Blumunn di Francesco Zecca: l’arte di sognare | Recensione

Blumunn di Francesco Zecca: l'arte di sognare

Blumunn al Teatro Mercadante di Napoli | Recensione 

Blumunn è il nuovo spettacolo scritto e interpretato da Marina Confalone con Lello Giulivo e Giovanni scotti e con la regia di Francesco Zecca. Il testo in edito è in scena al Teatro Mercadante di Napoli dal 3 al 7 novembre.

La sala accoglie il pubblico a sipario aperto. Una scelta funzionale che ci presenta il Blue Moon, un piano bar ormai fallito e pronto ad incontrare la sua definitiva chiusura, permettendoci di ambientarci subito in quell’atmosfera con un ché di vintage, nel ricordo di voci che davano vita a quel posto. Adesso il locale è pieno di polvere, odore di umidità e vecchi scatoloni da portare via per lasciare spazio ad un market di surgelati. Ma sarà proprio in quel luogo magico, animato tempo fa dalla musica e dall’amore, che avverrà l’incontro tra il giovane ragioniere Malachia e Susy, l’ex diva del Blue Moon.

La trama ed i personaggi

Malachia è un ragazzo di venticinque anni, orfano di madre, che ha accantonato il suo sogno di fare musica per volere del padre. Si lascia tentare alla vista di quel vecchio pianoforte che domina la scenografia, un cuore pulsante emozioni vere, ma è anche lo stesso ragazzo che risponde intimorito alle chiamate del padre, incatenandosi in una morsa fredda razionalità in cui sembra non esserci posto per i sogni. Susy, invece, ha fatto della sua vita un sogno di amore, fantasia e musica. Eppure, il suo passato svela rimpianti e la nostalgia di ciò che avrebbe potuto essere se le scelte fossero state diverse: ella ha rinunciato al suo successo per i suoi sogni d’amore, si è lasciata prosciugare da una relazione tossica pur di portare avanti il suo sogno al Blue Moon.

I due dimostrano di avere intendimenti totalmente diversi: la chiusura remissiva del ragazzo ben presto si ritrova a dover fare i conti con l’ardore esplosivo dell’ex diva, mossa quasi da una freschezza adolescenziale. Susy si racconta dopo essere uscita di scena per anni e fa in tutti i modi che la sua storia diventi un monito per Malachia affinché non commetta i suoi stessi errori, segua la sua strada ed osi nel sognare senza mai privarsi di nessuna opportunità, al di là se poi si riveli vincente o meno. Il loro diventa uno scontro tra due generazioni a confronto, due energie opposte che mettono a nudo luce ed oscurità del passato di entrambi i personaggi, invitandoci a non arrenderci mai. Con un finale inaspettato, Blumunn compie la sua magia di farci cercare dentro di noi la forza di rendere le nostre scelte, soprattutto quelle sbagliate, un domani migliore, un futuro pieno di sogni da realizzare.

Parola d’ordine: emozionarsi!

Assistere allo spettacolo Blumunn è stato come aprire ed incantarsi davanti ad un carillon lasciato senza musica per troppo tempo: dà la sensazione di riascoltare qualcosa di familiare, una magia che ipnotizza e ci tiene lì incollati a sognare. L’interpretazione della Confalone e dei suoi compagni di scena rispetta egregiamente un ritmo capace di farci toccare con mano le emozioni.

Blumunn – titolo che napoletanizza ed in qualche modo ambienta il locale Blue Moon – è uno spettacolo senza tempo, un posto incantato che rapisce e ci dona la volontà di abbracciare i nostri sogni, restituendo loro una dignità molto spesso calpestata, oggi più che mai davanti alla chiusura di teatri e cinema per fare largo sempre più all’incessante pretesa di produttività del nostro Paese. Blumunn, allora, è anche una presa di consapevolezza della fragilità della vita, troppo breve per non farsi avvolgere dall’impetuoso vento dei sogni e bruciare dal fuoco delle emozioni, che può rivelarsi spesso una condanna ma è soprattutto l’unico balsamo efficace per le nostre ferite, l’unico nostro memento vivere.  

Fonte immagine: qui

About Francesca Hasson

Francesca Hasson nasce il 26 Marzo 1998 a Napoli. Nel 2017 consegue il diploma di maturità presso il liceo classico statale Adolfo Pansini (NA) e nel 2021 si laurea alla facoltà di Lettere Moderne presso la Federico II (NA). Specializzanda alla facoltà di "Discipline della musica e dello spettacolo. Storia e teoria" sempre presso l'università Federico II a Napoli, nutre una forte passione per l'arte in ogni sua forma, soprattutto per il teatro ed il cinema. Infatti, studia per otto anni alla "Palestra dell'attore" del Teatro Diana e successivamente si diletta in varie esperienze teatrali e comparse su alcuni set importanti. Fin da piccola carta e penna sono i suoi strumenti preferiti per potere parlare al mondo ed osservarlo. L'importanza della cultura è da sempre il suo focus principale: sostiene che la cultura sia ciò che ci salva e che soprattutto l'arte ci ricorda che siamo essere umani.

View all posts by Francesca Hasson →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *