Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Salumeria Moderna: gastronomia tra passato e innovazione

Salumeria Moderna: gastronomia di Giugliano tra passato e innovazione

“La modernità risale alla notte dei tempi”, diceva Daniel Pennac.
È davvero moderno ciò che lega l’innovazione al passato, traendo da esso tutto ciò che “serve” per costruire il futuro.

Pensiero assolutamente confermato dalla nostra visita alla Salumeria Moderna, nome alquanto singolare per un… locale!

Scopriamo insieme la Salumeria Moderna

Salumeria Moderna ha aperto i battenti lo scorso martedì 31 ottobre a Giugliano in Campania (NA), nella centralissima Piazza Matteotti. Difficile definirne la tipologia: una salumeria bistrot, oseremmo dire.

Il locale – come suggerisce il nome – è un connubio di gusto giovane e memoria del passato: offre ai clienti pane, salumi di prima scelta sapientemente selezionati, formaggi, dolci di stagione ma soprattutto vini di ottima qualità. Sedersi ad un tavolo di Salumeria Moderna davanti ad un tagliere di salumi e formaggi, accompagnato da un calice di vino, è un’esperienza che coinvolge tutti i dati sensoriali, non solo quelli gustativi.

Un luogo in cui il passato incontra l’innovazione

La grande particolarità di Salumeria Moderna è soprattutto nella scelta del sito. Il locale è stato ricavato, mediante importanti lavori, da una vecchia stalla di uno storico palazzo giuglianese che risale al XVI secolo: Palazzo Pinelli, chiamato anche Palazzo Palumbo, costruito nel 1545. Insomma, entrare nella Salumeria Moderna significa fare un tuffo nel passato: pareti di pietra antica (il tufo, tanto caro ai napoletani) e teche in vetro che svelano costruzioni e pavimentazioni di secoli fa.

Un ponte, dunque, tra storia e modernità gastronomica, nato dall’intraprendenza di Giuseppe Simonetti, giuglianese di nascita, in collaborazione con Luca Volpicelli (già gestore di un locale in via del Seggio – Aversa).

Un’impresa portata avanti con tenacia, passione e coraggio. Un’idea nata dai giovani per i giovani.

“Sono laureato in Economia – ci ha raccontato Peppe Simonetti durante la serata inaugurale – ma ho deciso di seguire ciò che mi piace. Ho lavorato come salumiere per tanti anni, ma sentivo le mie ali tappate. Ho anche viaggiato, sperimentando gusti e sapori. Ho quindi deciso di rendere realtà le mie ambizioni e col mio socio Luca abbiamo dato forma a quest’idea, investendo sul mio territorio che, negli ultimi anni, sta attraversando una fase di rinascita dal punto di vista sociale e commerciale”.

Simonetti, accanto alle esperienze lavorative, ha abbinato viaggi e ricerche sul territorio nazionale e oltre confine, per studiare prodotti e sapori. Le sue storie sono raccontate, in modo molto genuino, in un blog.

Durante l’inaugurazione sono state offerte degustazioni di prosciutto crudo spagnolo Pata Negra, con baguette calde e con un vino intenso della nostra terra: il Voccanera. Solo un assaggio di ciò che Salumeria Moderna ha da offrire.

Bisogna dirlo: non c’è niente di meglio che un mondo pieno di “affetto!”

Nunzia Serino

Print Friendly, PDF & Email