Scrivimi per Sbaglio di Giuseppe de Candia | Recensione

dolphin gaming

Scrivimi per Sbaglio, Giuseppe de Candia presenta il suo cortometraggio dedicato al tema dell’amore per la Generazione Z

Scrivimi per Sbaglio è il nuovo cortometraggio realizzato dal giovanissimo cantautore pugliese Giuseppe de Candia che adesso ha compiuto il primo passo verso il mondo del cinema con questo piccolo progetto. 

Scrivimi per Sbaglio è disponibile su  Youtube dopo la presentazione al Cinema Politeama del comune di Bisceglie (in provincia di Barletta-Andria-Trani). Il cortometraggio ha riscosso molto successo e gli spettatori in sala hanno chiesto anche una seconda proiezione dopo aver gradito la pellicola. 

Oltre allo stesso de Candia (che si è occupato anche della regia e della sceneggiatura)  ci sono Paola Sinisi, Luca Costantino e Michelangelo Camero nei panni dei protagonisti del cortometraggio.

Scrivimi per Sbaglio
Si ringrazia Giuseppe de Candia per la foto

Scrivimi per Sbaglio di Giuseppe de Candia, l’amore ai tempi della Generazione Z….

La trama di questo piccolo esperimento cinematografico di de Candia affronta il tema dell’amore e delle relazioni nella comunità LGBT+.

Il protagonista di questa vicenda è Alessandro, un liceale innamorato della compagna di classe Chiara. Alessandro decide di scrivere una lettera d’amore alla fanciulla. Nonostante sembri che la trama sia ricca dei classici topoi  da romanzi rosa e commedie romantiche cinematografiche, c’è un episodio che sembra destinato a cambiare “le carte in tavola” di Alessandro. Il custode del palazzo, il quale accetta la richiesta di consegnare la missiva alla ragazza, sbaglia porta facendo in modo che sia Samuel, un ragazzo gay amico di Chiara, a leggere la lettera lasciata all’ingresso. L’episodio darà origine a diversi malintesi fino ad un finale con un colpo di scena..

Come raccontare il mondo dei liceali di oggi con de Candia

Scrivimi per Sbaglio è un piccolo progetto amatoriale molto profondo in cui i giovani protagonisti propongono nella loro opera di scoprire e vivere il mondo della Generazione Z di oggi. Nonostante il testo sia molto semplice (si tratta di un primo cortometraggio realizzato in modo amatoriale), il soggetto di de Candia  affronta, in modo interessante,  il tema dell’omosessualità e dei ragazzi e della ragazze appartenenti al mondo LGBTQ+ mescolando il dramma alla commedia. Le ottime riprese mettono in luce la realtà italiana delle città del Mezzogiorno con i vicoli stretti e la presenza del mare ma ci sono diversi problemi fonici soprattutto nella scena in cui Alessandro e Marco parlano nei giardinetti pubblici. Ma la colonna sonora realizzata dal giovane musicista pugliese chiude in modo commovente la pellicola.

Un cortometraggio vincitore di diversi premi tra cui Miglior regista esordiente e Miglior corto LGBTQ+

Il corto di de Candia vanta diversi premi tra cui Miglior regista esordiente al Heart International Italian Film Festival, Best LGBT al Rome International Movie Awards, Best First Time Director al Rome International Movie Awards, Best LGBTQ+ Short al Clapperboard Golden Festival, Best LGBTQ+ Film al International Symbolic Art Film Festival  e Best Film of The Festival al Couch Film Festival come riportato nella descrizione ufficiale sotto il video su Youtube caricato dall’account dell’aspirante regista e sceneggiatore. 

Scrivimi per Sbaglio
Prima di Scrivimi per Sbaglio al Teatro Politeama di Bisceglie

Scrivimi per Sbaglio è l’interessante inizio della carriera filmica di Giuseppe de Candia dedicata alla realizzazione di cortometraggi indipendenti dove si affronta le tematiche calde che interessano la Generazione Z italiana. 

Fonte immagine di copertina: si ringrazia Giuseppe de Candia per la fotografia 

A proposito di Salvatore Iaconis

Laureato in Lettere Moderne presso l'Universitá Federico II di Napoli il 23 febbraio 2022 e giornalista iscritto all'ordine regionale dal 26 gennaio 2021. Grande amante della lettura dai classici della tradizione fino ai best-sellers più recenti, appassionato di cinema in tutte le sue forme nonché di teatro, storia, arte e filosofia.

Vedi tutti gli articoli di Salvatore Iaconis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.