Perché vengono utilizzati i codici a barre

I codici a barre sono un tipo di codice lineare o bidimensionale ampiamente utilizzato per identificare gli oggetti. Può essere letto da uno scanner ottico o da uno scanner laser.

Il codice a barre è costituito da barre e spazi neri, che rappresentano numeri. Le informazioni sul codice a barre vengono elaborate e convertite in un formato leggibile dallo scanner.

Questo articolo tratterà la definizione di base dei codici a barre e come vengono utilizzati nella vita di tutti i giorni.

Cos’è il codice a barre GS1?

Il codice a barre GS1 è lo standard per l’identificazione dei prodotti.

Vengono utilizzati per identificare e tenere traccia degli articoli lungo tutta la catena di approvvigionamento, dalla fabbrica allo scaffale del negozio.

Un codice a barre GS1 è una serie di 12 cifre e una singola lettera, chiamata “add-on”, che rappresenta un articolo. Le prime sei cifre rappresentano il numero di identificazione dell’azienda e le ultime sei rappresentano un codice prodotto. La lettera alla fine del codice indica di che tipo di prodotto si tratta: A per cibi o bevande; B per i libri; C per abbigliamento e scarpe; D per farmaci o apparecchiature mediche; E per attrezzature o macchinari industriali; F per mobili o materiali da costruzione; G per giocattoli, giochi e attrezzature sportive; H per forniture per ufficio come graffette o penne.

I codici a barre GS1 sono utilizzati in molti settori diversi. Possono essere utilizzati per tenere traccia della produzione di prodotti, inventario e altro ancora.

Quali sono i diversi tipi di codice a barre

I codici a barre vengono utilizzati per molti scopi diversi, ma tutti i codici a barre hanno la stessa struttura di base. Le barre e gli spazi in un codice a barre rappresentano numeri e lettere. Diversi tipi di codici a barre sono UPC, EAN, Code 39 e Code 128. Il codice 39 è un tipo di codice a barre che può rappresentare numeri o lettere ed è spesso utilizzato su piccoli pacchi o articoli come CD o DVD.

Il codice 128 è un tipo di codice a barre che può rappresentare numeri o lettere, ma viene utilizzato principalmente per codificare informazioni sul contenuto del pacco o per codificare dati come l’indirizzo di spedizione.

Codice a barre UPC

 UPC è utilizzato negli Stati Uniti per i prodotti al dettaglio mentre EAN è utilizzato a livello internazionale per i prodotti al dettaglio. Infine, UPC è un codice a barre americano che viene spesso utilizzato sugli articoli al dettaglio negli Stati Uniti. UPC utilizza 13 cifre diverse con una posizione iniziale di 1 e una posizione finale di 13. Le prime tre cifre rappresentano il codice del produttore, che può variare da 1 a 99999 o da 10.000.000 a 999.999. Le sei cifre successive corrispondono a un numero univoco che identifica ogni prodotto. Infine, l’ultima cifra ha due possibili valori; un “1” lo denota come un singolo, “2” lo denota come una casella di dieci e un “5” lo denota come cinquanta.

Codice a barre EAN

Come già detto in precedenza, il codice a barre EAN è invece il più comune e quello che viene utilizzato a livello internazionale per identificare i prodotti. Questo è il codice a barre che puoi trovare su qualsiasi cosa, dai cereali alle banane e agli involtini. Il codice a barre EAN-13 identifica ventisei cifre. La prima serie di tredici caratteri è il prefisso, che aiuta a classificare un prodotto in uno dei sette gruppi, seguito da altre tredici cifre che rappresentano il prezzo (il codice). Una volta scansionati alla cassa, questi due gruppi di numeri vengono quindi separati da una “linea di demarcazione” e tradotti in testo per essere utilizzati.

 

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *