Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: film da vedere contiene 34 articoli

Cinema e Serie tv

Un giorno all’improvviso di Ciro D’Emilio, il cast al cinema Pierrot

Al cinema Pierrot il cast de “Un giorno all’improvviso” Un giorno all’improvviso, l’acclamato film vincitore nella sezione Orizzonti al recente Festival di Venezia, è stato presentato al pubblico di Arci Movie. La proiezione, avvenuta ieri sera nel Cinema Pierrot, è avvenuta alla presenza del regista Ciro D’Emilio e degli attori Giampiero De Concilio, Giuseppe Cirillo e Lorenzo Sarcinelli. Il film, che racconta storia di Antonio e del suo sogno di diventare un calciatore per una squadra importante, si è aggiudicato i premi Nuovo Imaie Talent Award (Giampiero De Concilio) e il Premio di Critica Sociale “Sorriso Diverso Venezia”. Anna Foglietta, altra grande protagonista della pellicola, per la sua prova è stata invece candidata come miglior protagonista ai David di Donatello 2019. Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana. Con lui vive Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che ama più di ogni altra persona al mondo. Carlo, il padre di Antonio, li ha abbandonati quando lui era molto piccolo e Miriam è ossessionata dall’idea di ricostruire la sua famiglia. All’improvviso la vita sembra regalare ad Antonio e Miriam una vera occasione: un talent scout, Michele Astarita, sta cercando delle giovani promesse da portare nella Primavera del Parma e sta puntando sul ragazzo. Un giorno all’improvviso, di Ciro D’Emilio: continua il Cineforum dell’ArciMovie La storia, apparentemente semplice, si inserisce perfettamente in un momento storico particolare per il cinema italiano. Riaffiorano infatti a più riprese gli elementi tipici del neorealismo, un genere che ha dato grandi risultati e soddisfazioni al nostro panorama cinematografico. Sempre più registi, attori e sceneggiatori scelgono infatti di occuparsi di storie di vita quotidiana, in particolare di occuparsi dell’infanzia o, in questo caso dell’adolescenza. Di racconti di formazione è pieno il cinema internazionale ed italiano. Basti pensare al recente La Paranza dei Bambini, solo per rimanere nel panorama regionale nostrano.  Un genere ormai consolidato e spesso indigesto per retorica e luoghi comuni. Perché i Bildungsroman, specialmente di quella fase così delicata che è l’adolescenza, non bisogna darli per scontati, ma saperli condurre. Il regista Ciro D’Emilio applica alla perfezione queste regole apparentemente elementari. Viene fuori a mano a mano il racconto della crescita del giovane Antonio, posto di fronte ad un percorso e ad una serie di scelte importanti, al punto da sfidare il volere della figura più importante della sua esistenza, la mamma Miriam. Un giorno all’improvviso è uno splendido film, perché capace di intrattenere e far riflettere nella sua superficiale semplicità. Giampiero De Concilio, il protagonista all’esordio cinematografico, è eccezionale nella sua prova attoriale. Va dato atto del merito anche al regista Ciro D’Emilio, altro esordiente, alla sua prima opera personale. – Foto tratta da: MyMovies

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Il coraggio della verità – The Hate U Give, un film di George Tillman Jr

In programmazione nei nostri cinema, Il coraggio della verità – The Hate U Give, è l’ultimo film diretto dal produttore, regista e sceneggiatore americano George Tillman Jr. Starr Carter (Amandla Stenberg) è una sedicenne afroamericana che abita a Garden Heights, un quartiere con un elevato tasso di criminalità e spaccio di droga dove a farla da padrone è la temuta gang dei King Lords. Di quest’ultima faceva parte il padre della giovane, Maverick (Russell Hornsby), che ne è uscito dopo aver scontato tre anni di carcere per coprire l’attuale capo della banda King (Anthony Mackie). Gli unici momenti di normalità della giovane – malgrado non si senta se stessa perché costretta a indossare una maschera che le ha permesso di integrarsi – sono quelli ritagliati nella scuola di bianchi benestanti dove la madre Lisa (Angela Hall) ha insistito per iscriverla. All’infuori di quel luogo protetto, Starr cresce in una realtà violenta dove le sparatorie sono all’ordine del giorno e la polizia se la prende anche con gli innocenti, colpevoli di essere persone di colore. Di questo la ragazza ne avrà prova quando verrà fermata di ritorno da una festa con l’amico d’infanzia Khalil (Algee Smith), da un’agente bianco che, dopo aver intimato al ragazzo di scendere dall’auto, in un momento in cui quest’ultimo cerca di tranquillizzarla, gli spara più volte uccidendolo. Da quel preciso istante la vita di Starr cambia irreversibilmente e dalla sua decisione di testimoniare o meno su come sono andate realmente le cose, dipenderà non soltanto la difesa della sua identità ma anche quella dell’intera comunità delle persone di colore che, dopo quest’ennesima violenza, non ha più intenzione di restarsene a guardare continuando silenziosamente a subire. Il coraggio della verità – The Hate U Give, nessuna azione è priva di conseguenze Il film è la resa cinematografica del romanzo e successo editoriale The Hate U give scritto dalla giovane americana Angie Thomas, pubblicato nel 2017. Il titolo, inoltre, rimanda a una frase del famoso rapper Tupac Shakur che espresse il suo pensiero sulla società nelle parole Thug Life che sono l’abbreviazione della frase “The Hate U Give Little Infants Fucks Everybody”, ossia, L’odio che si dà ai bambini frega tutti. Questo concetto ben riassume la realtà della razzista America contemporanea. L’intento della scrittrice prima e del regista dopo è stato, appunto, quello di dare visibilità a una susseguirsi di uccisioni nel loro Paese di giovani afroamericani incolpevoli da parte delle forze dell’ordine in un crescente abuso di potere che ha portato la popolazione a ribellarsi scendendo nelle strade per manifestare. Starr – di cui la Stenberg offre un’eccellente interpretazione così come il resto del cast del film – e Khalil sono due personaggi fittizi, eppure, la loro storia, potrebbe benissimo, considerati i fatti di cronaca statunitensi, essere vera e nella cruda semplicità con cui viene raccontata la trama si dimostra il reale potenziale di questa pellicola. Il coraggio della verità – The Hate U Give è un film il cui intento primario è quello di denunciare innanzitutto […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Boy Erased – Vite cancellate, il film diretto e interpretato da Joel Edgerton

Uscito oggi nelle nostre sale cinematografiche, Boy Erased – Vite cancellate è l’ultimo lavoro dell’attore e regista australiano Joel Edgerton. Jared Eamons (Lucas Hedges) è un giovane diciannovenne che vive con i genitori in una piccola città dell’Arkansas dove il padre (Russell Crowe) è il pastore della chiesa battista locale e gestisce un autosalone, mentre la madre (Nicole Kidman) fa la parrucchiera. Partito per il college, Jared conosce Henry (Joe Alwyn) che, una sera, abusa di lui sessualmente per poi, preso dal panico perché preoccupato per la sua reazione, avvisare il padre della sua vittima. Tornato a casa e dopo aver confessato la propria omosessualità, il ragazzo viene messo di fronte a una scelta: seguire un percorso di terapia volto al “recupero” e alla “conversione” dall’omosessualità o allontanarsi dalla casa paterna tagliando i ponti con i suoi cari. Jared, pur di non dare un ulteriore dispiacere ai suoi, decide di partecipare al programma “Rifugio” organizzato dal centro di recupero cristiano “Love in Action” alla cui guida vi è lo psicoterapeuta – nonché gay convertito – Victor Sykes (Joel Edgerton). Quest’ultimo non esita a ricorrere a metodi drastici che non hanno nulla che sia da considerarsi eticamente cristiano o medico e lo scontro tra lui e Jared è inevitabile. Il ragazzo, supportato dalla madre che ha capito cosa realmente accada al centro, abbandona il programma fermamente intenzionato a vivere la propria vita senza alcuna costrizione. Boy Erased – Vite cancellate : storia di una (sur)reale follia Basato sulla storia vera di Garrard Conley, il quale ha raccontato la sua esperienza nel suo libro Boy Erased: A Memoir pubblicato nel 2016, il film porta l’attenzione su un argomento delicato visto e considerato che, negli Stati Uniti, luoghi come il centro “Love in Action” esistono e operano legalmente in ben 36 stati del Paese. La storia, in questo caso, è quella di Garrard-Jared ma potrebbe benissimo essere quella di un altro ragazzo – o di una ragazza – tra le diverse centinaia di migliaia di quelli costretti ad andarci per ritrovare la smarrita retta via come dei moderni figli prodighi. Qui, però, non si tratta di ammettere un errore e tornare volontariamente sui propri passi per poi venire accolti a braccia aperte da un padre comprensivo. Si è, invece, costretti dal genitore incapace di accettare e comprendere – e anche di gestire e sopportare questa vergogna in pubblico – la vera natura del figlio. Il punto di forza di Boy Erased – Vite cancellate – attori e regia impeccabili a parte – è da ricercarsi nell’ aperta e nient’affatto velata denuncia di una realtà popolata da persone talmente bigotte, fanatiche, ignoranti e cariche di pregiudizio da far pensare, inorridendo, che si ci trovi in un secondo Medioevo e non nel Ventunesimo secolo.

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Cocaine – La vera storia di White Boy Rick, un film di Yann Demange

Esce oggi nei nostri cinema, Cocaine – La vera storia di White Boy Rick, l’ultimo film diretto dal regista francese Yann Demange basato sulla storia vera del giovane Richard Wershe Jr. È il 1984 e il quattordicenne Richard Wershe Jr. (Richie Merritt), invece di frequentare la scuola come i suoi coetanei, segue il padre (Matthew McConaughey) nei suoi giri presso le fiere di armi dello stato del Michigan. L’uomo è un piccolo trafficante che rivende a un prezzo più basso la merce da lui acquistata; un’attività non sempre legale ma necessaria per riuscire a mettere da parte i soldi e poter aprire la tanto agognata videoteca che rappresenterà la svolta per la famiglia Wershe. Per piazzare alcuni fucili, il ragazzo viene a contatto con i criminali della zona – un quartiere degradato non molto lontano da Detroit – che lo prendono in simpatia facendolo entrare nel giro e soprannominandolo “White Boy Rick” perché, in effetti, è l’unico bianco in una comunità di neri. Costretto a fare l’informatore, dietro minaccia da parte di alcuni agenti dell’FBI di arrestare il padre a causa della vendita delle armi, Rick contribuisce a far finire in prigione spacciatori e poliziotti corrotti, rischiando anche la vita dopo essere stato sparato da un membro della sua vecchia gang. Considerato un traditore, abbandonato dall’FBI e con una figlia da mantenere Rick convince il padre, adducendo anche la possibilità di riportare a casa la sorella maggiore e tossicodipendente Dawn (Bel Powley), a iniziare lui stesso a spacciare. Nel 1987, a soli 17 anni e nonostante la passata collaborazione con le autorità, “White Boy Rick” viene arrestato e condannato al carcere a vita. Cocaine – La vera storia di White Boy Rick di Yann Demange, la povertà non ha colore La storia di Richard Wershe Jr. suscitò, all’epoca dei fatti, un’incredibile scalpore vista l’età del ragazzo che, in pochissimo tempo, diventò il più giovane informatore dell’FBI oltre che un’abile spacciatore. Demange decide di rappresentarlo in tutte le sue sfaccettature: un’adolescente alquanto comune, con una famiglia problematica che vive nel degrado di una Detroit – come nel resto dei Stati Uniti di quegli anni – dove a dettare le regole sono la droga e gli spacciatori. Ottima l’interpretazione dell’esordiente Richie Merritt, strepitosa quella di Matthew McConaughey – l’attore è andato molto vicino agli altissimi livelli raggiunti in Dallas Buyers Club del 2013 – che, inevitabilmente, riesce a portare l’attenzione sul suo personaggio nonostante non sia il protagonista di questa storia intrisa di voglia di evasione, di riscatto e di intrighi all’interno di un gioco falsato dall’inizio. Cocaine – La vera storia di White Boy Rick è un film interessante perché, oltre a mostrare i retroscena di una vicenda che ha avuto dell’incredibile, Yann Demange documenta le condizioni sociali dei poveri e degli emarginati americani degli anni ’80 costretti a tutto pur di sopravvivere in quella soffocante realtà alienante.

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Attrici famose che non hanno mai vinto l’Oscar

La celebre Notte degli Oscar 2019 che si è tenuta tra il 24 e 25 Febbraio ha decretato vincitrice Olivia Colman nel film La Favorita, rappresentazione cinematografica della storia della sovrana d’Inghilterra, diretta da Yorgos Lanthimos, che ha sfoderato un’ inconsueta ironia nel descrivere la condizione della donna in una società patriarcale. Le attrici famose che non hanno mai vinto l’Oscar sono numerose, tra cui spicca nel 2019 il nome della talentuosa attrice Glenn Close, stimata in tutto il mondo del cinema sia italiano che internazionale Attrici famose che non hanno mai vinto l’Oscar Glenn close Glenn Close è costantemente classificata come una delle attrici famose più talentuose degli ultimi quarant’anni. Ha vinto tre Emmy Awards e ha ricevuto sei Nomination per gli Oscar, ma neanche quest’anno durante la Notte degli Oscar 2019 è stata premiata. Nonostante abbia interpretato magistralmente il ruolo della protagonista femminile nel film The Wife, inaspettatamente non si è aggiudicata la statuetta d’oro degli Oscar 2019. Questa interpretazione nella pellicola The Wife ha riscontrato grandi consensi della critica internazionale e degli spettatori (il film ha ottenuto più di un milione di incassi). Un successo che non é stato premiato, ma che la rende una delle attrici più espressive del panorama cinematografico. Glenn Close è ben nota al pubblico, perché ha recitato con successo nei famosi film  Il grande freddo, Dangerous Liaison, e Attrazione fatale, anch’essi film che avrebbero meritato un Oscar anni fa. Glenn Close è un’ attrice indimenticabile, perché ha toccato quota ottanta interpretazioni, dimostrando una professionalità e una versatilità uniche. È stata candidata all’Academy per la nomination come migliore attrice per i film nel 1988 Attrazione fatale e nel 1989 Les liaisons dangereuses. Amy Adams Amy Adams è un’attrice celebre che ha ricevuto numerose nomination all’Oscar senza vincere mai la famosa statuetta d’ oro. I film che l’hanno resa celebre e amata al pubblico del grande schermo sono Il dubbio, The Fighter e The Master, ma la sua migliore interpretazione é quella nel film American Hustle per il quale riceve la nomination come migliore attrice protagonista agli Oscar nel 2014. Il film American Hustle –  L’ apparenza inganna  è percepito dalla critica con grande entusiasmo ed è stato definito come un’ottima rappresentazione degli eccessi degli anni ’70 in America. Annette Bening Il suo talento è celebre dal 2000 quando ha ricevuto la nomination come migliore attrice protagonista per il film American Beauty. Nel 2005 è stata nominata per la statuetta d’ oro per l’importante film Being Julia per il ruolo di Julia Lambert, una donna complessa, attrice nella Londra degli anni ’30. Condannata a primeggiare, la donna vive una vita da star apatica, finché non ritrova l’entusiasmo per il suo mestiere di attrice, grazie alle attenzione e al coraggio di un pretendente americano. Non vince l’Oscar né per il film Being Julia né per la pellicola I ragazzi stanno bene nel 2011. Sigourney Weaver Attrice conosciuta per aver portato sul grande schermo l’interessante interpretazione di un’eroina protagonista di Alien, uno dei migliori film di […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Olivier Ayache-Vidal in Il professore cambia scuola

Recensione del film Il professore cambia scuola di Olivier Ayache-Vidal Il film francese Il professore cambia scuola ha come protagonista il professore François (Denis Podalydès). Questo film è proiettato nelle sale cinematografiche dal 7 Febbraio 2019 e ha riscontrato approvazione sia da parte della critica francese  che da parte di numerosi spettatori. Un film sincero, estremamente umano e aperto alla speranza. Con questo prodotto cinematografico il regista Olivier Ayache-Vidal e l’attore Denis Podalydès hanno dato vita a un’indagine accurata sulla scuola pubblica e sul sistema didattico che risulta fragile su svariati aspetti. Il film di Olivier Ayache-Vidal Il professore cambia scuola – Trama Il professore, interpretato dall’espressivo e talentuoso attore Denis Podalydès, dopo aver esibito alcune sue teorie sulla didattica a una funzionaria ministeriale per impressionarla,  si ritrova da un giorno all’altro a insegnare nella più dimenticata periferia parigina. Inizialmente scoraggiato dall’inefficacia dei suoi metodi con la nuova e vivace classe multiculturale, François capisce che dovrà adoperare un altro metodo di insegnamento per farsi ascoltare dai suoi ragazzi e farli appassionare alle sue lezioni. Questa emozionante commedia francese di Olivier Ayache-Vidal con l’attore della comédie-française Denis Podalydès e l’attore Abdoulaye Diallo è un film sull’ importanza del ruolo degli insegnanti e sulla possibilità per tutti i ragazzi di credere nelle proprie capacità, trovare la fiducia in se stessi ed inseguire con coraggio le proprie passioni. Il metodo di insegnamento dei docenti dovrebbe fondarsi sull’ascolto attivo, sulla comprensione e sull’ incoraggiamento. Il punto di vista di Olivier Ayache-Vidal e gli elementi chiave del film Questo film è stato ritenuto un’opera d’arte del mondo della scuola, delicato, toccante e con una giusta dose di comicità che dona agli spettatori un lato ironico. Indaga con accuratezza il mondo della scuola pubblica, l’insegnamento e i problemi delle periferie che condizionano la condotta degli allievi. Il regista Olivier Ayache-Vidal ha voluto dar vita alla commedia francese Il professore cambia scuola, un film sociale che va alla ricerca dell’autenticità dei sentimenti dei ragazzi che si nasconde dietro atteggiamenti aggressivi e ricchi di paura da parte di adolescenti spaventati. Il regista ci spiega come è nata questa commedia: «di fronte a una situazione che va oltre le sue previsioni il professore François si rende conto che uno stesso metodo non produce i medesimi effetti ovunque. Questa sensazione spaventosa ed eccitante della necessità di una ricerca perpetua di una pedagogia adatta a ciascun caso è l’ argomento chiave che ha guidato il mio lavoro e che il film cerca di proporre. Esiste una scena significativa quando il professore François lotta per convincere gli alunni poco motivati a leggere un libro, in quel momento cruciale si percepisce che non sono gli alunni a doversi adattare a lui, ma il contrario».  Alla domanda«Conoscere una materia non vuol dire avere le doti pedagogiche adatte per insegnarla?» il regista Olivier Ayache-Vidal risponde: «È esattamente questa la questione. Sono due aspetti molto diversi che costituiscono l’insegnamento. È come un pilota di F1 che non è detto abbia le capacità per essere un buon insegnante di […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Green Book, storia di un’incredibile amicizia

Green Book: un’amicizia aldilà del pregiudizio | Recensione Basato sulla storia vera dell’amicizia nata nell’America degli anni Sessanta tra un buttafuori italoamericano, Tony Vallelonga, e un pianista afroamericano, Don Shirley, Green Book è l’ultimo film diretto dal regista statunitense Peter Farrelly. Siamo nel 1962, Tony “Lip” Vallelonga (Viggo Mortensen) si ritrova senza impiego dopo la chiusura di uno dei più noti night club di New York dove lavorava come buttafuori. Per provvedere alla sua famiglia, Tony accetta di accompagnare il famoso compositore e pianista jazz afroamericano Don Shirley (Mahershala Ali) nel tour che lo vedrà impegnato a esibirsi in diversi concerti nel sud razzista degli Stati Uniti. Nel lungo viaggio che li attende, i due saranno costretti a seguire le indicazioni riportate nel Libro Verde – il film prende il suo titolo proprio dalla guida automobilistica, chiamata appunto Green Book, dove erano elencati gli alberghi e i ristoranti nei quali avevano accesso le persone di colore – venendo coinvolti in situazioni spiacevoli e pericolose. La vicinanza, inizialmente forzata ma a poco a poco mutata in piacevole compagnia, porterà Tony e Don a conoscersi meglio e ad apprezzarsi sinceramente, gettando le basi per quella che diventerà un’amicizia vera capace di andare oltre le differenze legate all’estrazione sociale, alla provenienza e al colore della pelle. Green Book, una commedia drammatica dall’alto valore umano Con ben cinque nomination per i prossimi Oscar – e tre premi vinti ai Golden Globe –, Green Book è la testimonianza di fatti avvenuti quasi sessant’anni fa, eppure potrebbe benissimo parlare di una storia dei nostri giorni tanto la trama è attuale. Grazie alla sua semplicità, il film colpisce ancora di più proprio perché vuole mostrare, senza esagerazioni ma riportando solo quello che realmente è accaduto, come sia stato possibile per due persone diametralmente opposte instaurare un rapporto di amicizia e di rispetto reciproco impensabile – ma non per questo impossibile – in quegli anni in cui il “diverso da sé” era considerato inferiore. Don Shirley – interpretato impeccabilmente dal premio Oscar Mahershala Ali, che ne ha riportato sullo schermo la determinazione, la bravura, la forza così come la debolezza – decise di compiere e portare a termine il tour organizzato dalla sua casa discografica nonostante sapesse a cosa sarebbe andato incontro. Nel film, infatti, il suo personaggio viene rappresentato per quello che era: un virtuoso del piano, capace di incantare chiunque lo ascoltasse, sensibile e non certo indifferente alle umiliazioni subite oltre che estremamente solo. Per questo, il rapporto nato con Tony Vallelonga – del quale Viggo Mortensen offre un’interpretazione che lo rende da subito simpatico per i suoi modi goffi e rozzi ma capaci di grande umanità – può risultare inizialmente incomprensibile vista la lampante diversità nei modi esistente tra i due. Eppure, sarà proprio questa diversità a unirli, permettendo loro di andare oltre la prima impressione per cogliere e imparare ad apprezzare la reale natura – imperfetta quanto fragile – celata dietro i comportamenti di entrambi. Green Book è un ottimo film sotto tutti i punti […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Film divertenti: i 5 indimenticabili

Film divertenti | Opinioni La cinematografia. Un ampio universo di immagini, suoni ed emozioni che difficilmente lascia mente e cuore indifferenti. Le numerose pellicole cinematografiche che continuano a susseguirsi negli anni, da quelle italiane a quelle hollywoodiane, offrono sempre e comunque spunti riflessivi a dibattiti e a sensazioni inedite. Vari sono i generi in cui i film trovano collocazione: dalle love story ai film divertenti, dai thriller al genere fantascientifico fino agli action movies. Se l’amore è spesso il nucleo di opere cinematografiche, i film divertenti entrano in punta di piedi a donare sensazioni di gioia e benessere con vizi e risate, satire e parodie, mai rinunciando ad una morale che lo spettatore riesce a ricavare naturalmente. Film divertenti. Top 5 Di seguito si riportano cinque film divertenti selezionati nel vasto panorama cinematografico, americano ed italiano. American Pie Come dimenticare l’esilarante commedia americana American Piea, la tetralogia cinematografica ideata e scritta da Adam Herz e distribuita dagli Universal Studios! Una serie suddivisa in quattro capitoli: American Pie, diretto da Paul Weitz nel 1999; American Pie 2, per la regia di James B. Rogers nel 2001; American Pie – Il matrimonio, diretto da Jesse Dylan nel 2003; infine, a quasi dieci anni di distanza, American Pie: Ancora insieme, per la regia di Jon Hurwitz e Hayden Schlossberg nel 2012. Al centro dei quattro film divertenti le vicende di un gruppo stravagante di teenagers che si preparano ad accostarsi alla sessualità, che diviene quasi un’ossessione da dover sperimentare per potersi definire realmente e finalmente adulti. Jim, Kevin, Chris, Paul e Steve, cinque amici, cinque diversi temperamenti con gli ormoni in subbuglio e una scommessa da vincere: fare sesso entro l’anno del conseguimento del diploma. Una serie di buffe incomprensioni, figuracce e dispetti macchinati reciprocamente getta il pubblico in un vortice di divertimento, con risate incontenibili e commenti ammiccanti. Una commedia in cui i protagonisti non si prendono mai davvero troppo sul serio, imparando poi ad accettare qualche sconfitta per divenire davvero adulti. Una notte da leoni Se in American Pie si assiste alle vicissitudini adolescenziali di un gruppo di teenagers iperattivi, in Una notte da leoni i protagonisti sono quattro amici incasinatisi nella notte dell’addio al celibato di uno di loro. Una trilogia diretta da Todd Philips e distribuita dalla Warner Bros nelle sale cinematografiche negli anni 2009, 2011 e 2013. In ciascuno dei tre capitoli, Phil, Stu, Doug e Alan si ritrovano devastati da una notte che la memoria sembra cancellare senza possibilità di ritorno. Una notte da leoni appunto, in cui i quattro amici vivono le avventure più disparate agendo, nel primo capitolo per esempio, sotto effetto del roofis somministrato da Alan all’insaputa del gruppo attraverso lo jägermaister bevuto per brindare ad una notte memorabile. Ma indimenticabili per gli spettatori saranno gli espedienti e le peripezie che i protagonisti dovranno affrontare per ritrovare il futuro sposo Doug, scomparso dopo i festeggiamenti. Si assiste ad un rocambolesco peregrinare nelle città, prima Las Vegas poi Bangkok, attraverso indizi e compromessi con strambi personaggi, […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Creed II, l’atteso sequel di Creed – Nato per combattere

Diretto dal regista Steven Caple Jr., Creed II, in programmazione dal 24 gennaio, è il sequel del film Creed – Nato per combattere del 2015. Adonis Creed (Michael B. Jordan) è ormai diventato un pugile professionista grazie a un indubbio talento e all’appoggio del suo allenatore Rocky Balboa (Sylvester Stallone). Bravura, impegno e passione gli hanno permesso di vincere l’agognata Cintura del Mondo nella categoria dei pesi massimi. Dopo la vittoria, il giovane chiede alla sua ragazza Bianca (Tessa Thompson) di sposarlo e, di lì a poco, la coppia scopre di essere in attesa del loro primo bambino. In concomitanza a questa lieta notizia, Adonis viene sfidato da un rivale il cui nome riapre ferite mai rimarginate. Si tratta infatti del russo Viktor Drago (Florian Munteanu), figlio dell’odiato Ivan (Dolph Lundgren), l’uomo che, trent’anni addietro, uccise durante un incontro il padre di Adonis, il grande Apollo. I due si affrontano in un primo match e ad avere la peggio è l’americano che, nonostante gli avvertimenti del fidato Rocky di non combattere, ne esce malridotto e con l’autostima intaccata. Sarà soltanto dopo un periodo di riposo e di duro allenamento che Adonis si scontrerà nuovamente contro Viktor in un incontro senza esclusione di colpi che costringerà uno dei due giovani lottatori a gettare la spugna. Creed II, il match delle emozioni Impregnato dal primo all’ultimo secondo di una nostalgia quasi palpabile visti i tanti collegamenti e rimandi al passato – sempre vivido nella memoria dei protagonisti quanto in quella dei fan – delle imprese del mitico Rocky Balboa, ora “sostituito” dal giovane Apollo Creed, il film colpisce non tanto per la messa e resa in scena degli incontri di boxe – impressionantemente realistici – quanto per l’intensa carica psicologica e sentimentale che lo pervade. L’attenzione, infatti, è tutta concentrata sui motivi che spingono, Adonis da un lato e Viktor dall’altro, a combattere. Infatti, più che la vittoria sportiva, entrambi sono alla ricerca di un riscatto personale che ha ragioni e radici ben più profonde della “semplice” conquista del titolo mondiale. Il regista porta gli spettatori a comprendere l’intima psicologia dei due pugili che lottano per ottenere un diverso tipo di riscatto. Adonis, in un primo tempo animato dal desiderio di vendetta contro il figlio dell’uomo che lo ha fatto crescere senza le attenzioni e l’amore del padre, comprende che, lasciandosi spingere dalla rabbia non soltanto non riuscirà a battere il suo avversario, ma non potrà fare pace con i demoni del suo passato e vivere appieno il futuro che lo aspetta insieme alle persone che lo amano e che tengono a lui. Viktor, invece, sembra essere un automa guidato da Ivan convinto che, battendo lo storico nemico americano, possa avverarsi il riscatto dell’onore e della gloria persi anni addietro e che sono costati ai Drago la loro fama presso i connazionali ma, soprattutto, l’abbandono di Ludmilla (Brigitte Nielsen), moglie del primo nonché madre del secondo. Creed II è sì una pellicola incentrata sull’antagonismo sportivo – una rivalità durata decenni – ma […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Van Gogh: “La follia è una benedizione per l’arte!”

