La Vendetta di Nirak di Maria Cristina Pizzuto | Recensione

La vendetta di Nirak di Maria Cristina Pizzuto | Recensione

La vendetta di Nirak, scritto da Maria Cristina Pizzuto  ed edito da PubMe collana policromia, unisce la trilogia delle avventure di Castel Marina e del suo fantasma, anticipando il prossimo libro che continuerà le vicende legate al borgo misterioso.

Il segreto di Castel Marina

La storia della vendetta di Nirak inizia dal Il Segreto di Castel Marina in cui la storia viene raccontata in prima persona da una dei nipotini di nonna Erika, la quale “sembrava avesse ingoiato un intero libro di favole da quante ne aveva immagazzinate nella sua memoria”. Tuttavia, la storia che nonna Erica racconterà ai suoi nipotini durante quelle vacanze natalizie non è una semplice storia immagazzinata nella memoria, bensì il racconto di vicende che ha vissuto e racconterà in prima persona. Il racconto è datato nel lontano 1930, anno in cui sia Nirak che sua figlia Elisabetta sono ancora vivi.

Cominciando dalle origini scopriamo, in un racconto scorrevole dal linguaggio semplice e ben articolato, chi sono i due personaggi che diventeranno i fantasmi protagonisti dei misteri del castello. Il sig. Nirak è il proprietario del castello, un uomo duro e dilaniato dalla perdita della moglie, motivo per cui è oltremodo protettivo con sua figlia Elisabetta, responsabile quanto ribelle. Erica ed Elisabetta sono molto amiche nonostante il divario sociale: nonna Erica è infatti solo una cuoca figlia della servitù del palazzo. Tuttavia, è tramite le parole di nonna Erica che i suoi nipotini, presenza evidente nella prima parte del libro per le diverse e piacevoli interruzioni, scoprono ogni dettaglio della vita di Elisabetta al castello, arrivando a conoscere nei dettagli anche la passionale notte insieme ad Andrea. Sarà proprio Andrea, primo, unico e totalizzante amore di Elisabetta ad assistere alla tragica morte della ragazza. Questo evento è insostenibile per il burbero Nirak che morirà di crepacuore, entrando così nel vivo della sua ricerca di vendetta una volta divenuto fantasma.

La prima parte del libro termina con il racconto delle prime apparizioni del fantasma del sig. Nirak agli ospiti dell’hotel che una volta era il suo castello. Nonna Erica, per la storia seguente, si serve dell’ausilio di un libro regalatole da un’amica.

La leggenda di Castel Marina

Per questa seconda lunga storia di nonna Erica non ci sono interruzioni: assistiamo infatti ad uno shift narrativo in cui, mediante l’espediente della lettura del libro da parte di nonna Erica, non sarà più lei la narratrice degli eventi, ma stavolta il lettore sarà accompagnato da un narratore in terza persona. La protagonista è Elena, una giornalista inviata all’hotel di Castel Marina per scrivere un articolo sui suoi fantasmi. Elena stessa è l’autrice del libro, inviato alla sua amica Erica, in cui si entra nel vivo della questione legata alla vendetta del sig. Nirak. Egli, infatti, sarà la presenza tenebrosa che minaccerà Elena, sua nuova vittima, portandola inspiegabilmente in fin di vita, ma grazie ad un’intercessione dello spirito di Elisabetta, Elena potrà salvarsi. Solo alla fine della lettura del libro di Elena torneranno in scena i nipotini di nonna Erica, che per ascoltare l’ultima parte della storia del castello e della vendetta di Nirak dovranno attendere la fine delle vacanze natalizie.

Il Bacio del Mare

Nell’ultima parte de La Vendetta di Nirak, si narrano gli eventi che hanno inizio nel 1998 e che porranno fine alle visite del sig. Nirak. I protagonisti di quest’ultima vicenda sono un gruppo di adolescenti in vacanza, tra cui spicca la personalità di Sabrina, tanto simile ad Elisabetta. In quest’ultima parte non vedremo quasi mai Erica interagire con Sabrina, la quale sarà la nuova vittima di Nirak dopo Elena. Sabrina, simile ad Elisabetta nel carattere e nell’amore per il mare, vivrà un’esperienza amorosa simile a quella della figlia di Nirak, con un epilogo altrettanto somigliante. Sarà il sacrificio di Sabrina dinanzi agli occhi increduli e dispiaciuti della suo giovane amore Jacopo, infatti, a far dimettere nonna Erica dall’hotel per diventare nonna a tempo pieno, ma soprattutto per porre fine alle minacce di Nirak.

Castel Marina e i suoi misteri

Maria Cristina Pizzuto, nella sua trilogia, racconta una storia avvincente nella sua semplicità, al termine della quale il lettore si sente uno dei nipotini di nonna Erica, pronto ad ascoltare nuove storie. Nirak e la sua vendetta incuriosiscono il lettore e, per certi versi, possono incutere timore nella loro paranormalità. Seppur con qualche dubbio portato dalla misteriosa fine di Sabrina e del libro, il lettore è ormai affezionato alle vicende del borgo dai mille misteri e sa che non sono terminati. Maria Cristina Pizzuto, infatti, termina la trilogia con l’anticipazione di La perla della Speranza, intrigando i suoi lettori che saranno in trepidante attesa di conoscere le vicende della nuova protagonista Iris e di uno dei personaggi il cui nome non è nuovo ai seguaci delle avventure di Castel Marina: che Jacopo sia un personaggio già incontrato?

Photo credit: Ufficio Stampa

A proposito di Chiara Leone

Zoomer classe '98, studentessa della scuola della vita, ma anche del corso magistrale in Lingue e Letterature Europee e Americane all'Orientale. Amante dell'America intera, interprete e traduttrice per vocazione. La curiosità come pane quotidiano insieme a serie tv, cibo, teatro, libri, musica, viaggi e sogni ad occhi aperti. Sempre pronta ad esprimermi e condividere, soprattutto se in lingue diverse.

Vedi tutti gli articoli di Chiara Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *