Usine Baug al Premio Scenario 2021: Topi | Recensione

Usine Baug

Le prime rappresentazioni di Generazione Scenario 2021: Topi di Usine Baug.

Topi di Usine Baug (Bresso, Mi) è uno dei primi spettacoli vincitori del Premio Scenario 2021, un progetto ospitato dal Teatro Nuovo di Napoli e promosso e organizzato da Associazione Scenario con Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini e con il sostegno di MiC. Generazione Scenario 2021 è una rassegna promossa da 36 teatri, centri e compagnie distribuiti sul territorio nazionale che dal 1987 ad oggi accoglie la creatività di giovani artisti al di sotto dei 35 anni, esplorando idee dai linguaggi innovativi non ancora formulati come spettacoli e promuovendo e stimolando un teatro di ricerca e di osservazione del nuovo.

Topi: il nuovo testo di Usine Baug

Il nuovo spettacolo, la cui regia e drammaturgia è affidata al gruppo Usine Baug, si intitola Topi: vincitore del Premio Scenario Periferie 2021 ed interpretato da Ermanno Pingitore, Stefano Rocco e Claudia Russo, sostituita a causa del COVID-19 da Claudia Veronesi, e andato in scena al Teatro Nuovo di Napoli il 17 ed il 18 marzo.

A vent’anni di distanza, Topi riapre una delle ferite più gravi della recente storia italiana, raccontando il catastrofico G8 di Genova. Con una molteplicità di prospettive diverse, la messinscena del collettivo Usine Baug scalfisce l’immaginario che oggi si ha di quei giorni non poi così lontani, restituendone la complessità nonché la violenza: per chi c’era è un ricordo amaro ma anche di forza di rivalsa, mentre per chi non c’era Topi diventa un’occasione per rimettere al posto giusto i frammenti confusi tramandati. Attraverso uno studio profondo ed una lunga ricerca sia storica che documentaristica, Usine Baug scandaglia interviste, archivi storici e centinaia di racconti letti o ascoltati per restituire la testimonianza di una piaga dolorosa e coniugando l’aderenza storica con l’invenzione scenica fa riesplodere la tragicità di quell’evento in tutta la sua potenza narrativa e collettiva.

In questo continuo spostarsi tra reale e fittizio, gli spettatori sono coinvolti in un gioco teatrale che si verifica su due piani: fuori, dove si sentono le proteste e le sofferenze della gente, e dentro, all’interno di una casa borghese dove un uomo sta preparando una cena importante e nel mentre è invischiato in una guerra estenuante contro dei topi che si sono insidiati negli angoli più nascosti. E davanti ad una tale vicenda umana, prorompe concisa e senza troppe metafore l’accusa di ipocrisia di quanti hanno voltato le spalle a quelle indicibili sofferenze, magari contribuendo anche ad insabbiarle o confonderle. Risulta chiaro, infine, che quei topi, ai quali un uomo qualunque e comune a tanti da la caccia, quei topi che con la loro vita e la loro fame portano ciò che viene percepito come un disturbo da un’altra vita apparentemente tranquilla, siamo noi: proprio all’inizio, una voce dichiara con ironia che i topi sono esseri di suprema intelligenza, così simili all’uomo.  

Fonte immagine di copertina: Facebook, Usine Baug

A proposito di Francesca Hasson

Francesca Hasson nasce il 26 Marzo 1998 a Napoli. Nel 2017 consegue il diploma di maturità presso il liceo classico statale Adolfo Pansini (NA) e nel 2021 si laurea alla facoltà di Lettere Moderne presso la Federico II (NA). Specializzanda alla facoltà di "Discipline della musica e dello spettacolo. Storia e teoria" sempre presso l'università Federico II a Napoli, nutre una forte passione per l'arte in ogni sua forma, soprattutto per il teatro ed il cinema. Infatti, studia per otto anni alla "Palestra dell'attore" del Teatro Diana e successivamente si diletta in varie esperienze teatrali e comparse su alcuni set importanti. Fin da piccola carta e penna sono i suoi strumenti preferiti per potere parlare al mondo ed osservarlo. L'importanza della cultura è da sempre il suo focus principale: sostiene che la cultura sia ciò che ci salva e che soprattutto l'arte ci ricorda che siamo essere umani.

Vedi tutti gli articoli di Francesca Hasson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *