Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Capodimonte apre le porte alla musica e al cinema

Il Real Bosco di Capodimonte negli anni si apre sempre più ad uno scambio e contaminazioni con diverse forme d’arte. Non solo nel Museo custodisce e mette in mostra svariate esposizioni, ma quest’anno dopo aver ospitato alcuni appuntamenti del Napoli Teatro Festival si apre a nuovi progetti e proposte per l’estate e l’autunno a suon di musica e cinema.

Festival Musica Popolare del Sud Italia

Arte è tale se esprime una visione, un sentimento, un messaggio e come non far spazio dunque in questo bucolico dialogo tra cultura e natura anche alla musica e al cinema? L’estate 2020 sui grandi prati del Bosco di Capodimonte risuonerà con le note della musica popolare napoletana. Un Festival del Sud Italia che si pone in una dialettica di continuità con i reperti esposti all’interno del Museo. Un legame esplicitato già nell’immagine che distingue il festival: due antiche tazze con raffigurazioni di classici balli napoletani! Gli appuntamenti si concentrano in una tre giorni che ha inizio l’8 agosto e termina in climax con uno speciale per la Notte di San Lorenzo. Il biglietto è gratuito e le persone potranno accedere in totale sicurezza (e nel piedo rispetto delle norme anti-covid) muniti di telo per potersi sedere sull’erba e lasciarsi trasportare da canti e ritmi popolari.

Il primo giorno sono previsti la pizzica salentina “Core de Villani” e gli organetti calabresi de “Le Muse del Mediterraneo feat. Antonio Grosso e Ciccio Nucera”. Il 9 agosto è dedicato alla Tarantella di Paternopoli con “I virtuosi della Tarantella” e ai Canti della Terra di Pomigliano d’Arco con “Rareca Antica”. La magica Notte di San Lorenzo ospiterà invece una “Petit Ensemble MusiCapodimonte”, che con la voce di Aurora Giglio allieterà il pubblico in attesa delle stelle cadenti.

Cinema con la rassegna “Monelli e Ribelli”

Ma il Real Bosco di Capodimonte non si ferma qui. Ha in serbo un altro progetto culturale, stavolta legato al mondo nel cinema. In un rapporto via via più stretto con il mondo della cinematografia, il Bosco apre il suo cortile per appuntamenti di cinema all’aperto. Dopo una serie di reazioni positive da parte del pubblico e degli esperti a questo nuovo connubio, sembra ci siano in programma diverse idee per proseguire questo tipo di format. Per il momento si può star sicuri che per il mese di settembre verranno proiettati nei weekend film interessanti e dedicati a temi dell’infanzia e dell’adolescenza; da qui il nome della rassegna “Monelli e Ribelli”.

Si esplorano diverse realtà e storie per restituire un quadro abbastanza ampio sulle realtà e le difficoltà di questa fase di vita. L’11 settembre “Dililì a Parigi” di Michel Ocelot ci porta nel fermento della Parigi Belle Epoque, mentre con “Vincent” di Tim Burton, prodotto dalla Walt Disney, si segue la storia di un avido lettore di 7 anni. Il 12 settembre è dedicato ai più piccoli con “Il libro della giungla” di Wolfgang Reitherman e il 13 settembre ai bimbi cresciuti che conservano uno sguardo di fascino e magia sul mondo con “Big Fish” di Tim Burton. A seguire il 18 e il 19 settembre raccontano la realtà di due bambini orfani, rispettivamente con “Oliver Twist” di Roman Polanski e “Hugo Cabret” di Martin Scorsese. In chiusura della rassegna cinematografica un classico imperdibile che unisce spettori piccoli e grandi d’età: “Gran Budapest Hotel” di Wes Anderson.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply