Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Spa in casa: il gioco vale la candela?

Spa in casa: il gioco vale la candela?

Spa in casa: un lusso per pochi

Spa. Centri benessere. Percorsi termali. Sempre più italiani amano ritagliarsi del tempo libero nei weekend per passare una giornata o anche solo un paio d’ore in questi luoghi paradisiaci. Coccolati tra le bollicine dell’idromassaggio o dal calore del bagno turco, il rilassamento – così come un momentaneo distacco dai problemi – è assicurato. E se questa sensazione potesse essere ricreata nell’ambiente domestico? A patto di avere abbastanza spazio è possibile, infatti, pensare di adibire un’ala della casa al relax, oppure integrare in maniera opportuna la zona bagno. Vediamo come è possibile ricreare una spa in casa e se ne vale veramente la pena.

Spa in casa: qualche dritta!

Partiamo dalla cromoterapia. Essa può essere simulata con led da applicare direttamente alla doccia (vedi alcuni soffioni doccia su idroclic.it) possibilmente in una di quelle con cascata cervicale e radio fm integrata. In commercio ci sono diversi box che possono soddisfare questa esigenza e non sono particolarmente costosi, si parla di circa 700 euro su Amazon. L’unico requisito – al di là dello spazio e della disponibilità economica – è avere un attacco idrico ed elettrico.

‌Discorso diverso va fatto per bagno turco e sauna finlandese, questi sì che sono dei veri e proprio lussi. Per il primo, si può pensare ad un adattamento del box doccia che dovrà essere chiuso nella parte superiore e frontale con una porta a tenuta stagna. Serve poi un generatore di bagno Turco il cui prezzo si aggira intorno ai 3000 mila,  se vogliamo il full optional. Per quanto concerne la sauna, invece, l’investimento da fare sarà ingente a dir poco.  Una sauna con due panche, infatti, non ha un costo minore di 8000 euro. Altro problema da tener presente è il consumo. Il contratto standard di fornitura energetica potrebbe non essere sufficiente e tra adeguamento e canone annuale si rischia nuovamente il salasso. La spa in casa, quindi, per quanto teoricamente fattibile non è di certo consigliabile. Il lusso, in questo – come in tanti altri casi – non vale la candela.


Spa in casa, ecco quello che serve: