanzo si fondono in quella che è la classica diatriba tra bene e male; da una parte Cristina e il suo curioso ed iperattivo Leone, che entrambi trovano, o ritrovano, l’amore verso Alessandro, il mastro orologiaio che per primo decide di non avere più paura di portare a galla qualcosa a lungo sotterrato in solitudine. E poi dall’altra parte la famiglia Radlach, che vive ovattata nel proprio potere ma rinchiusa in una esistenza torbida probabilmente macchiata da una malevola eredità.

Nel romanzo però il protagonista sembra essere il tempo, quello scandito dai complicati meccanismi di un orologio ma anche quello che muove i ricordi, tra passato e presente, e che poi sarà ricostruito a dovere per ricongiungere il tutto.

Rob Keller riesce ne Il gioco del silenzio a dare forma al non detto, e a cucine una storia con tante sottotrame non uscendone mai perdente, ma come un abile stratega, che con una perfetta ambientazione e un po’ di mistero confeziona un interessante giallo che può essere goduto appieno da tutti i tipi di lettori.

Ilaria Casertano

 

Fonte immagine: Ufficio Stampa DeA Planeta

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *