Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Perigeo lunare

Perigeo lunare e la superluna, cosa sono?

Perigeo lunare, una spiegazione semplice

 

Nella notte tra il 12 e il 13 luglio molti di noi sono rimasti ad ammirare il cielo notturno che ospitava la superluna, un fenomeno celeste che non capita con una cadenza ciclica regolare, ma quando avvengono determinati accadimenti astronomici, come il perigeo lunare. 

Il termine superluna non è un termine puramente scientifico, ma  di uso comune per indicare la coincidenza della luna piena e del  perigeo lunare.  Per prima cosa spieghiamo cosa sono questi due fenomeni astronomici.  Si definisce  Luna piena o plenilunio quando l’emisfero lunare è completamente illuminato dal sole e visibile dalla Terra. Quando ciò avviene la Luna si trova opposta alla posizione del Sole che la illumina per tutta la notte permettendo di ammirare con una certa nitidezza la superficie lunare.  Il perigeo lunare, invece coincide con il punto di minima distanza tra la Luna e la Terra, la distanza minore tra i due corpi celesti in queste fase è di 356.400 km, che, nel nostro caso, verrà raggiunta il 10 agosto, mentre il 12 luglio e il 9 settembre è stata e sarà intorno ai 370.400 km.

La Luna ci appare “super” proprio perché la maggior vicinanza alla Terra è messa in risalto dal plenilunio: durante il periodo del perigeo lo specchio lunare può apparirci anche fino al 15% più grande del normale. Per poter osservare la Luna in maniera eccellente, così come per le stelle, sarebbe consigliabile trovarsi in un luogo che abbia poco inquinamento luminoso, quindi con poca illuminazione che vada a disturbare la visione e se vogliamo l’atmosfera. La visibilità del fenomeno è soggetta ai fenomeni atmosferici: ricordiamo, infatti, che il fenomeno può accadere anche durante l’inverno, durante quei mesi in cui le condizioni metereologiche non sono particolarmente clementi. 

Perigeo lunare e la superluna, curiosità

Piccole curiosità. La Luna come la vediamo noi è leggermente più piccola rispetto a quella che poteva essere vista dai nostri antenati millenni addietro dal momento che la Luna tende ad allontanarsi all’incirca di 3cm all’anno. La conferma di questo allontanamento si è avuta con il posizionamento di specchi sulla superficie lunare su cui veniva riflesso un laser collimato proiettato dalla Terra. La causa di questo allontanamento progressivo è dovuta alle leggi di Keplero.

Altra piccola curiosità. Quest’anno ricorrono i 45 anni del primo allunaggio: il luogo in cui l’Apollo 11 tocco il suolo lunare, il Mare della Tranquillità, questa grande pianura basaltica, sarà visibile nella parte destra dello specchio visibile e nei pressi del centro alle coordinate 8°30′N 31°24′E.
Condizioni meteorologiche permettendo si presagisce un grande spettacolo. 


Perigeo lunare, alcuni libri sulla luna

Print Friendly, PDF & Email