Seguici e condividi:

Eroica Fenice

#ThisIsNotConsent: la protesta delle donne in Irlanda

#ThisIsNotConsent: la protesta delle donne in Irlanda

#ThisIsNotConsent è lo slogan sotto il quale migliaia di donne a Dublino e in tutta l’Irlanda hanno protestato, in seguito all’assoluzione di un uomo di 27 anni dall’accusa di stupro ai danni di una minorenne.

Il motivo del proscioglimento? La vittima indossava un tanga di pizzo.

La vicenda è avvenuta a Cork, una città universitaria nella zona Sud-Ovest dell’Irlanda, e a fare scalpore è stata, in particolare, l’arringa di Elizabeth O’Connell, avvocato difensore dell’accusato. “Osservate il modo in cui la ragazza era vestita”- ha affermato il legale, mostrando la biancheria intima che la 17enne indossava la sera dello stupro, –un tanga in pizzo: le prove escludono la possibilità che lei sia stata attratta dall’imputato e fosse disponibile a stare con qualcuno?”.

Da qui, l’hashtag lanciato sui social #ThisIsNotConsent (questo non vuol dire “consenso”), accompagnato da numerosissime fotografie di tanga, che hanno caratterizzato anche le proteste di piazza a Dublino, Galway, Limerick e, ovviamente, Cork, dove le donne hanno coperto le scale del tribunale con la propria biancheria di pizzo.

La deputata socialista Ruth Coppinger, durante una riunione del Dáil, una delle camere del Parlamento irlandese, ha mostrato un tanga di pizzo. “Potrebbe sembrare imbarazzante mostrare un tanga in questo luogo, ma come pensate che si senta una vittima di stupro quando in maniera inappropriata la sua biancheria intima viene mostrata in un tribunale?” ha chiesto, proponendo una revisione delle leggi sull’argomento.

Noeline Blackwell, invece, responsabile di un centro anti-violenza di Dublino, il Dublin Rape Crisis Center, ha commentato la sentenza sostenendo che “invitare la giuria a credere che la vittima si fosse vestita così alla ricerca di un rapporto sessuale non sorprende, in quanto noi stessi del centro accompagniamo spesso le vittime in tribunale e verifichiamo l’utilizzo continuo di stereotipi per screditarle e rafforzare la strategia di difesa”.

#ThisIsNotConsent : l’ultima di tante proteste per la donna

In Irlanda, però, quella di # ThisIsNotConsent non è la prima sentenza di assoluzione in un processo per stupro che crea proteste. Lo scorso marzo due ex giocatori nazionali di rugby sono stati assolti in un caso di violenza nei confronti di una studentessa  durante una festa a Belfast.

La vicenda giudiziaria di Cork, insieme ai tanti altri verdetti che hanno umiliato le donne vittime di violenza in tutto il mondo, esprimono in maniera emblematica il preconcetto maggiore sulla violenza sessuale, che vede lo stupro legato all’abbigliamento e ai modi di fare della vittima, che in qualche modo “provoca” l’aggressore e, di conseguenza, è colpevole lei stessa dell’abuso.

Questo, purtroppo, rappresenta anche una nota negativa nel campo dei diritti civili in Irlanda, soprattutto se si pensa ai recenti successi dei referendum che hanno consentito, nel 2015, l’introduzione del matrimonio gay e, quest’anno, il diritto all’aborto, prima considerato illegale.

Copyright immagine:PA Wire/PA Images(Informazioni provenienti da IPTC metadati foto)