Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La categoria Notizie curiose contiene 383 articoli

Notizie curiose

Rumore bianco: il muro di energia sonora

Il ticchettio della pioggia, lo scorrere di un fiume, il fruscio di una brezza, il suono di un asciugacapelli acceso, di un ventilatore, di una cappa da cucina. Sono tutti esempi del cosiddetto rumore bianco. Si tratta di un suono caratterizzato dall’assenza di periodicità nel tempo e da ampiezza costante su tutto lo spettro di frequenze. Statico, monotono, costante Rumore bianco è un suono caratterizzato da uno spettro costante. Il nome “bianco” deriva dalle proprietà dello specchio di luce bianca, costante perché formata dalla sovrapposizione delle onde elettromagnetiche di tutte le frequenze visibili e di intensità simile ad ogni frequenza. In realtà il rumore bianco vero e proprio, per definizione, è un’idealizzazione: nessun sistema è in grado di generare uno spettro uniforme per tutte le frequenze. Quando parliamo di rumore bianco nella vita di tutti i giorni ci riferiamo dunque ad un intervallo di frequenze. I rumori a spettro costante che ascoltiamo ogni giorno sono suoni che, con il loro basso flusso sonoro e volume contenuto, riescono a nascondere i rumori disturbanti e a indurre nell’uomo un naturale senso di rilassamento. Coprendo i rumori quotidiani con un qualsiasi tipo di rumore bianco, i primi risulteranno come ovattati. È una sorta di scudo dalle distrazioni sonore che risultano quindi camuffate da questo rumore statico, monotono, costante. Secondo le parole del neuroscienziato statunitense Seth Horowitz «Il rumore bianco è un muro di energia sonora, senza schemi». Come sono utilizzate le proprietà del rumore bianco? Questo tipo di rumore è utilizzato in alcune discipline come l’econometria o l’ingegneria, dove è impiegato per verificare la risposta in frequenza di sistemi acustici e sonori. Nella vita di tutti i giorni questi suoni sono usati per favorire il sonno di grandi e piccini. Si tratta infatti di un rumore cullante che rilassa i muscoli e concilia il sonno. Il rumore bianco è quindi molto utilizzato anche nella vita domestica e, in particolare, nel momento del riposo. Si tratta di tecniche di rilassamento pensate per far calmare i neonati ma che si sono rivelati una tecnica efficiente anche per gli adulti. Il rumore bianco, mascherando gli altri rumori, funge da sorta di ninna nanna per il cervello. A tal proposito, in commercio esistono molti apparecchi generatori di rumore bianco o, ancora più semplicemente, molte playlist e applicazioni destinate a questo scopo. Basta ascoltare il rumore della pioggia, lo scorrere dell’acqua, il suono del vento per sentirsi più rilassati. Allo stesso tempo però il rumore bianco è usato anche per scopi totalmente opposti. Esso è impiegato nelle strategie di sound masking per mascherare il suono indesiderato in determinati ambienti. Le tecniche di sound masking sono volte a coprire i rumori all’interno di ristoranti e uffici per aumentare il comfort e diminuire la distrazione. Si tratta di un controllo del suono cosiddetto “passivo” in quanto non si basa sulle tecniche di cancellazione del rumore ma, piuttosto, di camuffamento. Con questo scopo, oltre che i rumori bianchi, vengono adoperati anche i cosiddetti rumori rosa, in cui le componenti a bassa […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Professioni digitali: le 4 più ricercate, oggi e nel futuro

Stiamo vivendo un’epoca di profonde trasformazioni della quotidianità, e ad incidere maggiormente in questa condizione troviamo sicuramente le innovazioni tecnologiche. Operazioni che fino a non molti anni fa richiedevano moltissimo tempo, oggi grazie ad uno smartphone o un pc sono diventate molto rapide da portare a termine. Questo non poteva che riflettersi chiaramente nel mondo del lavoro, dove molte mansioni che in passato erano diffuse, oggi sono diventate obsolete. Molte altre professioni però, sono nate proprio grazie all’avvento delle nuove competenze digitali, e in futuro alcune di queste avranno un ruolo sempre più centrale nel mercato del lavoro. Scopriamo insieme quali sono le quattro più ricercate. Un futuro sempre più digitalizzato Il futuro? È già presente. Per comprendere meglio quali saranno le professioni che andranno per la maggiore nei prossimi anni, basta osservare attentamente cosa sta succedendo già al giorno d’oggi. La quasi totalità della nostra quotidianità “tocca” strumenti tecnologici, in grado molto spesso di alleggerire il peso di alcuni compiti. Prendiamo ad esempio la diffusione massiccia degli smartphone. Ogni device mediamente ne contiene almeno 80, tra quelle che vengono preinstallate direttamente dalla Casa produttrice, e quelle che ogni utente provvede a scaricare autonomamente. Stiamo parlando delle moltissime App: per l’home banking, per pagare, per prenotare un volo o una vacanza, o per ordinare i pasti. Una posizione importante nel settore è ricoperta ovviamente dai giochi, come quelli che permettono vincite nei casino casino AAMS, sparatutto, sportivi, quiz, e molti altri. Gli store dedicati ai due principali sistemi operativi per smartphone, Android e iOS, contengo infatti milioni di queste applicazioni. Sono tutti software che necessitano di una programmazione, uno sviluppo grafico, il rilascio di aggiornamenti, e in molti casi anche delle forme di sponsorizzazione adeguate. La richiesta di figure specializzate in questi settori in futuro non potrà quindi che aumentare, fino a rivestire una posizione centrale nel mercato. Quali sono le professioni digitali del futuro? Abbiamo detto come app, e-commerce e piattaforme digitali ci sostengano sempre di più nella routine della nostra quotidianità. Persino molti lavori tradizionali, come quelli da ufficio, oggi si avvalgono di software appositi per lo svolgimento delle attività in smart working. Ad ogni modo, le professioni che andranno per la maggiore sono quattro: Web Designer, programmatore mobile, progettista 3D e Communication Designer. Web Designer. Questa figura è un vero e proprio progettista, che si occupa principalmente di migliorare la user experience dei siti e delle app, quindi di rendere il tutto accattivante sotto il profilo estetico. Programmatore mobile. Il programmatore è quel professionista che si occupa della scrittura del codice dei software. Quando si parla di codice, si fa riferimento al “telaio” vero e proprio di ogni programma e app. Questa, in particolar modo, sarà una di quelle professioni maggiormente ricercate in futuro. Progettista 3D. Gli strumenti 3D rappresentano una fusione tra la tecnologia e la realtà. Queste tecniche 3D, molto utilizzate in ambito pubblicitario, permettono di realizzare progetti unici, molto efficaci e innovativi. Il progettista 3D ad esempio, è in grado di creare prodotti tridimensionali […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Criptovalute e quella regolamentazione che anche l’Italia aspetta

Una regulation che è attesa un po’ da tutti i Paesi in tema di criptovalute: anche l’Italia non si è tirata indietro e ha apposto la sua firma sull’appello che è arrivato a Bruxelles. Di cosa si tratta? Semplicemente di una dichiarazione che è stata fatta in modo congiunto da parte di cinque Paesi, e nello specifico dai rispettivi ministri delle Finanze, ovvero Spagna, Italia, Paesi Bassi, Germania e Francia. L’obiettivo è quello di fare in modo che la Commissione UE, che intanto ha dilatato i tempi sul Recovery Fund, possa finalmente fermare un fenomeno in aumento e piuttosto pericoloso, ovvero l’ingresso di privati che vanno a operare al di fuori delle regole. In ballo c’è addirittura la sovranità degli stessi Stati in merito alla politica monetaria. Anche l’Italia alza la voce Anche l’Italia ha voluto affermare la propria posizione a Bruxelles, nella richiesta di regole molto più stringenti per quanto riguarda il mercato delle criptovalute. In compagnia dei quattro Stati citati in precedenza, è arrivata una richiesta ben precisa alla Commissione UE, che dovrà farsi inevitabilmente carico, a breve, di un nuovo compito, ovvero quello di creare e sviluppare una regolamentazione molto rigorosa e con dei paletti ben determinati, per quanto riguarda tutte quelle criptovalute che si basano su asset reali. Volete un esempio? Possiamo pensare certamente alle stablecoin. L’obiettivo di tale richiesta, in fin dei conti, è solo ed esclusivamente uno, ovvero garantire la maggiore protezione possibile dei consumatori, ma al contempo l’intento è chiaramente anche quello di tutelare la sovranità degli Stati nel campo della politica monetaria. Una dichiarazione congiunta Così, i ministri delle Finanze dei cinque Stati che fanno parte dell’UE, hanno sviluppato una dichiarazione congiunta, in cui si invita la UE a impedire alle stablecoin di operare entro i confini continentali fino al momento in cui non saranno dipanate tutte le varie beghe dal punto di vista legale e normativo che inevitabilmente questo tipo di valute comportano. Perché bisogna considerare l’effetto Libra Gli addetti ai lavori hanno notato molto facilmente come le varie criptomonete che vengono supportate da asset classici, come ad esempio nel caso delle valute fiat, hanno cominciato ad attirare l’attenzione di legislatori e politici dal momento in cui Facebook, nel 2019, ha tolto i veli ai programmi legati alla sua nuova criptomoneta che ha lanciato sul mercato, ovvero Libra, visto che l’ha propria catalogata come stablecoin. Diverse banche centrali, ma anche un gran numero di regolatori finanziari nutrono un forte timore verso la possibilità che Libra possa portare una nuova fase di instabilità a livello di politica monetaria. Infatti, potrebbe rendere più semplici operazioni come riciclaggio di denaro e comportare anche problemi dal punto di vista della privacy. Proprio per questo motivo, sono arrivate diverse dichiarazioni di intenti minacciose, che vanno verso la volontà di fermare il progetto. E sono queste le principali problematiche che hanno messo i bastoni tra le ruote a Libra e hanno obbligato Facebook a cambiare i suoi programmi. Servono regole per l’ingresso dei privati È questo, in […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Progetti di calcolo distribuito: cosa sono e come partecipare

Con l’avvento del coronavirus sono saliti alla ribalta i progetti di calcolo distribuito come [email protected], per lo studio di fenomeni come l’interazione tra proteine e nuovi farmaci. Ma come funzionano i progetti di calcolo distribuito? In breve si tratta di una rete di computer, a cui chiunque può aggiungersi, che coordinati da una gestione centralizzata, effettuano calcoli per uno scopo comune. I risultati vengono inviati alla gestione centrale e utilizzati di solito per progetti su larga scala o simulazioni estremamente complesse. Questo permette alla comunità scientifica di avere potenza di calcolo a costi ridotti, poiché i partecipanti sono volontari e occorre solo gestire l’infrastruttura centrale, senza per questo impattare sulla potenza di calcolo a disposizione (ad aprile il progetto [email protected] è arrivato a una potenza di calcolo di 2.4 exaFLOPS, più dei primi 500 supercomputer esistenti messi assieme). Esistono numerosi progetti di calcolo distribuito, vediamone alcuni. Progetti di calcolo distribuito [email protected] Si tratta di uno dei progetti più famosi, poiché in questi mesi ha permesso di effettuare complesse simulazioni necessarie per comprendere e contrastare il Covid-19. È gestito dalla Washington University in St. Louis e in generale si occupa di fornire potenza computazionale per effettuare simulazioni correlate a malattie che vanno dal cancro al seno alla malattia di Alzheimer. Partecipa a [email protected] [email protected] Questo progetto è gestito dal CERN e permette di effettuare varie simulazioni legate agli esperimenti effettuati con l’LHC. È composto da quattro sottoprogetti (Atlas, SixTrack, Test4Theory, CMS) che analizzano differenti esperimenti fisici. Partecipa a [email protected] Altri progetti di calcolo distribuito: [email protected] Progetto gestito dal Rensselaer Polytechnic Institute, si pone come obiettivo di generare dei modelli precisi delle correnti stellari nei pressi della Via Lattea, oltre a migliorare i software di calcolo distribuito. Partecipa a [email protected] [email protected] Progetto della University of Washington, simula le interazioni tra proteine e la possibilità di crearne di nuove, oltre a contribuire alla ricerca su specifiche malattie come il COVID-19 o la malaria. Partecipa a [email protected] Nel caso in cui si abbia un computer inutilizzato o lo si utilizzi, ma non al massimo delle sue possibilità, si può pensare di installare uno di questi software: possono essere configurati per usare solamente una parte delle risorse del computer (non interferendo con il lavoro dell’utente) o funzionare anche su computer altrimenti obsoleti e inadatti per altri usi. Le procedure di installazione sono facili, rapide e ben documentate, installare uno di questi software permette di contribuire alla ricerca anche senza essere uno scienziato, mettendo a disposizione della comunità scientifica la potenza di calcolo di cui ha bisogno per affrontare sfide sempre più complesse, che richiedono simulazioni sempre più complicate. Immagine di danielkirsch, sotto licenza Pixabay Francesco Di Nucci

... continua la lettura
Fun e Tech

Tecnologia e gamification nel mondo dei casinò online: l’esempio di Snaitech

La rivoluzione digitale da ormai venticinque anni ha cambiato il mondo e, di conseguenza, il modo di fare azienda. La quotidianità di molti è stata radicalmente modificata e più il tempo passa, più aumentano le innovazioni in termini di tecnologia e sperimentazione. Pensare ad un modo differente da quello attuale, oggi appare francamente impresa ardua ma la realtà oggi parla in maniera chiara ed inequivocabile. La digital revolution ha portato con sé tante novità e se c’è un settore che ne ha giovato più di altri questo è quello del gioco d’azzardo. In particolar modo il segmento dei casinò online, oggi vero fiore all’occhiello dell’intera filiera. A cui la tecnologia ha dato indubbio fascino, risultando decisiva per il vero passo in avanti nel ventunesimo secolo. Si lega a questo trend l’esplosione della gamification, che è un po’ figlia di questa rivoluzione. Con questo termine, che nasce in contesti ludici, si fa riferimento a quel complesso meccanismo di pratiche applicate poi in contesti non ludici. Gamification e tecnologia sono quasi termini sinonimici da questo punto di vista. Fatto sta che nel mondo dei casinò online si può comprendere quanto, da un punto di vista tecnologico, sia progredito il mondo. Si pensi alla componente audio-video. La prima ha toccato il suo apice con il sound-design, la seconda con lo streaming HD prima, il 4K poi. Grazie a questi mezzi oggi, per esempio, è possibile giocare live ai casinò, addirittura collegandosi a tavoli virtuali che rompono le barriere dei mezzi e trasportano il giocatore in un universo che è reale e multimediale allo stesso tempo. Sono poi arrivati gli smartphone e tablet che hanno palesato altre necessità: quella di rendere i casinò online canali sempre più competitivi. Sono nate così app specifiche, a cui è possibile collegarsi e giocare direttamente. I moderni dispositivi mobile hanno alzato l’asticella, portando tutto il mondo dei giochi su un’altra dimensione e sfruttando anche le potenze di rete: il 3G agli albori, il 4G odierno e il 5G che sarà, probabilmente, la nuova frontiera per sviluppatori e giocatori. Le più grandi innovazioni tecnologiche degli ultimi anni rispondono però al nome di realtà virtuale e Intelligenza Artificiale. Quest’ultima in particolare per i casinò online è l’arma più importante da usare in termini di conoscenza dei giocatori, miglioramento e personalizzazione dell’offerta. Sfruttando le analisi dei Big Data, infatti, gli operatori dei casinò online riescono a studiare tutte le tecniche per fidelizzare un determinato tipo di utenza. Chi ben riassume dentro sé le innovazioni di cui sopra e più in generale quelle prodotte nell’ultimo quarto di secolo è sicuramente l’operatore di gioco Snai, che col suo SNAITECH SMART TECHNOLOGY ha creato un progetto di ricerca e sviluppo per unificare tutte le soluzioni dell’offerta. In casa SNAI la tecnologia è un obiettivo e da qui sono nate tutte le piattaforme, come MyBet e SmartSolution, per rendere il tutto più tecnologico, multimediale, interattivo. Intrattenimento allo stato puro, in una sola parola.

... continua la lettura
Notizie curiose

Oggetti anonimi: il mondo del No Name Design

Gli oggetti anonimi sono prodotti e oggetti che usiamo ogni giorno e di cui non conosciamo il progettista né, spesso, l’azienda produttrice. Il mondo degli oggetti anonimi è un universo di prodotti sconosciuti, ma con tante intelligenti componenti di progettazione; si tratta ad esempio di tools per l’utilizzo quotidiano, strumenti semplici ed efficaci in cui, osservandoli, possiamo riconoscere valore. Come riconoscere gli oggetti anonimi? In un momento storico in cui la firma è tutto e il brand di un prodotto indica uno status symbol, gli oggetti anonimi si collocano controcorrente. Essi sono prodotti che spesso passano inosservati ma allo stesso tempo sono dei veri e propri evergreen, perché risolvono un problema reale in maniera semplice ed efficiente. Le virtù del design anonimo sono viste come un modello dai designer per l’intelligente progettazione che ha reso i prodotti indispensabili nelle attività quotidiane. La Moka Bialetti, l’Ape Piaggio, le sedie di Chiavari, il cappello Borsalino, la pentola a pressione, il gelato “La coppa del nonno”, la bottiglietta del Campari Soda, la puntina da disegno, il coltellino svizzero, la cerniera Zip, la sdraio da spiaggia, i contenitori Tupperware, il Walkman, molti modelli di orologio Swatch e di occhiali Persol. Questa è la piccola lista di oggetti anonimi proposta dall’associazione disegno industriale italiana ADI. In tutti questi casi il designer di prodotto non è noto e spesso ciò avviene anche per la prima ditta produttrice. Piuttosto è possibile considerare questi oggetti come il risultato di un progetto nato innanzitutto da un’esigenza funzionale. Gli oggetti anonimi risolvono un problema, svolgono il loro lavoro. Nella loro progettazione sono stati considerati gli aspetti economici, di produzione, distribuzione, comunicazione e commercializzazione. La forma data allo strumento è assolutamente adatta allo scopo: semplice, ergonomica al punto giusto, essenziale. Mostre e pubblicazioni sul No Name Design Per quanto anonimi, gli oggetti di questo tipo destano molta curiosità da parte dei designer ma anche dei consumatori. Molte mostre e pubblicazioni sono state dedicate a questi artefatti, ripercorrendo la loro storia ed evoluzione dall’età pre-industriale – e quindi precedente al design industriale – fino ai giorni nostri. Il più famoso collezionista di oggetti anonimi è stato Achille Castiglioni, uno dei più famosi designer di sempre. Nel suo studio egli collezionava gli oggetti anonimi raccolti durante il corso della sua vita. Per celebrare il suo centesimo compleanno, la Fondazione Achille Castiglioni ha organizzato una mostra curata da Chiara Alessi e Domitilla Dardi incentrata proprio sul tema degli oggetti anonimi. Per questo evento è stato chiesto a cento designer italiani e internazionali di donare un loro oggetto anonimo per il maestro Castiglioni. L’evento, chiamato “100×100”, ha raccolto questi oggetti che avrebbero sicuramente destato curiosità nel collezionista, quella curiosità che lo spingeva ad indagare tali artefatti per trovare ispirazione dalla loro funzionalità. Un altro noto nome di collezionista di oggetti anonimi è Franco Clivio, designer e insegnante, in particolare alla Hochschule für Gestaltung di Zurigo. Egli ha raccolto per decenni tutti quegli oggetti di uso quotidiano spesso considerati insignificanti e ha creato una collezione personale […]

... continua la lettura
Nerd zone

Sicurezza online: quali sono le regole da seguire per non correre rischi?

Internet è ormai un luogo sempre più affollato e frequentato. Basti pensare che più del 50 per cento della popolazione mondiale ha accesso a Internet e si arriva quasi al 75 per cento a livello italiano. Al mondo, infatti, su una popolazione di 7,593 miliardi di persone, più di 4 miliardi si connettono a Internet, con una crescita del 7 per cento, rispetto all’anno precedente. Numeri che fanno capire bene l’importanza di internet per la nostra società, non solo per quanto riguarda il mondo del lavoro ma anche quello dello svago. Sono in crescita, infatti, gli utenti che si affidano alla rete per coltivare le proprie passioni, come ad esempio le serie tv in streaming oppure i giochi su NetBet Casino Live. I rischi della rete Per navigare su internet in sicurezza, senza mettere a rischio i propri dati, occorre però seguire alcune semplici regole. La rete, infatti, può essere un luogo ricco di insidie che in alcuni casi possono avere delle conseguenze drammatiche. Pensiamo al cyberbullismo, fenomeno nato con la Rete. Un click e in pochi secondi la vita di un ragazzo va in frantumi. Internet, purtroppo, è il mezzo che ha creato il revenge porn e la sextortion. Il primo consiste nella condivisione di immagini dell’ex per vendetta. Il secondo, invece, è una tecnica con cui i cybercriminali adescano una persona sul web, si fanno mandare una foto osé e minacciano di pubblicarla se la vittima non paga. Spesso le figure più colpite sono quelle più fragili, come i giovani e i bambini. Internet è anche lo strumento che ha creato i virus e contribuito a mettere a repentaglio non solo i sistemi informatici ma anche la vita delle stesse persone. Oggi tutto è connesso, anche i dispositivi che abbiamo in casa. Negli ultimi anni, inoltre, internet è il luogo perfetto per la proliferazione delle fake news. Una notizia falsa può aprire ampi dibattiti politici e influenzare l’esito di una tornata elettorale, o creare una sommossa popolare. Una fake news, a volte, è in grado di disintegrare la reputazione di una persona. Come proteggersi Come detto in precedenza ci sono alcune regole da seguire per navigare in internet in maniera tranquilla e sicura. Il primo consiglio è di prestare attenzione ai login attraverso i social. Certamente si tratta di piattaforme di relazioni, divertenti, stimolanti e che hanno generato nuovi professionisti e tante altre cose meravigliose. Sono anche strumenti a cui noi però regaliamo una grande quantità di dati riguardanti la nostra vita. Il caso di Cambridge Analytica è un esempio eclatante di come i problemi di sicurezza informatica ci siano a tutti i livelli. Per tornare al pratico è consigliabile non informare chiunque se decidiamo di partire per un lungo viaggio lasciando la nostra casa incustodita… Infine, accedere ad app o a piattaforme online facendo i login tramite un social comporta in automatico la cessione di tutte le informazioni che abbiamo ceduto a quel social. Occhio poi alle informazioni che forniamo. Se per registrarsi da qualche parte basta una […]

... continua la lettura
Notizie curiose

La cometa verde di San Patrizio

Dal primo fino al 23 luglio, momento di massima vicinanza alla terra, sarà possibile ammirare la cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák. Per osservarla bene si consiglia di prepararsi all’avvistamento del 23 quando sarà in perigeo. Pur essendo visibile dall’emisfero boreale, è poco probabile che si riuscirà a cogliere il particolare colore verde della cometa. Quindi per chi si troverà nell’emisfero australe e per chi vorrà ammirarne il colore, c’è la possibilità di connettersi e registrarsi al sito della Slooh Community per accedere alla visualizzazione online dai telescopi fissati alle Canarie. Dove si trova la cometa verde di San Patrizio? La cometa sarà visibile dall’emisfero boreale e, in situazioni ottimali di clima e condizioni di luminosità, si potrebbe avvistare ad occhio nudo. Sarà opportuno ricorrere a binocoli o, ancora meglio, a telescopi. Ma dove indirizzarli? La cometa si troverà a metà strada tra la costellazione dell’Orsa Maggiore e quella del Dragone, a nord della volta celeste. Queste costellazioni sono circumpolari, ciò vuol dire che alle nostre latitudini non tramontano mai e che quindi sarà possibile procedere all’osservazione in ogni momento dal crepuscolo all’alba. La scoperta e il colore della cometa di San Patrizio La cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák prende il nome dai tre astronomi che in tre periodi diversi, e indipendentemente l’uno dall’altro, l’hanno scoperta. Il primo astronomo ad avvistarla fu l’americano Horace Parnell Tuttle nel 31 maggio 1858, poi il francese Michael Giacobini nel 1907 e infine fu la volta dello slovacco Lubor Kresák nel 1951. È stata scoperta tre volte proprio perché si tratta di una cometa periodica, di corto periodo, cioè che compie un giro attorno al Sole ogni 5 anni e mezzo – alla sua periodicità fa riferimento la lettera P. Inoltre la cometa 41P è una delle 4 periodiche delle “magnifiche 7”. La definizione di “cometa di San Patrizio” è causata dalla vicinanza alla festa, ma anche dal suo caratteristico colore verde. Infatti il nucleo, formato da ghiaccio e polveri, quando è in parte sciolto dal calore del Sole, rilascia il colore verde per la sua stessa composizione chimica. Però durante gli avvistamenti non sarà possibile ammirare il colore e si consiglia, in tal caso, di ricorrere alla visualizzazione online del fenomeno. Per gli amanti della fotografia Come si può leggere sul settimanale “Panorama”, ecco qualche suggerimento per chi volesse fotografarla. È necessario usare un treppiede e puntare l’obiettivo, senza zoomare, verso l’Orsa Maggiore. Basterà impostare il tempo di esposizione fino a 30-40 secondi e provare diverse sensibilità ISO, da 400 in su, con apertura massima di diaframma. L’assenza di sbavature, nonostante queste impostazioni, dovrebbe essere garantita dal fatto che la cometa si trova vicino la Stella Polare, e quindi risente poco del movimento della rotazione terrestre.

... continua la lettura
Fun e Tech

Gli over 60 che non ti aspetti: il 76% è inseparabile dallo smartphone, e quasi ogni giorno lo usa per giocare

Nuove tecnologie: le abitudini dei senior in un’infografica Quello tra i senior italiani e la tecnologia è un amore inaspettato e più profondo di quanto si possa pensare. Tra social, app e gaming sono tanti gli italiani over 60 che non possono più fare a meno del proprio smartphone, per questo motivo LeoVegas – noto operatore nel settore del gioco online – ha pubblicato sul suo blog l’infografica “Senior e nuove tecnologie. L’amore che non ti aspetti” così da approfondire questo rapporto. Secondo i dati presentati, l’Italia è infatti al primo posto per diffusione di smartphone tra gli over 60 nel mondo con il 76%, seguita da Australia e Germania (71%). Molte le app amate dai senior: si va da quelle per restare in contatto con i propri cari a quelle per guardare video e programmi tv. Spazio però anche a informazione e gaming. Sono proprio i giochi online a destare più curiosità, visto che il 44% degli over 50 dedica in media 5 ore a settimana o più al gaming. Il 73% gioca da smartphone e quasi la metà dei senior lo fa tutti i giorni. Tra i passatempi preferiti si trovano i giochi di puzzle e logica, quelli di carte e i giochi tradizionali e di casinò. Sono diversi infatti i senior italiani che tentano la sorte online: il 71% sono uomini e il 29% donne, e lo smartphone è sempre il device preferito per giocare.  

... continua la lettura
Notizie curiose

Il misterioso mondo felino. Le razze di gatti più comuni

L’amicizia tra i felini e l’uomo affonda le sue radici nell’alba dei tempi. Un rapporto in continua evoluzione che ha visto il gatto vivere nei pressi del focolaio domestico sin dai primi insediamenti agricoli e villaggi. Al contrario di molti altri animali, questo sinuoso amico dal pelo morbido non ha mai mutato il proprio carattere né “corrotto” la propria identità in funzione dell’umano di turno, ciò ha portato a diversi fraintendimenti sul piano comunicativo considerando che invece molte altre specie animali hanno trovato il modo di farsi comprendere adottato atteggiamenti specifici. Si può considerare uno degli animali con le migliori tecniche di sopravvivenza (di cui la proverbiale diffidenza) tanto che non ha mai rasentato l’estinzione e capace di provvedere completamente a se stesso. Probabilmente è proprio qui la chiave della sua indipendenza e della sua identità: non avendo bisogno dell’umano per sopravvivere, non sente il dovere di adattarsi e di farsi accettare, piuttosto lo sceglie come compagnia alla pari. Il felino è l’animale per eccellenza della fierezza e dell’eleganza, il mondo della letteratura ne è da sempre ipnotizzato cercando di cogliere l’anima nelle lame luminose dei suoi occhi e soffrendo, spesso, per l’apparente indifferenza all’amore e all’odio da parte degli umani. Invece chi ha avuto modo di condividere il proprio percorso con un felino per abbastanza tempo, sa cogliere il suo amore discreto, le sottili dolcezze e le tenerezze vestite di capricci. I gatti ormai popolano l’intero pianeta, infinite sono le razze pure e ancora di più quelle nate da incroci, tanto che si potrebbe dire che con grande probabilità esiste qualche razza non ancora catalogata! Le razze di gatti più comuni Elencare tutte le razze esistenti sarebbe, quindi, impossibile ma abbiamo selezionato le otto più diffuse. L’Angora Turco è originario della Turchia, presenta una struttura fisica slanciata dal pelo lungo e bianco, anche se oggi se ne trovano con varianti di colore nero, grigio, rosso e marrone. Invece gli occhi sono spesso arancioni, ma talvolta anche blu e in rari casi sono di colore impari. Il Certosino è un gatto di razza antica dal pelo corto e grigio e dagli occhi gialli. Sembra sia giunto in Francia grazie ai Cavalieri Templari di ritorno dall’Oriente. Il carattere di questo felino è molto affettuoso. Il Devon Rex ha il pelo corto e la struttura slanciata che termina con due orecchie molto grandi. È originario dell’Inghilterra. Il gatto Europeo si riconosce, invece, per il pelo corto e la cosa lunga e sottile. Con questo nome viene identificato il classico randagio ma è considerato un gatto di razza, proprio come gli altri. Il Maine Coon è una delle razze più antiche e originarie del Nord America. Ha il pelo lungo e denso, con una bella coda soffice e il corpo grande; esteticamente è davvero molto bello e può avere diversi colori di pelo. Il gatto Persiano è una delle razze più diffuse e conosciute di felini. Molto bello e tranquillo, è scelto di solito per gli ambienti domestici. Dal lungo pelo, necessita di continue spazzolate per rimuovere quello […]

... continua la lettura