Cosa ti occorre per fare un trasloco ed imballare i tuoi oggetti

Sei pronto per il trasloco? Effettivamente può essere complicato gestire un cambiamento casa, soprattutto per quanto concerne l’impacchettamento di mobili ed oggetti personali. Per organizzare tutto nei minimi particolari avrai bisogno di scatole e di tanto altro materiale che ti renda sicuro e pratico il momento del trasporto. Vediamo insieme tutto quello che devi sapere, soprattutto su scatole e scatoloni

La scelta delle scatole e degli scatoloni

Scatole e scatoloni sono i due primissimi materiali necessari per il trasloco. Sono facili da reperire, in commercio esistono diverse tipologie e diverse dimensioni, tutto dipende dalle tue specifiche esigenze. Se non sei particolarmente proteso a spendere un capitale, puoi anche usare vecchi scatoloni dei negozianti, purché siano integri e ben tenuti. Se invece preferisci andare sul sicuro e comprare scatole per imballaggi ad hoc, allora affidati alle migliori aziende produttrici, con un ottimo rapporto qualità prezzo.

Giacché siamo nel vivo del discorso, dedichiamo un appuntino anche ai tipi di scatole che puoi trovare in commercio per fare il trasloco. Le più gettonate sono cartone ondulato, onda singola, doppia e tripla. Per quanto concerne il cartone ondulato, è perfetto per quegli scatoloni in cui andranno riporti oggetti delicati: in questo modo si crea un ottimo rivestimento separatorio che permette di non rompere gli oggetti. Per quanto concerne invece cartone ad onda singola, doppia o tripla, si distinguono tra loro per prezzo e resistenza, e anche in questo caso la scelta cambia in base a quello che devi metterci all’interno: l’onda singola è meno resistente, la doppia ha una resistenza media e la tripla è molto più resistente. Se si tratta di un trasloco domestico, possono andare bene anche solo le scatole ad onda singola, o doppia solo per gli oggetti più delicati.

Carta da imballaggio con bolle, nastro adesivo ed etichette

Non bastano solo scatole e scatoloni. Soprattutto per quegli oggetti che vanno protetti, che rischiano di subire urti e graffi, ci vogliono anche materiali da imballaggio protettivi. In questo caso ti suggeriamo di comprare dei rotoli di pluriball, che puoi trovare sia online che nei negozi per la casa. Avvolgi la carta intorno agli oggetti e vedrai che avranno una protezione maggiore durante la fase del trasporto da un posto all’altro.

Non dimenticare poi di mettere anche nastro adesivo ed etichette a portata di mano. Ti serviranno per sigillare bene gli scatoloni e per scrivere su ognuno di essi quale sia il contenuto. Così rendi più sicuro il trasporto, ma anche l’individuazione di quello che può servirti.

Il caso della carta da imballo

Se non vuoi usare l’imballaggio con bolle, puoi comprare la carta riciclata. Serve sempre ad imballare e a proteggere tutti i tuoi oggetti, ma soprattutto ti aiuta a riempire quegli spazi vuoti che a volte si creano tra un oggetto e l’altro nelle scatole. Se vuoi risparmiare puoi usare la carta di giornale, altrimenti in negozio trovi la classica carta riciclata (sarebbe quella marroncina per intenderci) nata appositamente per questo specifico utilizzo.

Ultimi consigli

Non ci resta che dare qualche ultimo consiglio su come mettere gli oggetti nelle scatole. In primis prendi oggetti pesanti e metti in scatole maneggevoli. Questi oggetti qua vanno posti sul fondo, mentre quelli più easy in superficie. Non dimenticare mai di avvolgere gli oggetti, soprattutto quelli delicati. Non lasciare spazi vuoti, in quanto rischi che gli oggetti urtino tra loro. Per quanto concerne il vestiario, cerca di piegarlo bene al fine di avere più spazio a disposizione. I piatti vanno imballati in verticale, mentre bicchieri ed altre stoviglie in orizzontale (ogni tipo di stoviglia deve avere il suo scatolo). Dividi il contenuto delle scatole in base alle stanze ed usa come detto in precedenza le etichette. Fai un inventario.

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.