Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il quartiere Soccavo contro la nuova antenna telefonica

Il quartiere Soccavo contro la nuova antenna telefonica

Dal mese di agosto il quartiere Soccavo, della periferia occidentale napoletana, lotta contro l’installazione di un’antenna telefonica sul tetto di un edificio nel Parco Primavera, di via Giustiniano, una zona ad altissima densità di popolazione.
Il 20 settembre, Soccavo scende in piazza per difendere il proprio diritto alla salute e il rispetto delle normative relative all’installazione di ripetitori, le cui onde risultano, nel tempo, fortemente nocive, laddove proprio in queste ore sta sorgendo un’antenna che mina la serenità e la salute di tutti.

Antenna telefonica in un centro abitato: un serio rischio per la salute di Soccavo

I primi sopralluoghi per l’installazione dell’antenna di base radio per telefonia mobile sono avvenuti nelle prime settimane del mese di agosto, ma solo negli ultimi giorni sono incominciati i lavori per l’effettiva installazione, vissuta dai soccavesi come una tragica realtà. Vivo e forte è lo sdegno e la disapprovazione degli abitanti del Parco Primavera, di via Giustiniano e del quartiere Soccavo intero, che ha visto con orrore concretizzarsi un serio rischio per la salute di tutti.
“Noi ci opponiamo a questa costruzione. Impensabile che si possa installare qui un’antenna telefonica. In questo parco vivono persone ancora in chemioterapia e il parco giochi adiacente è frequentato da molte famiglie con bambini. Saremo costretti a vendere gli appartamenti in cui viviamo.” dichiara un’abitante del Parco Primavera, e aggiunge: “Non ci sembra corretto che questa decisione sia stata presa dagli abitanti del palazzo senza prima interpellare il resto del parco”.
Nella mattinata del 20 settembre, vediamo protestare madri e padri di famiglia, preoccupati per l’avvenire e la salute dei loro figli, timori che sembrano esser confermate dalle parole di Pina Tommasielli, di Medici per l’ambiente e che, purtroppo, ad oggi non trovano alcuna risposta nelle istituzioni.
“L’Agenzia Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) classifica le onde elettromagnetiche ad alta intensità come potenzialmente cancerogene. In questi casi, vige il principio di cautela. In una zona che sia densamente abitata, dove sorgono case, uffici e scuole, non è opportuno inserire elementi potenzialmente nocivi, com’è chiaramente sancito dalla carta di Maastricht.”
I potenziali danni del ripetitore saranno percepiti non nell’immediato ma nel tempo, con danni riscontrabili negli anni a seguire. Ancora una volta, si assiste al dramma tutto italiano delle popolazioni abbandonate di fronte al rischio, impotenti ed incapaci di mettervi un freno, senza i dovuti monitoraggi ambientali e sanitari.
Popolazioni che, però, non si arrendono, ma scendono in piazza per una giusta lotta, perché nessun bene è più prezioso della salute.

Print Friendly, PDF & Email