Cosa visitare a Bacoli? 5 attrazioni da non perdere

cosa visitare a Bacoli

Cosa visitare a Bacoli? Eroica Fenice consiglia cinque attrazioni turistiche da non perdere

Bacoli è il secondo comune più importante della regione flegrea, soprattutto in relazione al patrimonio storico e archeologico dei Campi Flegrei. Sebbene oggi della “Bauri” romana resti ben poco, i suoi resti archeologici emanano un fascino che trasporta i visitatori nel passato. Grazie al suo vasto patrimonio archeologico, i viaggiatori possono sperimentare la vera bellezza e un’ampia scelta di itinerari enogastronomici, naturalistici e archeologici. In questo articolo, Eroica Fenice consiglia cosa visitare a Bacoli.

  • Castello Aragonese (Baia)

Tra le prime cose da visitare assolutamente, partiamo con il Castello di Baia. Costruito dagli Aragonesi tra il 1490 e il 1493 e ampliato durante il vicereame spagnolo dal XVI al XVIII secolo, il Castello si erge su un promontorio del Golfo di Baia. Nato come struttura militare strategica, ha assunto in seguito un carattere artistico e archeologico. Oggi ospita il Museo Archeologico dei Campi Flegrei, costruito alla fine del secolo scorso e trasformato nella sua forma attuale nel 2010. La struttura è suddivisa in 3 sezioni: Cuma, Pozzuoli e Rione Terra. L’itinerario tratta dei resti di una magnifica villa romana, eccezione all’architettura residenziale marittima, che si estende per circa 100 metri dal mare alla cima del promontorio, oggi occupati dall’eroe del castello, la Sala dei Cavalieri, il cui pavimento romano, decorato con ornamenti e mosaici in bianco e nero, rimane in ottimo stato. La villa, che potrebbe essere appartenuta a Cesare stesso, fu costruita nel II secolo a.C., poi ristrutturata nel secondo quarto del I secolo a.C. e nel periodo neroniano, quando la proprietà fu trasferita allo Stato imperiale. Le sezioni del museo situate in parti remote del castello possono essere esplorate in modo dinamico e vivace attraverso rampe, scale e terrazze panoramiche fino alla magnifica Piazza Almi che si affaccia sul Golfo di Napoli. 

  • Parco Archeologico delle Terme di Baia

Cosa visitare a Bacoli assolutamente? Il complesso archeologico di Baia. I monumenti più importanti sono edifici a cupola ad arco come il Tempio di Diana, il Tempio di Mercurio e il Tempio di Venere (tutte strutture termali e non luoghi di culto, anche se conservano i nomi popolari).

  • Parco sommerso di Baia

Il Parco Archeologico Subacqueo di Baia per “Travel Lesure” è uno dei siti di immersione più spettacolari al mondo. È nota anche come “Pompei sommersa” perché ha una struttura simile a quella della città romana. È possibile effettuare quest’escursione tramite un’imbarcazione con prua finestrata, dove si può stare comodamente seduti sotto la superficie del mare e osservare rovine di ville subacquee, colonne, mosaici, reperti archeologici, vita marina e fenomeni vulcanici sottomarini.

  • Casina Vanvitelliana

La Casina Vanvitelliana fu costruita nel 1782 su richiesta di Ferdinando IV di Borbone da Carlo Vanvitelli, figlio di Luigi Vanvitelli, architetto della Reggia di Caserta. Si trova su un isolotto del Lago Fusaro a Bacoli, collegato alla terraferma da un pontile in legno. In sostanza, si trattava di un casinò reale costruito all’epoca per la caccia e la pesca. L’architettura, fatta di forme geometriche, grandi vetrate e terrazze, insieme all’unico specchio d’acqua che la incornicia, rende la villa particolarmente attraente e suggestiva. Nella villa hanno soggiornato personalità di spicco come Rossini, Mozart e il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi.

  • Piscina Mirabilis

La Piscina Mirabilis, era in origine un serbatoio per l’acqua potabile. Essa prende il nome dalla grandiosità della sua struttura e fu costruita in epoca augustea a Miseno, a nord-ovest del Golfo di Napoli. Il monumento segna il punto in cui l’acquedotto, voluto da Augusto e realizzato sfruttando le sorgenti dell’Acquaro di Serino nell’alta Valle del Sabato, raggiungeva Miseno ed era destinato a soddisfare le esigenze della “Classis Misenes’’. La sua impronta architettonica — 70 m di lunghezza, 25,5 m di larghezza e 15 m di altezza — e il fascino dei suoi spazi interni perfettamente conservati ne hanno fatto una delle strutture più famose e visitate dal XVIII secolo. La cisterna ha ingressi a scalinata agli angoli nord-ovest e sud-est, con il primo ingresso ora servito da una rampa in ferro. Una volta entrati, i visitatori hanno la sensazione di essere entrati in una cattedrale sotterranea. È in questo bellissimo sito storico e archeologico dei Campi Flegrei che si svolge la scena finale più rappresentativa del film di Sorrentino È stata la mano di Dio.

Fonte immagine in evidenza: Wikipedia

Leggi anche:

La magia di una vacanza di charme in Costiera Amalfitana

A proposito di Martina Barone

Studentessa di Lingue e Culture Comparate presso L'Orientale di Napoli. Studio inglese e giapponese e sono appassionata di cultura giapponese, letteratura, arte e cinematografia.

Vedi tutti gli articoli di Martina Barone

Commenta