Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Romanzi per adulti: un incontro di opere tra presente e passato

Romanzi per adulti: un incontro di opere tra presente e passato

Nel corso degli anni, molti sono stati i mutamenti della letteratura, sempre al passo col tempo e con gli ideali della società che un certo libro attraversa o ha attraversato. Sono molti i romanzi per adulti, inizialmente proibiti, che adesso vengono tranquillamente venduti, molti altri ancora i romanzi scritti in epoche passate, ma ancora così attuali per contenuti e concetto di base.

Andando sempre più a fondo e facendo un paragone tra passato e presente, notiamo anche come i generi letterari si siano evoluti e moltiplicati nel corso dei secoli, trovando di continuo nuove sfumature per stuzzicare la curiosità dei lettori. Sono infatti numerose le liste stilate dei libri da leggere almeno una volta nella vita per custodire quelle che sono le emozioni più singolari che solo alcuni classici possono trasmettere. Classici, ma non solo! Oltre i più grandi capolavori scritti, sono notevoli anche i best-seller attuali che scavalcano tutte le classifiche, superando tutti i record di produzione e di vendita. Un esempio è la saga del maghetto di Hogwarts che da oltre un decennio è tra i libri più tradotti e venduti, rientrando nella lista dei libri da leggere almeno una volta nella vita.

Romanzi per adulti: alcuni consigli tra i classici ed i contemporanei

Tra i contemporanei più interessanti consigliamo ”Il desiderio di essere come tutti” di Francesco Piccolo.  Il vincitore del Premio Strega nel 2014 narra in maniera personale, divertente e provocatoria, il viaggio – accidentato e affascinante – che tutti immancabilmente intraprendiamo per incontrare chi diventeremo.

Secondo Paolo Sorrentino «Piccolo ci suggerisce anche una via, con sincerità e senza presunzione, sul come starci, in questo mondo e in questo Paese». 

«Un racconto innovativo, dove la finzione spesso comica e la capacità spesso spietata di autoanalisi trovano un equilibrio ineccepibile» il pensiero, invece, di Domenico Starnone. Un romanzo, dunque, dai tratti singolari e che non bisogna assolutamente farsi sfuggire!

Andando un po’ indietro col tempo, ci soffermiamo e consigliamo uno dei più importanti romanzi della letteratura novecentesca: ”La coscienza di Zeno” di Italo Svevo. Un romanzo dalle mille sfaccettature, che diventa accattivante man mano che la storia continua e che si entra e ci si immedesima nel personaggio di Zeno Cosini in continua lotta con la sua vita malata, il vizio del fumo, la morte del padre, il matrimonio senza amore, un adulterio infelice e l’iniziativa commerciale disastrosa. Il tutto viene descritto con ironia e con l’analisi dei tratti più particolari dell’animo del protagonista, in modo tale da far evincere le dolorose regioni dell’incertezza umana.

Continuando ad esplorare i classici novecenteschi che rientrano tra i romanzi per adulti più letti, poniamo l’attenzione su ”Suite francese” di Irene Némirovsky: un romanzo incompleto che cela intrecci e dinamiche molto interessanti.

Il romanzo è stato ritrovato e pubblicato postumo dalle figlie della scrittrice poiché la donna è stata rinchiusa, ai tempi della seconda guerra mondiale, nei campi di sterminio perché ebrea. Di tutto il romanzo, noi conserviamo solo le prime due parti.

«Quando abbiamo finito di leggere le due prime parti di Suite francese, resta in noi una strana sensazione di letizia. Non sappiamo se essa dipenda dalla gioia nascosta sotto le tragedie della vita; o dalla felicità fisica di raccontare senza fine. Il tono volentieri lirico; l’eco melodiosa della frase; la ricchezza delle sensazioni; la bellezza della natura; gli animali quasi umanizzati; la luce del sole al mezzogiorno o al tramonto; il chiarore onnipresente della luna si sciolgono e si perdono nella fluidità della vita» scrive del libro Piero Citati. Insomma un romanzo che lascia col fiato sospeso qualsiasi persona che, leggendolo, si fa trasportare dalla magia.

Facendo un salto temporale ai nostri giorni, leggiamo tra le righe del Corriere del Mezzogiorno queste parole su Erri De Luca: «il solo vero scrittore di rango che per ora ci abbia dato il Duemila» e, proprio per questo motivo, consigliamo uno dei suoi libri più interessanti Il contrario di uno. Un romanzo ricco di sfumature uniche, una rivelazione, un insieme di storie che sono emergenze che contraddicono la solitudine, che imbrogliano la morte. Il tutto incentrato su una frase: «Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine».

Facendo ora, invece, un parallelismo tra passato e presente, consigliamo da leggere insieme due libri: Lo straniero di Albert Camus e Il caso Meursault di Kamel Daoud. Il primo è un classico novecentesco ed anche il libro più famoso del suo autore, mentre il secondo è un romanzo, a tratti provocatorio, in cui il giornalista Kamel Daoud prova a mettere su carta i pensieri del fratello dell’arabo ucciso nel libro di Camus ed a cui non è mai stata data una vera e propria identità.

Una sorta di riscatto, messo all’opera come un monologo simile anche ad un altro libro di Camus ovvero La caduta. A tal proposito, sul Caso Meursault, vincitore del Prix Goncourt du Premier Roman 2015, la giornalista de Le Monde Macha Sèry afferma che «In futuro Lo straniero e Il caso Meursault diventeranno letture inscindibili». 

Dopo alcuni consigli di lettura di questi celebri (e non) romanzi per adulti, bisogna solo armarsi di tempo e voglia per entrare in questi nuovi mondi ed essere pronti per il grande viaggio nel mondo della letteratura.

 Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/libri-pila-negozio-di-libri-1163695/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *