Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Marcus Malte

Marcus Malte e il ragazzo: cambio di rotta per lo scrittore

Marcus Malte, pseudonimo di Marc Martiniani, è uno scrittore francese il cui successo, almeno sino ad oggi, è legato al genere poliziesco. Con “Il ragazzo”, edito da Fazi Editore, lo scrittore Malte, cambia decisamente rotta, inoltrandosi in un ambito completamente diverso.

Trama e sinossi del romanzo di Marcus Malte

“Il ragazzo”, è un romanzo ambientato agli albori del Novecento; ha per protagonista un ragazzo senza nome che si aggira per le campagne della Francia meridionale. Non ha mai visto altro essere umano se non la propria madre, che porta sulle spalle. La donna, moribonda, chiede che le proprie ceneri siano sparse in mare, e il figlio decide di assecondarne la volontà. Dopo ciò, il ragazzo senza nome s’incammina alla scoperta del mondo e degli uomini che lo popolano. Prova ad avvicinarsi ai suoi simili, nonostante non sappia parlare, e non conosca nessun linguaggio per comunicare con gli altri. Nel suo lungo percorso costellato di tante iniziazioni, girerà la Francia insieme a Brabek, l’orco dei Carpazi, lottatore filosofo; scoprirà i segreti del sesso grazie a Emma, che per lui sarà amante, sorella e madre al tempo stesso; conoscerà la barbarie e la follia dell’uomo durante la guerra, dove tornerà selvaggio fra le trincee e si farà un nome per la sua brutalità, indirizzata stavolta ai suoi simili. Soltanto alla fine, abbandonati gli strati di forte violenza cieca e riguadagnato il suo stato di purezza originale, potrà finalmente sentire, forte, l’odore della madre e, con esso, il richiamo del mare.

Con Il ragazzo, Marcus Malte presenta un romanzo notevolmente profondo che in Francia è stato un grande successo: pubblicato da una piccola casa editrice indipendente, ha vinto il prestigioso Prix Fémina e ha raggiunto i vertici delle classifiche. L’autore si inserisce nella tradizione e nel mito dell’enfant sauvage con una voce originale, dando vita a un’importante riflessione su cosa significa essere uomo e ricordandoci come eravamo, come siamo stati e come potremmo tornare a essere.

Una storia coinvolgente, nella quale, il protagonista, pur non parlando, si rivolge e arriva al lettore, in modo profondo e diretto. Il protagonista senza nome, “Il ragazzo”, è al contempo un animale, uno spirito della foresta, un demone, una creatura della quale non si comprendono pienamente le caratteristiche.
La narrazione procede dettagliatamente, grazie all’abile penna di Marcus Malte, il quale riesce a proporre un libro, costituito da quattro capitoli, contrassegnati dalla presenza di date, diverse tra loro. Ogni capitolo rappresenta una storia, e in ognuno di essi il ragazzo senza nome prova sensazioni, emozioni differenti, in un pullulare di caratterizzazioni ambientali, sentimentali, sociali e culturali.
Ovviamente, sembra quasi scontato affermarlo, il tema principale del libro: “Il ragazzo”, che ne ricorda anche il titolo; ragazzo senza nome, e senza un linguaggio, che si configura come personaggio e protagonista del romanzo. Un dualismo che consente allo scrittore di spaziare con le parole, in una cornice narrativa dinamica e variegata, nella quale   trovare risposte, analizzare le varie avventure che caratterizzano il protagonista.
“Il ragazzo” è una rappresentazione e al contempo una interpretazione narrativa, denotata da un linguaggio scorrevole, che ben permette di comprendere i diversi passaggi della narrazione. L’io narrante non si sovrappone mai alle vicende, permettendo il giusto “gioco di ruoli”, tipico in un romanzo così avvincente, che sorprende e non stanca mai.

[Immagine in evidenza: www.fazieditore.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *