Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Avena: proprietà e benefici del super cereale

Avena: proprietà e benefici del super cereale

L’avena è una pianta erbacea da cui si ricava un cereale in chicchi ricco di benefici e proprietà. Questo alimento è una fonte di carboidrati a lenta digestione; è ricco di fibre ed è una fonte energetica a lungo termine che non comporta picchi insulinici pericolosi.

L’avena è un super cereale di utilizzo tanto antico quanto dimenticato; i popoli della Germania e della Scozia ci basavano la loro alimentazione. La pianta, infatti, risulta anche particolarmente adatta alla coltivazione nei paesi nordici perché riesce a superare i climi rigidi. I popoli scozzesi e tedeschi consumano ancora molto questo cereale – per esempio a colazione nel porridge o nel muesli. Noi italiani, invece, l’abbiamo riscoperto solo negli ultimi anni.

Fiocchi, crusca e farina: le forme che assume l’avena 

L’avena è consumata in diverse forme: come farina, molto usata nella preparazione di dolci, in fiocchi, utilizzati ad esempio per il muesli, oppure sotto forma di crusca. Questo cereale, anche lavorato, mantiene la crusca e il germe, che sono le parti del chicco in cui si trovano la maggior parte dei nutrienti e le sostanze cardioprotettive.

Dalla pianta di avena è anche possibile ricavare un ottimo latte vegetale.

L’avena è etichettata come il cibo per i purosangue – sia cavalli che atleti e sportivi – ma in realtà questo cereale ha dei benefici multipli e sempre più diete, anche ipocaloriche, lo vedono partecipe nella creazione dell’alimentazione corretta per l’uomo.

Proprietà e benefici del super cereale

Tra tutti i cereali l’avena è innanzitutto l’alimento più ricco di proteine e di sostanze grasse – tra cui l’acido linoleico. Il contenuto di fibre solubili rende poi l’avena un alimento molto saziante e le conferisce i poteri di regolarizzare la produzione intestinale e normalizzare il peso corporeo.

Una delle prime proprietà riconosciutele deriva dalla presenza di betaglucano, che funziona come una spugna. Esso intrappola il colesterolo di provenienza alimentare in un gel che attraversa l’intestino fino ad essere espulso. L’avena favorisce dunque i livelli di colesterolo. Gli studiosi ne consigliano l’assunzione di 40 grammi al giorno sotto forma di crusca.

L’avena è un ottimo alimento riequilibrante, anche per i vegetariani, perché contiene la proteina lisina, un amminoacido essenziale del frumento che, essendo contenuto in quantità ridotte rispetto agli altri, diviene limitante per la sintesi proteica.

Il basso indice glicemico permette a questo cereale di entrare nell’alimentazione per i diabetici ed è anche utile nelle diete ipocaloriche, perché permette di controllare il senso di sazietà.

L’avena ha proprietà diuretiche e lassative, stimolando l’intestino pigro. Siccome è molto digeribile, è indicata anche per chi soffre di gastrite, colite e altri disturbi digestivi.

Per quanto riguarda invece gli aspetti psicologici, l’avena dà ottimi risultati in casi di depressione, nervosismo, insonnia ed esaurimento psicofisico. L’avenina, un alcaloide concentrato nella crusca di avena, è dotato di effetto tonificante, energetico e riequilibrante del sistema nervoso. L’avena è dunque consigliata per chiunque soffra di stress o cali di attenzione, per gli sportivi e le neo-mamme in fase di allattamento.

Mangiare costantemente avena protegge le nostre arterie dall’aterosclerosi. Questo super cereale è un alleato del cuore, del sistema nervoso, dell’intestino e del fegato.

L’avena è anche utilizzata in fitoterapia. Con le sue foglie si preparano tisane dall’effetto rinfrescante, diuretico e lassativo. Per una porzione basta lasciare in infusione 3 g della parte verde delle foglie in 250 ml di acqua bollente per dieci minuti e il gioco è fatto!

Attenzione alla celiachia: la tossicità per i celiaci è ancora dibattuta. Gli ultimi studi sembrerebbero confermare il possibile utilizzo del cereale da parte dei celiaci ma ci sono anche delle prove a svantaggio di questa tesi.

Dal porridge alla crema idratante: gli utilizzi dell’avena nella cosmesi

Come spesso accade l’avena è benefica non solo per l’organismo ma anche dal punto di vista cosmetico. La Food and Drug Administation (FDA), l’agenzia per medicinali e alimenti americana, ha riconosciuto solo nel 2003 i benefici dell’avena per la pelle.

Innanzitutto l’avena fornisce un’ottima azione detergente per la pelle perché assorbe le impurità ed esfolia la pelle senza irritare. Risulta efficace contro i punti neri e per eliminare le cellule morte della pelle. Spesso la si trova nascosta negli ingredienti di vari struccanti per viso. Sembra abbia anche delle proprietà lenitive contro i segni dell’acne.

Nutritiva e idratante, l’avena previene la secchezza e dona luminosità. Normalizza il ph, controlla l’oleosità della pelle, calma le irritazioni e le screpolature.

Dulcis in fundo l’avena aiuta i capelli fragili e sottili rafforzando la fibra capillare; contiene sostanze in grado di formare una pellicola attorno al fusto, proteggendo il capello dagli agenti esterni. Previene e contrasta la forfora e la caduta dei capelli.

Fonte immagine: https://www.pexels.com/it-it/foto/1394832/

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply