Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Quiz prima di commentare, la fine dei troll?

Quiz prima di commentare, la fine dei troll?

Arriva dalla Norvegia, più precisamente dal sito NRKbeta, un nuovo sistema di quiz che si preannuncia davvero innovativo.

Il direttore di NRKbeta, che si occupa delle news di tecnologia e rappresenta una sezione del sito ufficiale NRK, ha notato che sempre più persone tendono a commentare gli articoli – spesso con toni poco apprezzabili – pur non avendo minimamente compreso il senso del testo appena letto.

Nasce così l’esperimento, che consiste nella creazione di un sistema che impedisce al lettore di inserire un commento, se prima non risponde ad un quiz relativo all’articolo.

Il direttore di NRKbeta, Marius Arnesen, ha affermato che al momento sono soggetti a controllo solo i testi che presentano argomenti controversi e delicati, e che quindi sono bersagli più facili di haters e troll.

Il metodo del quiz, mai più troll

Il sistema del quiz risulta molto utile per svariati motivi: sono numerosi gli utenti che, attratti da un titolo spesso fuorviante, si fiondano nella sezione commenti senza prima aver letto il contenuto di un articolo; allo stesso modo, si spera che il tempo impiegato a rispondere alle tre domande di comprensione del testo (quindici secondi in tutto) possa servire a smorzare i toni di un commento che, se scritto di getto, potrebbe rischiare di essere eccessivamente infervorato.

C’è da augurarsi che il quiz, il quale prevede che sia lo stesso autore del testo a scegliere le numerose domande (da cui le tre prescelte sono pescate in modo casuale e sempre diverso) venga esteso a tutti gli articoli in circolazione online.

Tuttavia, rimane un appunto da fare. Se questo non è il caso di NRK, che ha cercato con questo metodo di tutelarsi dai lettori ignoranti in materia, spesso i commenti a sproposito sono anche dettati dalla tendenza di alcuni giornalisti a creare titoli “acchiappa-like”, che non sono pertinenti con il contenuto del testo.

Sicuramente il metodo del quiz potrebbe essere molto utile per dare visibilità solo ai commenti degli utenti più interessati e informati – tenendo però ben presente che ogni quiz è impostato in maniera tale da permettere anche a chi, prima della lettura dell’articolo, non aveva la minima idea di quale fosse l’argomento di cui si discuteva.

C’è da dire, però, che forse non sarebbe necessario sviluppare e ampliare sistemi simili a tutti gli articoli, se solo i lettori e gli autori dell’ormai privo di regole mondo del web fossero più responsabili. Se cercassero meno di attirare l’attenzione, e un po’ più di fare informazione.