Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Christiane Lohr

Christiane Löhr, incontri sensibili a Capodimonte

Il ciclo Incontri sensibili regala ai visitatori del Museo di Capodimonte una nuova ed intensa esperienza attraverso la mostra Christiane Löhr incontra Capodimonte, inaugurata lo scorso 26 settembre. L’esposizione, curata dal direttore del museo Sylvain Bellenger e da Laura Trisorio di Studio Trisorio in collaborazione con Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, porta per la prima volta a Capodimonte le opere dell’artista tedesca replicando il fortunato esperimento artistico di incontro tra artisti contemporanei e la collezione storica del Museo che da tre anni anima la sala degli incontri sensibili.

L’incantevole vista del Belvedere di Capodimonte a fare da scenario e una luce candida e diffusa, che irrompe insolitamente nella sala 82 nonostante la giornata uggiosa, creano l’alchimia perfetta per l’esperienza di conoscenza e consapevolezza della Natura che la Löhr propone attraverso le sue installazioni. La semplicità delle forme geometriche, riprodotte attraverso essenziali elementi naturali, evocano il delicato equilibrio tra complessità e fragilità che scandisce il ritmo naturale del mondo vegetale. L’esuberanza e la vivacità della natura sono rese attraverso elementi organici fragilissimi, esili fili d’erba che sfidano la gravità ergendosi a comporre complesse cupole e virtuosi archi. Le fa eco, in questa poetica descrizione della vitalità del mondo naturale, l’opera “Ipomee e boules de neige sull’acqua” di Andrea Belvedere, apprezzato esponente del barocco napoletano. Il quadro del Belvedere cattura un fugace attimo al volgere della sera ritraendo un ramo fiorito che pende, spezzato, su di uno specchio d’acqua. Nella sua semplicità, la scena esalta e celebra la magia della natura attraverso l’intensità di luci e colori e la purezza delle forme.

Protagonista assoluta di questo dialogo attraverso i secoli è un mondo che affascina attraverso la spontaneità e semplicità delle sue forme, un mondo che custodisce nei suoi equilibri un potere suggestivo. Ma è anche un mondo del quale si riconosce l’estrema fragilità, una natura che, come suggerisce Bellenger, è oggi più minacciata dall’uomo di quanto l’uomo sia mai stato da essa minacciato nel corso dei secoli. Il messaggio di consapevolezza che l’artista vuole trasmettere è dunque chiarissimo, il delicato equilibrio vitale della Natura è evidente davanti ai nostri occhi ed è in nostro potere decidere se preservarlo dai pericoli che lo minacciano. Le opere della Löhr comunicano la magia e l’incanto della natura tentando di catturarne la delicata essenza affinchè chi le ammira ne comprenda il valore e senta l’obbligo e l’urgenza di proteggerla.

Per chi ha desiderio di immergersi in sensibili incontri, la mostra sarà visitabile al museo di Capodimonte fino al 10 gennaio 2021, negli stessi giorni e fino al 4 dicembre 2020 sarà possibile approfondire la conoscenza di Christiane Löhr alla mostra personale allestita presso lo Studio Trisorio.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply