Dolphin Gaming: Scrivimi per sbaglio, il gioco | Intervista

dolphin gaming

La Dolphin Gaming realizza un gioco tratto dal cortometraggio di Giuseppe de Candia, Scrivimi per sbaglio

Scrivimi per sbaglio è il cortometraggio realizzato dal cantante e aspirante regista Giuseppe de Candia con la partecipazione di Paola Sinisi, Luca Costantino, Michelangelo Camero e l’utilizzo del proprio canale Youtube per la distribuzione del prodotto.

Dopo il grande successo di Scrivimi per sbaglio, che affronta tematiche attuali come il mondo LGBT e l’amore secondo  la Generazione Z, Lorenzo e Vincenzo della Dolphin Gaming hanno realizzato un gioco per cellulari basato sul cortometraggio. Una pratica che ricorda i molti titoli videoludici basati su film di notevole successo (come Pirati dei Caraibi, Harry Potter o la trilogia di Spider-Man di Sam Raimi) che affollavano gli scaffali dei negozi di elettronica ed elettrodomestici negli anni Duemila. 

La Dolphin Gaming nasce da una collaborazione della società Dolphin Soluzioni Informatiche con l’Istituto Tecnico Cartesio di Cinisello Balsamo per permettere ai ragazzi e alle ragazze di lavorare in gruppo e conoscere le dinamiche dell’industria videoludica e del gaming professionale. 

Come è nata l’idea di creare un gioco per cellulari basato sul cortometraggio Scrivimi per sbaglio di Giuseppe de Candia?

Abbiamo iniziato a sviluppare piccoli giochi all’interno di un progetto basato sulla mentalità del gaming creato da una società di Milano con il nome di Dolphin Gaming. Alla base di questo progetto c’è la regola, ovvia per noi players, dell’aiuto reciproco. Già in passato abbiamo sviluppato un piccolo videogioco per Giuseppe de Candia completamente gratuito perché nella nostra piccola community della Dolphin Gaming l’aiuto è fondamentale. Dopo che Giuseppe ci ha spiegato il suo cortometraggio ne abbiamo parlato con Claudio Ferrareis, il proprietario della Dolphin Gaming, e si è deciso di dare massima disponibilità e supporto nella creazione del videogioco. L’idea sin da subito ci è piaciuta perché affronta temi molto difficili, come il bullismo e l’omosessualità, da sempre difficili da affrontare soprattutto in alcuni contesti.

Con quali programmi avete sviluppato questo gioco per cellulari?

Abbiamo sempre utilizzato tantissimi programmi per creare videogiochi, ma c’è stato uno in particolare che ci ha sempre garantito massima sicurezza e qualità nei videogiochi, e stiamo parlando di Construct 3. È un programma che insegna anche a programmatori principianti come creare videogiochi non scrivendo righe di codice ma utilizzano dei blocchi logici che ti permetto di avere un prodotto di qualità.

Dal momento che avete creato questo piccolo videogioco, pensate di voler proseguire in futuro la vostra carriera in questo settore o si tratta di una semplice passione o hobby?

Pensiamo che il nostro futuro lavoro debba nascere, crescere e svilupparsi da quello che per molti può sembrare semplice passione e hobby. Anche la sola passione per il mondo del gaming se ben gestita e aiutata a crescere, può diventare un lavoro per futuri professionisti. Tanto è vero che oltre a questo videogioco abbiamo sviluppato gratuitamente altri videogiochi per migliorare le nostre capacità e per farci trovare pronti per un futuro lavoro.

 Secondo voi quali misure bisogna adottare affinché altri giovani prodigi dei computer possano continuare a innovare questo settore e sviluppare videogiochi?

Per nostra personale esperienza abbiamo avuto la possibilità non solo di sviluppare un videogioco, ma anche di trasformare una nostra passione in un percorso professionale nella struttura della Dolphin Gaming (www.dolphingaming.it). In strutture come la Dolphin Gaming i ragazzi possono conoscersi, scambiare opinioni e sviluppare progetti basandosi solo sulla regola dell’aiuto reciproco.

 Vi piacerebbe coinvolgere anche altri ragazzi in un progetto del genere così come ha fatto Giuseppe de Candia con il suo cortometraggio Scrivimi per Sbaglio?

Potremmo essere interessati a valutare altre collaborazioni con giovani registi come Giuseppe de Candia.

Fonte immagine di copertina: si ringrazia Giuseppe de Candia per la fotografia 

A proposito di Salvatore Iaconis

Laureato in Lettere Moderne presso l'Universitá Federico II di Napoli il 23 febbraio 2022 e giornalista iscritto all'ordine regionale dal 26 gennaio 2021. Grande amante della lettura dai classici della tradizione fino ai best-sellers più recenti, appassionato di cinema in tutte le sue forme nonché di teatro, storia, arte e filosofia.

Vedi tutti gli articoli di Salvatore Iaconis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *