Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Musicanti

“Musicanti” porta Pino Daniele al Teatro Palapartenope

“Musicanti” porta Pino Daniele a teatro. Il 7 dicembre debutterà al Teatro Palapartenope di Napoli il musical costruito sulle musiche della voce napoletana per eccellenza, Pino Daniele.

Un progetto dalla lunga gestazione durata quasi tre anni e che ora vede la luce grazie alla produzione di Sergio De Angelis per Ingenius Srl e alla direzione artistica di Fabio Massimo Colastanti. Il testo inedito è di Alessandra Della Guardia e Urbano Lione, mentre la regia è affidata a Bruno Oliviero.

“Musicanti” debutta a Napoli e celebra la città

L’opera racconta la storia di un uomo e della sua città. Napoli viene resa con la sua anima contraddittoria, dispettosa come un bambino e orgogliosa come una donna, in cui antico e moderno si fondono come accade alla musica, il blues con la tamurriata, il funky con la parlesia. Antonio è un uomo che torna, dopo venticinque anni, nella sua terra natia negli anni ’70. Tutto l’odio e il disprezzo per la sua terra viene messo da parte a causa del lascito testamentario del padre, che gli lascia uno storico locale del porto, “Ue’ Man”. Tutti si aspettano che Antonio chiuda l’attività e invece imprevedibilmente si impegnerà a portarlo al successo.

In questo musical i brani di Pino Daniele fanno da protagonista, infatti la narrazione segue la musica e il tempo ne è scandito. Tutto gravita intorno alle canzoni tratte dai primi tre album del cantautore napoletano – come “Na tazzulella ‘e cafe”, “A me me piace ‘o blues”, “I say I sto ‘cca”, “Napule è”, “Viento”, “Yes I know my way”, “Je so pazzo”, “Cammina cammina”, “Lazzari felici”, “Musica musica”, “Tutta n’ata storia”, “Quanno chiove” – e anche da alcune successive – come “Che soddisfazione”, “Anima”. Attori, danzatori e trama tutto segue il ritmo scandito da Pino all’interno di un’imponente scenografia sviluppata su quattro piani.

“Musicanti” nasce principalmente come omaggio a Pino Daniele

Proprio Fabio Massimo Colasanti, amico di Pino con cui ha condiviso venti anni di studi di registrazione e tournée, ammette: «Il progetto nasce dal mio bisogno di colmare un vuoto artistico e personale che ha lasciato la prematura scomparsa di Pino. Dalla scelta dei brani è scaturito il mio primo dilemma (Pino ne ha composti innumerevoli), altrettanto impegnativo per me è stato raccontare l’artista e la sua musica senza di lui, senza averlo accanto, come succedeva: “Musicanti” è un’opera emotivamente avvincente e appassionante».

Questo musical vuole ricordare il cantautore napoletano per eccellenza, ma non solo, infatti si propone anche di far incontrare la sua musica con un linguaggio differente come quello di un’opera teatrale. La narrazione parte da un filo conduttore per districarsi tra le canzoni ed è garantita da un folto cast di artisti – Noemi Smorra, Alessandro D’Auria, Maria Letizia Gorga, Simona Capozzi, Pietro Pignatelli, Enzo Casertano, Francesco Viglietti, Leandro Amato, Ciro Capano. Le performance musicali saranno invece eseguite dai “vecchi” amici musicisti di Pino: Hossam Ramzy, percussioni; Alfredo Golino, batteria; Fabio Massimo Colasanti, chitarra; Elisabetta Serio, tastiere; Roberto d’Aquino, basso; Simone Salza, sax; Fabrizio De Melis, viola. In alcune città, si affiancheranno Mel Collins, sax, e Jimmy Earl, basso.

“Musicanti” andrà in scena per la prima volta a Todi il 2 dicembre e debutterà il 7 al Teatro Palapartenope di Napoli. Le altre date previste dal tour italiano sono: 15 e 16 gennaio al Teatro Lyrick di Assisi, 14 e 15 febbraio all’Obihall di Firenze, 23 e 24 febbraio al Teatro Colosseo di Torino, dal 7 al 17 marzo al Teatro Arcimboldi di Milano e infine dal 7 al 12 maggio sarà in scena al Teatro Olimpico di Roma.