6 maggio 1994 nasce il Tunnel della Manica

6 maggio 1994

Il 6 maggio del 1994 venne inaugurato il Tunnel della Manica. Si tratta di una galleria sottomarina che ha permesso nuovamente il transito dalla Gran Bretagna all’Europa continentale.

Il Tunnel della Manica è considerabile una galleria ferroviaria lunga oltre 50 km che unisce il comune del Regno Unito di Cheriton nel Kent a quello francese di Coquelles, vicino a Calais passando sotto il fondo del Canale della Manica.

6 maggio 1994: nasce il Tunnel della Manica

La struttura, tra le più note ed utilizzate quotidianamente, si compone di tre grandi gallerie parallele:  due ferroviarie e una terza “di servizio” dove circolano veicoli su gomma. Il tunnel dunque, offre tre servizi principali su rotaia: un treno-navetta per gli autoveicoli, il servizio passeggeri Eurostar tra Londra, Parigi e Bruxelles e il trasporto merci.

Il completamento dei lavori per la realizzazione del Tunnel è avvenuto in sette anni per un costo complessivo di oltre 10 miliardi di sterline. Francia e UK gestiscono ognuna il proprio tratto di competenza, con il confine ufficiale tra i due Stati che è posto all’incirca a metà tracciato (il lato britannico è di poco più lungo).

Il Tunnel della Manica rappresenta il tracciato sottomarino più lungo al mondo, che permette di raggiungere in breve tempo distanze per le quali in passato servivano ore o addirittura giorni di viaggio.

Il progetto che portò alla realizzazione del tunnel, nacque dopo la Seconda Guerra mondiale; I lavori ebbero inizio nel 1973, per interrompersi appena due anni dopo a causa di problemi finanziari. Infatti, i costi per la costruzione salirono enormemente in corso d’opera e si arrivò a spendere più di dieci miliardi di euro per completare i lavori.

Ai problemi economici si aggiunsero anche diverse diatribe politiche e da quel momento in poi un lungo silenzio caratterizzò la storia del Tunnel durante quegli anni e dispute politiche tra conservatori e socialisti. Trascorsero molti anni prima della presentazione di quella che fu – la gara d’appalto – ufficiale, che condusse poi all’espletamento dei lavori di costruzione.

Una gara d’appalto indetta tra società private premia il progetto più in linea con quello interrotto precedentemente, sul quale, a febbraio del 1987, viene siglato un trattato tra i due paesi, noto come Fixed Link Treaty.

A dicembre dello stesso anno iniziarono i lavori; tre anni dopo, gli operai impegnati su entrambi i versanti, s’incontrarono per la prima volta a metà strada. Al cantiere lavorarono in tutto 13mila persone, tra tecnici e ingegneri, fino al 1° dicembre del 1990, quando le due gallerie si incontrarono e il tunnel venne unito.

I lavori proseguirono fino al giorno dell’inaugurazione, avvenuta il 6 maggio del 1994.

La cerimonia ufficiale fu svolta alla presenza della regina Elisabetta II e dal Presidente francese Francois Mitterrand, che fecero il primo viaggio ufficiale partendo da Folkestone, nel Kent, e arrivando a Coquelles, vicino a Calais, dove ci sono le due stazioni.

Da allora tantissime persone utilizzano il Tunnel, con una media giornaliera di 60mila passeggeri, 4.600 camion merci, 140 autobus e 7.300 automobili.

Il Tunnel della Manica è sicuramente definibile un’opera strategica. Riccardo II di William Shakespeare lo chiamava il “fossato che difende la nostra casa contro l’invidia di terre meno felici”, ed è vero; per l’Inghilterra, il Canale della Manica negli anni, è stato un vero e proprio ostacolo naturale invalicabile contro ogni tentativo di invasione.

Un’opera unica, descritta dall’Associazione Americana degli Ingegneri Civili (ASCE) come una delle sette meraviglie della tecnica moderna.

 

Immagine in evidenza: Zerosottozero 

A proposito di Gerardina Di massa

Vedi tutti gli articoli di Gerardina Di massa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.