Profumo: come interagisce con la pelle?

Il profumo è tra gli accessori più amati e usati al mondo. Esiste una grande quantità di fragranze in commercio e trovare il profumo giusto per sé permette di distinguersi e sentirsi irresistibili. Tuttavia, è probabile che l’etichetta non ci stia dicendo proprio tutto riguardo a ciò che è contenuto all’interno della boccetta.

A causa delle leggi che proteggono i produttori di fragranze, infatti, molti dei profumi che si trovano in commercio contengono sostanze chimiche non elencate singolarmente sulla confezione del prodotto. Sostanze che possono causare allergie, con reazioni come la comparsa di evidenti macchie rosse sulla pelle, prurito, irritazione e ipersensibilità cutanea.

Questo è dovuto al fatto che le sostanze contenute nei profumi siano gli “ingredienti segreti” delle fragranze che rendono il profumo in questione unico, per cui i produttori possono semplicemente descrivere queste sostanze come “fragranza” ed evitare così di condividere con il mondo il segreto del proprio prodotto.

La buona notizia, però, è che un danno immediato e irreversibile causato dall’uso occasionale di un profumo o di un’acqua di colonia è raro.

Come reagisce la pelle alla fragranza?

Il modo in cui la maggior parte degli ingredienti profumati conferisce profumo è attraverso una reazione volatile. Sfortunatamente, questa reazione naturale provoca quasi sempre una reazione sensibilizzante sulla pelle. La ricerca, infatti, ha stabilito che le fragranze nei prodotti per la cura della pelle sono tra le cause più comuni di sensibilizzazione e altre reazioni cutanee negative. E questo vale per tutti i tipi di pelle, non solo per quelle sensibili o con tendenza all’arrossamento.

Anche se la nostra pelle non sembra essere disturbata o aggravata dai prodotti profumati che utilizziamo, questo non significa che essi non stiano producendo degli effetti. In effetti, questo potrebbe essere un problema per il riconoscimento dell’eventuale insorgenza di un disturbo, considerando che la pelle è molto brava a nascondere eventuali segni e si potrebbe non riuscire a individuare il problema in tempo.

A volte un profumo può causare una lieve reazione allergica. Molto spesso, questa reazione si verifica sulla pelle sotto forma di dermatite da contatto, che può presentarsi ogni volta che la pelle viene a contatto con un ingrediente (sintetico o naturale) che la irrita.

I sintomi della dermatite da contatto includono:

  • Orticaria o vesciche;
  • Prurito, con possibile desquamazione della pelle;
  • Bruciore o arrossamento della pelle;
  • Sensibilità al tatto.

Alcune delle sostanze chimiche contenute nei profumi possono essere pericolose se si accumulano a livello dell’epidermide. Lo stirene per esempio, un ingrediente presente in molti prodotti cosmetici, è stato ritenuto un probabile cancerogeno dal National Toxicology Program nel 2014.

Altre sostanze, invece, sono incluse nel prodotto con il preciso scopo di aiutare la pelle ad assorbire la fragranza e farla durare per ore e ore. E sono proprio quelle stesse sostanze chimiche che aumentano la vulnerabilità della pelle, esponendola a possibili agenti cancerogeni.

Quali prodotti contengono fragranze e perché?

Sono tanti i prodotti in commercio che contengono fragranze. Oltre ai profumi, troviamo per esempio anche creme per il corpo, dopobarba, creme per la protezione solare, lozioni, trucchi, smalti per unghie, detersivi, shampoo, balsami e molto altro. Il motivo principale per cui le fragranze vengono inserite in questi prodotti è semplicemente per conferire un odore gradevole durante l’uso.

Il marketing sensoriale ha infatti compreso il potere di un prodotto piacevolmente profumato e soprattutto il modo in cui ciò influisce sulle decisioni di acquisto del consumatore e sull’esperienza di utilizzo del prodotto a casa. Per questo, nel corso degli ultimi anni, si è sviluppato il marketing olfattivo, una strategia di mercato che punta proprio allo sfruttamento dei profumi a scopi commerciali.

Un altro motivo per cui le fragranze si fanno strada in molti prodotti di utilizzo quotidiano è che spesso i prodotti cosmetici naturali non avrebbero un buon odore senza l’aiuto del profumo. Una fragranza piacevole e diffusa aiuta a coprire il normale odore, meno piacevole, del prodotto. Esistono tuttavia ingredienti specifici e passaggi di formulazione che permettono di ottenere un prodotto dall’odore neutro o non discutibile anche senza profumo. In altre parole, l’aggiunta di prodotti profumati non è necessaria.

Tuttavia, vale la pena notare che la fragranza aggiunta può servire anche a nascondere l’aroma sgradevole di un prodotto per la cura della pelle confezionato in vasetto che abbiamo conservato aperto troppo a lungo, soprattutto se gli ingredienti sono del tutto naturali. Il confezionamento in barattolo favorisce infatti una degradazione più veloce del prodotto perché, una volta aperta la confezione, gli ingredienti delicati sono esposti all’aria e ai batteri delle dita che si immergono ripetutamente durante l’utilizzo.

Gli oli essenziali o gli ingredienti profumati naturali non fanno eccezione. Nonostante molti oli essenziali ed estratti vegetali profumati abbiano di per sé proprietà benefiche per la pelle, è sempre bene tenere a mente che la loro volatilità nel rilascio della fragranza potrebbe non avere effetti positivi a livello cutaneo.

Marcello Affuso

About Marcello Affuso

Direttore - Docente - Coautore del romanzo "A un passo da te" - Laureato in Filologia Moderna

View all posts by Marcello Affuso →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *