Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Nati per Leggere: una biblioteca per i più piccoli a Napoli

«Se riesci a far innamorare i bambini di un libro, o due, o tre, cominceranno a pensare che leggere è un divertimento. Così, forse, da grandi diventeranno dei lettori. E leggere è uno dei piaceri e uno degli strumenti più grandi della nostra vita».

Roald Dahl, grande scrittore di libri per l’infanzia, esprimeva con queste parole l’importanza della lettura per i più piccoli.

Per leggere libri ai bambini occorre un posticino tranquillo e silenzioso dove poter dare spazio alle parole, all’ascolto e all’immaginazione. Da poco più di un anno esiste a Napoli un piccolo cantuccio letterario per bambini: si tratta del Punto Lettura Nati per Leggere per bambini da 6 mesi a 6 anni, ospitato al terzo piano del PAN di Napoli.

L’appuntamento per i piccoli accompagnati da mamme, papà, nonni, zii e tate è il mercoledì, il giovedì e il secondo sabato di ogni mese. Ma attenzione, non si tratta di una ludoteca dove “parcheggiare” i propri bambini, bensì della prima biblioteca di Napoli dedicata esclusivamente ai piccoli nella quale gli adulti, aiutati dai lettori volontari, leggono storie ad alta voce ai bambini. Ossessionati da ritmi di vita sempre più frenetici, frequentare il Punto lettura del Pan, aperto e gratuito per tutti i cittadini, significa, sia per i piccoli che per gli adulti, fermarsi un paio d’ore a leggere ed ascoltare storie, a godersi il silenzio e la tranquillità, a viaggiare lontano attraverso le parole, i suoni e le immagini.

Se da piccoli siete stati abituati, magari già in età prescolare, ad ascoltare storie, probabilmente questo progetto non vi stupirà, tuttavia è molto probabile che vi starete chiedendo perché mai dovremmo leggere ad alta voce a un bambino ancora nella pancia della madre, a uno di 9 mesi o due anni. Molti credono infatti che nei primi anni di vita il bambino sia poco ricettivo e soprattutto poco interessato ai libri, ma avete mai provato a leggere una storia a un bambino di due anni? Provateci e rimarrete stupiti. Il piccolo si mostrerà infatti molto probabilmente curioso, attento al vostro tono della voce, ascolterà le parole che pronuncerete e dopo poco le ripeterà. Ma soprattutto dopo le prime volte sarà proprio il bambino a chiedervi di leggergli una storia. Non si legge ai bambini con la pretesa di voler creare dei piccoli talenti letterari, ma per abituare i piccoli a stabilire una relazione con il libro che dovrà naturalmente essere adeguato a ciascuna età.

Numerose ricerche scientifiche hanno infatti dimostrato che leggere libri ad alta voce con una certa continuità comporta benefici di tipo cognitivo e linguistico ma anche emotivo e relazionale per i bambini di età prescolare, in particolare nei primi tre anni di vita. Attraverso lo strumento di lettura ad alta voce si viene a creare infatti un rapporto molto speciale tra i genitori e i figli e si sviluppano meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura.  Un bambino abituato a leggere fin da piccolo avrà inoltre una dimestichezza con il libro che probabilmente lo accompagnerà, come afferma Roald Dahl, per la vita.

Sulla base di queste ricerche e grazie all’unione dell’Associazione italiana biblioteche, dall’ Associazione Culturale Pediatri e dal Centro per la Salute del Bambino nel 1999 è venuto alla luce a livello nazionale Nati per leggere, un progetto attivo in tutto il territorio nazionale che, attraverso reti locali, con una serie di figure differenti come bibliotecari, pediatri, lettori volontari, educatori sociali e sanitari, si occupa della lettura come strumento di sviluppo umano. Si tratta di un progetto eterogeneo e compatto nello stesso tempo, che si articola a livello nazionale in contesti diversi  come ambulatori pediatrici e biblioteche, ma che ha come fine unico quello di promuovere la lettura  ad alta voce nel contesto familiare, garantendo così un adeguato sviluppo affettivo e cognitivo a ogni bambino.

In Campania il programma pur essendo itinerante e sempre in crescita, dall’ ottobre 2012 ha ottenuto come sede, grazie alla collaborazione con il Comune di Napoli, il Punto Lettura del PAN, luogo in cui regolarmente si incontrano bambini, genitori e volontari in uno scambio continuo, luogo in cui si progettano iniziative di vario genere per i più piccoli, luogo in cui si prendono in visione e si comprano libri di qualità, si raccontano storie e si lascia spazio all’immaginazione.

Nati per leggere è un’idea, una viaggio, è un bambino che ascolta una storia, sono occhi e orecchie spalancati, Nati per leggere è silenzio e sorrisi, è passione, entusiasmo e voglia di fare, Nati per leggere rappresenta concretamente il futuro delle nuove generazioni specialmente in territori così complessi come quello campano.

Per scoprire con i vostri occhi il piccolo mondo delle storie l’appuntamento è al terzo piano del Pan il mercoledì mattina dalle 10, 30 alle 12, 30 con le storie piccoline per i bambini dai 6 mesi ai 3 anni, il mercoledì e il giovedì pomeriggio dalle 16, 30 alle 18, 30 per i bimbi dai 3 ai 6 anni e il secondo sabato di tutti i mesi dalle 10, 30 alle 12, 30 con tutti i bambini. Anche i bambini più grandi saranno ben accolti. Su prenotazione le scuole possono richiedere di accedere alla biblioteca. 

Per maggiori informazioni visitate la pagina facebook o la pagina web ufficiale di Nati per Leggere:

– Nati per Leggere: una biblioteca per i più piccoli a Napoli –

Print Friendly, PDF & Email