Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Caratteristiche dello sposo (im)perfetto

Caro sposo,
anche per te il giorno tanto atteso è arrivato: finalmente prenderai in moglie la donna che ami per la gioia di parenti, amici e soprattutto per la tua, così questo snervante teatrino dei preparativi matrimoniali avrà fine!
Sei contento? Non dovrai più avere a che fare con:

lista nozze – tu, che non sai nemmeno cosa sia una padella antiaderente, figurarsi un materiale pregiato quale la ceramica di Limonges tanto caro a tua suocera, non dovrai spendere mai più i tuoi preziosi pomeriggi nei negozi ad essa dedicati;

fotografi – tu, che scatti una foto ogni dieci anni nonostante il tuo cellulare di ultima generazione sia dotato di una fotocamera da tre milioni di megapixel, finalmente non dovrai più posare di fronte al tramonto con sguardo sdolcinato verso tua moglie;

partecipazioni – l’ultima volta che sei entrato in una tipografia, eri uno studente universitario che doveva fotocopiare un manuale di tremila pagine da imparare in una settimana e nel momento cruciale della scelta dei miliardi di caratteri, colori e materiali delle partecipazioni più trendy del momento, hai rimpianto quei bei tempi di sano terrore pre – esame;

snervanti tours della Campania alla ricerca della location perfetta nonché organizzazione dei tavoli al ricevimento – che inenarrabile  tormento far sì che nessuno degli invitati ti odi a morte per aver inaspettatamente trovato al proprio tavolo quel maledetto/a dell’ex, magari già con nuova fiamma al seguito;

bomboniere dalle fogge più oscene – tu, che da piccolo usavi quelle gelosamente esposte a casa tua come birilli tirandovi contro il Super Santos per fare strike, hai dovuto subire il supplizio della selezione e della scelta del tanto odiato oggettino ricordo;

fiori – tu, che non sai distinguere un girasole da un tulipano, sei lieto del fatto che la prossima volta che dovrai avere a che fare con un fioraio sarà in pieno febbraio per S. Valentino, ma in quel caso la scelta sarà facile.

Differenze comportamentali tra sposo e sposa

Se le sposine sono iperattive, accentratrici e decisioniste, gli sposini sono quasi sempre assolutamente inermi e passivi di fronte alle loro pretese. Non offenderti caro sposo, ma anche tu, però! Con le solite frasi ad effetto del tipo “per me va bene qualsiasi cosa; se piace a te, piace a me; hai carta bianca, fai tutto tu”, ci hai intortato con la bella cantilena del fidanzato accondiscendente, quando in realtà volevi solo elegantemente sottrarti alle infinite grane dell’organizzazione del tuo matrimonio.

Certo, le eccezioni rispetto a questa figura mitologica di sposo falsamente inerme e realmente strafottente esistono: ho visto uomini interessarsi davvero all’organizzazione del proprio matrimonio, dedicare tempo alla ricerca di dettagli particolari ed originali da scovare in internet o essere attenti al proprio look il giorno delle nozze. Ma sono mosche bianche.

Il ruolo sociale dello sposo

Del resto, da che mondo è mondo, il trattamento a tutto tondo che l’universo del wedding riserva alla sposa è ben diverso da quello previsto per lo sposo. Vorrei simpaticamente infilare il coltello nella piaga: hai notato, futuro marito, che in tv non esistono pubblicità di abiti da sposo, nemmeno sui canali più infimi della Campania? Hai realizzato che i centri estetici non contemplano pacchetti bellezza di milioni di euro per ritemprare l’affaticato nubendo? Ti sei domandato come mai il fotografo nella migliore delle ipotesi viene a casa tua solo per dieci minuti, per poi recarsi dalla futura mogliettina per realizzare uno shooting fotografico degno di Vogue Sposa?

La risposta è semplice: è lei quella che conta!

Se ci pensi, sposino bello, che sia per convenzione o per le conseguenze del tuo comportamento passivo, il tuo ruolo è cristallizzato come marginale nei secoli dei secoli. In fondo, nel giorno del tuo matrimonio, il tuo compito sarà molto facile: come recita la celebre battuta del film Quattro matrimoni e un funerale, “Sposarsi è facile: basta rispondere sì a qualsiasi domanda ti venga fatta!”

Dedicato a tutti gli sposini, i cui sentimenti oscillano tra rassegnazione ed emozione!

Print Friendly, PDF & Email