«La follia è una benedizione per l’arte!» Questa é una delle più importanti citazioni del film Van Gogh sulla soglia dell’ eternità interpretato magistralmente dall’attore statunitense Willem Dafoe e diretto dal regista Julian Schnabel. Si tratta di un film importante e di grande sensibilità, dedicato al genio incompreso Van Gogh un maestro senza tempo. Vincent Van Gogh era un pittore istintivo e sregolato che dipingeva senza mai correggersi, prendendo per buone sempre i primi colpi di pennello. Le sue pennellate erano brevi e nervose che esprimevano il mondo interiore dell’ artista. Considerato dalla critica un capolavoro filmico Van Gogh sulle soglia dell’ eternità é proiettato dal 3 Gennaio 2019 nelle sale cinematografiche e vanta già un record di incassi. Van Gogh sulla soglia dell’ eternità – Trama Film Il film “Van Gogh: sulla soglia dell’eternità” prosegue con un ritmo ben determinato che riassume con grazia ed eleganza i 3 momenti chiave della vita del pittore Van Gogh. La prima tappa fondamentale é l’incontro tra Van Gogh (William Defoe) e Gauguin (Oscar Isaac) e il loro soggiorno ad Arles, il secondo momento é il ricovero al manicomio di Saint-Rémy ed il terzo é la permanenza di Van Gogh ad Auvers, dove il pittore mori’ misteriosamente. Tra Vincent Van Gogh e suo fratello Theo (Rupert Friend)vi era un rapporto viscerale che si evince durante tutto il film. Theo, convinto sostenitore dell’arte di Vincent, cercò di supportare il fratello con tutti i suoi mezzi fino alla morte del pittore. È di sole che ha bisogno la salute e l’arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi, il pittore olandese Vincent si trasferisce da Parigi ad Arles nel sud della Francia poiché la sua arte e la sua salute hanno un’ immensa necessità di sole e di vitalità, si ritrova a contatto con la forza misteriosa della natura. Vincent Van Gogh ha sfidato i suoi contemporanei che hanno biasimato la sua arte a tal punto da renderlo folle. Bandito dalla ‘casa gialla’ e ricoverato in un ospedale psichiatrico, lo confortano le lettere di Gauguin e le visite del fratello Theo. Van Gogh sulla soglia dell’ eternità – Caratteristiche del film e del protagonista  Il regista Schnabel, trasportato come Van Gogh dalla luce della Provenza coglie quel passaggio folgorante che viene ritratto spesso nei dipinti del pittore olandese. Tutta la storia di Vincent Van Gogh, come quella di Gauguin, è segnata dal destino, marcata dall’insuccesso, e dall’incomprensione dei contemporanei che per questo motivo conduce l’artista all’isolamento. L’arte di Van Gogh contraddistinta da campi di grano, fogliame d’autunno, cipressi monumentali, giardini selvatici, fiori floridi, fondali gialli, arancio ardente dei crepuscoli, é colore vivo rovesciato sulla tela come magma incandescente, opere d’ arte poco apprezzato dai suoi contemporanei. Alieno al mondo che lo circondava, l’artista Van Gogh esprimeva un malessere profondo, una disperazione totale e una lucidità intensa che lo rendeva spesso odioso agli altri. L’ attore Willem Dafoe interpreta con successo il pittore Van Gogh esprimendone con gli occhi la visionarietà. Si […]

... continua la lettura