Come il metaverso cambierà il poker online

Navigando verso un mondo sempre più interessato a perfezionare la realtà virtuale, Facebook con il suo Metaverso, potrebbe apportare grandissime novità nel mondo del poker online.

Il poker che viaggia su binari virtuali.

L’interesse verso le realtà virtuali è storia più o meno vecchia se si pensa che negli ultimi anni si sta puntando ed investendo sempre più nella ricerca che vada nella direzione di perfezionare questo “mondo parallelo”. La storia si fa reale se è un colosso come Facebook ad interessarsi a questo ambito perché, si sa, i fondi destinati alla crescita ed allo studio di questo ambito sono sicuramente importanti. Negli ultimi anni, infatti, il gioiellino di Zuckerberg sta puntando verso il passaggio al Metaverso, un nome non proprio di fantasia, anzi importato dal romanzo di fantascienza Snow Crash in cui Metaverse è un mondo virtuale tridimensionale generato interamente dal computer ed a cui si approda con un collegamento ad internet. Una parola d’ordine questa che sembra destinata a cambiare la storia del mondo e delle relazioni, creando una marea di comunità virtuali interconnesse. Tra queste, una delle potenziali applicazioni, potrà essere il gioco online, per cui sarà più facile giocare con la sperimentazione e la fantasia, con ambienti e personaggi 3D che potrebbero diventare la svolta di questo mondo parallelo. Tra questi, sicuramente anche giochi come il poker a cui Facebook era già particolarmente affezionato e che renderebbe le esperienze attorno al tavolo verde, sicuramente più eccitanti ed appassionanti.

Realtà o fantasia?

Si sa, i giocatori di poker sono persone abbastanza abitudinarie e per quanto il poker online stia riscuotendo un discreto successo, molti restano affezionati al tavolo verde reale, specie perché, fino ad ora, la tecnologia 3D applicata al poker ha manifestato diverse debolezze. Sicuramente la pandemia ha portato moltissimi pokeristi a dedicarsi al gioco online e, visto l’andamento sanitario ballerino, le previsioni sono che lo faranno ancora per molto. In questa ottica non è difficile prevedere un futuro, anche prossimo, in cui i tavoli saranno tridimensionali ed avremo un avatar che ci accoglierà in un casinò virtuale, ci accompagnerà al nostro tavolo e, per i principianti, magari fornirà la spiegazione di blind e tutte le altre regole del gioco del poker. Una fantasia che potrà diventare una gran bella realtà se tutto verrà studiato ed appuntato alla perfezione, al punto da garantire il massimo della somiglianza ad una situazione reale. Sarà un’evoluzione strepitosa quella che internet vivrà nei prossimi anni e specialmente Facebook che da quando è nato ha già fatto passi da gigante con l’introduzione di app e novità senza precedenti. Che il mondo reale diventi virtuale non è più una visione futuristica confinata nelle pagine di un romanzo di fantascienza, ormai sembra essere una realtà sempre più prossima proprio grazie alla possibilità di riuscire a sfruttare al massimo gli spazi virtuali del Metaverso. Tra cinque anni inizieremo, con molte probabilità, a vedere i primi frutti di questo Meta cammino ed i tavoli da poker in 2D ci sembreranno quanto mai obsoleti e fatiscenti ma, probabilmente, diventeremo sempre più pretenziosi e carichi di aspettative. Ci auguriamo che tutto questo non mandi in agitazione coloro che stanno progettando al meglio questo universo parallelo che già sta suscitando preoccupazioni in una buona fetta di popolazione mondiale magari maggiormente legata alla comunicazione de visu.

All in di avatar.

Immaginiamo dunque il nostro avatar sedere al tavolo verde ed iniziare una sessione di gioco appassionante mentre siamo seduti sul divano di casa nostra. Tutto sarà così reale che immagineremo di toccare con mano ogni oggetto dell’ambiente circostante. Non solo, i più curiosi avranno modo di vedere realmente i più grandi casinò del mondo, come se fossero teletrasportati in un’altra dimensione a cui serve solo… un allaccio ad internet! Se i contenuti del Metaverso saranno sempre più perfezionati, l’esperienza di gioco cambierà sostanzialmente anche per i più radicali ed affezionati giocatori. Del resto il sogno di ognuno è quello di poter essere in pochissimi secondi dall’altra parte del mondo e così sarà: magari al mattino, il nostro avatar sarà seduto sui tavoli dell’MGM Grand a Las Vegas ed al pomeriggio a quello di Montecarlo, come in un bel sogno, che diventa realtà.

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *