Seguici e condividi:

Eroica Fenice

raccogliere e bruciare

Raccogliere e Bruciare, (Ingresso a Spentaluce) al Teatro Nuovo

Dal 21 al 25  marzo, il Teatro Nuovo di Napoli, ospita in scena Raccogliere e Bruciare (Ingresso a Spentaluce) ultima creazione del maestro contemporaneo Enzo Moscato, già messa in scena precedentemente durante il Napoli Teatro Festival 2017.
Moscato si serve di un foltissimo cast di qualità per questo suo lavoro, composto da Giuseppe Affinito, Massimo Andrei, Benedetto Casillo, Salvatore Chiantone, Gino Curcione, Enza Di Blasio, Caterina Di Matteo, Cristina Donadio, Tina Femiano, Gino Grossi, Amelia Longobardi, Ivana Maione, Vincenza Modica, Rita Montes, Anita Mosca, Enzo Moscato, Francesco Moscato, Luca Trezza, Imma Villa.
L’allestimento è impreziosito dalle installazioni di Mimmo Paladino, le luci di Cesare Accetta, le musiche originali di scena di Enza Di Blasio, i costumi di Daniela Salernitano.

Raccogliere e Bruciare, appena un attimo e poi

«Uno morì di febbre,
uno bruciato in miniera,
uno ucciso in una rissa,
uno morì in prigione,
uno cadde da un ponte mentre faticava per moglie e figli –
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.»

Comincia così, l’Antologia di Spoon River, di cui Moscato ha fatto una riscrittura, un coraggioso tentativo da parte di un uomo abituato a coraggiosi tentativi di mettere in scena, in quella che molto definiscono “salsa napulegna“, uno dei grandi classici della poesia contemporanea.

C’è una fitta nebbia sopra i capi ora alzati e ora rivolto verso il basso dei personaggi, impalpabile, proprio come la sua più stretta etimologia chiede, ed è un attimo pallida e chiara e un attimo dopo rossastra e sanguinolenta.
Non si muove niente, non si muove nessuno se non per fare pochi passi, per compiere quel cammino esistenziale dedito alla farfalle. Tutto si accende e si spegne a poco più di un palmo di mano di dove iniziato.

La coralità, questa è la chiave di lettura, di svolgimento, di ogni cosa.
Una ferma e continua coralità, senza la quale tutto smette di avere senso o ragione. Caduto un solo epitaffio, venuto meno un solo piccolo brandello di insensato monologo inframezzato e l’intero castello cade rovinosamente sulla testa di tutto.

Se cercate una trama, lasciate perdere questo spettacolo.
Se cercate, fermamente, una ragione, qui o altrove, allora, di nuovo, recatevi altrove.

Poiché, Raccogliere e Bruciare, mette in scena né la risposta né la domande, bensì il continuo imperituro e silenzioso momento che si frappone tra le due.
Indefinito, indefinibile e, per questo, intoccabile, nel senso più materiale, questa è là più corretta delle descrizioni di ciò che Moscato mette in scena.


RACCOGLIERE E BRUCIARE (Ingresso a Spentaluce)
di Enzo Moscato
cast Giuseppe Affinito, Massimo Andrei, Benedetto Casillo, Salvatore Chiantone, Gino Curcione, Enza Di Blasio, Caterina Di Matteo, Cristina Donadio, Tina Femiano, Gino Grossi, Amelia Longobardi, Ivana Maione, Vincenza Modica, Rita Montes, Anita Mosca, Enzo Moscato, Francesco Moscato, Luca Trezza, Imma Villa.
musiche Enza Di Blasio
costumi Daniela Salernitano
allestimento Mimmo Paladino

da mercoledì 21 a domenica 25 marzo 2018 al Teatro Nuovo di Napoli

Inizio spettacoli ore 21.00 (mercoledì, giovedì e sabato), ore 18.30 (venerdì e domenica)

info e prenotazioni:
cell: 0814976267
email: [email protected]