La maestra licenziata e il siparietto di un’Italia bigotta

maestra licenziata

La maestra d’asilo, licenziata nel Torinese in seguito alla diffusione di un video privato che la ritraeva in un momento d’intimità, è l’ennesima vittima di un Paese bigotto e incivile.

Gli attori di questa vicenda sono, più o meno, gli stessi che partecipano ad ogni caso di Revenge Porn, di “vendetta pornografica”. Ma, forse, dovremmo dire: in ogni episodio in cui un uomo si arroga il diritto di diffondere fotografie o video che ritraggono una donna (partner, fidanzata, ex o finanche sconosciuta) in momenti d’intimità. Sì, perché più che di “vendetta”, si tratta – profondamente – dell’idea malsana per cui del corpo di una donna si può disporre a proprio piacimento, e dei momenti di intimità (che magari si sono condivisi) si può fare sfoggio con i propri amici, con altri uomini. È un vero e proprio esercizio di potere sulla libertà delle donne. E non è nemmeno “pornografia” perché la pornografia di norma è consensuale, mentre insistere sul porno significa legare il corpo femminile a un consumo di tipo erotico: infatti, nei vari gruppi, viene diffuso e sessualizzato qualsiasi tipo di immagine ritragga una donna, con epiteti degradanti e misogini.

Il protagonista indiscusso di questa vicenda è l’uomo. Badate bene, l’uomo. Non la donna di cui viene morbosamente sottolineato il lavoro, cosicché possa apparire in antitesi (al limite dello scandaloso) con le parole digitate immediatamente dopo:”video hard”.

Il protagonista della storia è, dunque, quell’uomo che decide di condividere nella “chat del calcetto” alcune foto e un video che ritraggono la sua ex partner per “puro intrattenimento maschile” e, inutile ribadirlo, senza il consenso di quest’ultima. Tra gli altri uomini che usufruiscono della condivisione, uno riconosce la donna come la maestra d’asilo di suo figlio e coinvolge sua moglie. E cosa fa, a questo punto, la seconda donna coinvolta nella vicenda? Diffonde a sua volta le foto e il video – allargando il bacino di “utenti”, violandone ancora una volta la privacy, perseverando nell’insano e squallido “gioco” – e comunica il tutto alla preside della scuola. E cosa fa, a questo punto, la terza donna coinvolta nella vicenda? Licenzia la maestra.

Ovviamente, l’inchiesta e le indagini scaturite dalla vicenda hanno condotto a un processo in cui cinque persone rispondono – a vario titolo – di diffamazione, violenza privata e divulgazione di materiale privato. In particolare, l’ex fidanzato è stato condannato allo svolgimento di lavori socialmente utili e al risarcimento alla donna.

Tralasciando le vicende giudiziarie, il punto focale dell’episodio (e del fenomeno in generale) sono i suoi aspetti e sviluppi socio-culturali.

“Non potevo credere che una maestra facesse certe cose” – ha dichiarato il marito della donna che ha nuovamente diffuso le foto della ventiduenne fino al suo licenziamento – “Se si inviano certi video, si deve mettere in conto che qualcuno li divulghi”.

Dunque, se si decide di fotografare il proprio corpo o di condividere momenti di intimità con il proprio partner o chicchessia, si deve mettere in conto che qualcuno compia un reato? E, in particolare, se si è una maestra o un’educatrice, occorre rinunciare alla propria vita sessuale per svolgere il proprio lavoro?

Al di là di ogni retorica, perché l’idea che una maestra possa vivere liberamente la propria sessualità è così disturbante? Soprattutto, dal momento in cui tra gli obiettivi formativi previsti a livello internazionale per le scuole dell’infanzia c’è proprio il lavoro sul sé e sull’altro, sulla percezione dei corpi e la formazione del linguaggio. Ed è proprio dalla prima infanzia che è possibile costruire una modalità sana di relazionarsi agli altri, basata sulla comprensione dei bisogni e delle necessità.

Perché risulta così impossibile accettare il principio per cui avviando i più piccoli all’affettività, all’educazione e alle differenze di genere, sarà poi possibile avere una generazione preparata nella gestione sana delle proprie relazioni?

E perché risulta così difficile prendere atto del fatto che le donne possano condurre una sessualità serena e appagante, riempiendola di qualsiasi abitudine che ritengono opportuna e piacevole?

Chi è Maria Laura Amendola

Nata a Potenza il 28 giugno 1993, madre australiana e papà Irpino. Sono una studentessa di Lettere Moderne, convintamente attivista ambientale, impegnata nelle battaglie contro le disuguaglianze di genere, talvolta attrice improvvisata per il teatro. Vivo nella città più bella del mondo, Napoli.

Vedi tutti gli articoli di Maria Laura Amendola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *