Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Senso del dolore

Il senso del dolore di Maurizio de Giovanni al San Ferdinando

Debutta la sera di S. Stefano al teatro San Ferdinando, dove resterà fino al 13 gennaio, lo spettacolo Il senso del dolore, con la regia di Claudio di Palma, trasposizione teatrale del celebre giallo di Maurizio De Giovanni (Einaudi, 2007) appartenente al ciclo del Commissario Ricciardi, il commissario che, muovendosi nella Napoli degli anni ’30, risolve brillantemente i casi lui sottoposti affidandosi a quella che, più che una benedizione, è una vera e propria maledizione, ciò che lui chiama “Il Fatto” e che lo ossessiona fin da quando era bambino: l’abilità di sentire dentro la propria testa – come ossessivamente ripete Claudio Di Palma, che in scena veste i panni del Commissario Ricciardi – le ultime parole dei defunti, ne coglie le espressioni, gli ultimi gesti mentre la vita va via, eppure continua a persistere, nelle parole e nei suoi atti estremi, anche dopo la morte, che altro non è che un velo attraverso il quale un occhio attento può scorgere ciò che nasconde.

Il senso del dolore di Maurizio De Giovanni: la dolorosa percezione della persistenza della vita anche dopo la morte

Ciò che il Commissario Luigi Alfredo Ricciardi chiama “Il Fatto”, quasi a voler esorcizzare una particolare sensibilità che egli stesso vive come una maledizione, è la netta percezione della persistenza della vita, che si rinnova in continuo nei suoi momenti estremi, anche dopo la morte, lasciando risuonare la sua voce nella testa di chi riesce a squarciare il velo tra i due mondi: non il gioioso prosieguo della vita ultraterrena che aspettano i fedeli, ma il senso del dolore, il presentimento di questo, che continua anche dopo la morte nelle anime che non avranno mai requie. Dolore che il Commissario Ricciardi, testimone sensoriale della persistenza dei defunti, fa proprio e rivive in ogni vittima, in ogni anima che incontra: ne Il senso del dolore, Ricciardi indaga sulla morte del tenore Arnaldo Vezzi, amico del Duce, genio della musica ma uomo detestabile, sgozzato nel suo camerino del Teatro San Carlo mentre si preparava ad andare in scena con lo spettacolo “I Pagliacci” e ritrovato lì, riverso in un lago di sangue, mentre Ricciardi ne ancora l’ultima risata e le ultime note del suo canto.
Molti avrebbero avuto più di un movente per uccidere il tenore, come scopre dalle dichiarazioni di Don Pierino, sacerdote appassionato conoscitore dell’opera, degli addetti ai lavori del teatro, del suo agente e della stessa vedova. Molti avrebbero avuto più di un movente, ma nessuno ne avrebbe tratto alcun vantaggio.
Sarà proprio “Il Fatto”, maledizione e insieme fondamentale alleato nella risoluzione di ogni caso, unito alla ferma convinzione che ogni azione umana, in particolare quelle delittuose, è spinta dalla fame o dall’amore, a guidare il Commissario Ricciardi verso lo scioglimento del caso, che si presenta agli occhi dello spettatore in tutto il suo realismo, la sua crudezza, il suo dolore che persiste anche in seguito alla risoluzione: dolore del quale Ricciardi non si libera, dolore del quale Ricciardi è schiavo e che vive e rivive dentro di sé ogni giorno.

Foto di Marco Ghidelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *