Seguici e condividi:

Eroica Fenice

L’ombra della luna nuova, ‘a storia do rre ‘e Castellammare

È il 19 gennaio del 1931 quando Filippo Suarato, usuraio e terrore di Castellammare, viene ucciso. Inizia così il libro L’ombra della luna nuova, di Valeria Marzoli, con la casa editrice Kairòs.

Ad indagare sul caso è il maresciallo Domenico Parescandolo, con un passato doloroso che ci viene presentato senza però avere influenza sul racconto, così come svariati elementi che, se di certo servono a caratterizzare i personaggi in un modo minuzioso e interessante, rischiano di rimanere sospesi e di lasciare una morbosa curiosità.

Il romanzo, appartenente al genere giallo-thriller, fornisce al lettore forse troppi pochi indizi per risolvere, quasi in autonomia, il mistero del delitto. Nel frattempo però ci si perde in un mare di storie: gli indiziati, i collaboratori di Parescandalo, la sua famiglia e lo stesso maresciallo.

L’ombra della luna nuova, un salto nei misteri della Castellammare degli anni ’30

Valeria Marzoli, però, con estrema minuzia cerca di proiettare il lettore in una gustosissima descrizione di quella che dovrebbe essere la Castellammare degli anni ’30, lasciando avvertire la forte influenza del fascismo e il timore diffuso tra la povera gente di non riuscire ad arrivare a fine mese: il romanzo si snoda tra interrogatori, tradizioni tipiche di Castellammare, spaccati di vita quotidiana del posto (luogo natio dell’autrice), ma anche l’attesa del varo dell’Amerigo Vespucci. Non manca nemmeno la parte “oscura” della città, quella fatta di bordelli, corruzione e ovviamente usurai.

Tutti a Castellammare avrebbero avuto un motivo per uccidere Suarato e Domenico Parescandolo dovrà seguire il proprio intuito e basarsi sulla propria esperienza. Scoprirà, a proprie spese, che «la legge non funziona così» e può lasciare l’amaro in bocca.

Nel complesso L’ombra della luna nuova è un libro davvero piacevole; forse può tradire un po’ le aspettative di chi spera di avere tra le mani un romanzo intriso e zeppo di misteri, ma che sicuramente fornisce uno spaccato di vita realistico e accattivante della Castellammare degli anni ’30. Il pubblico potrà conoscere  personaggi unici, che difficilmente potranno essere dimenticati, rimanendo a lungo nel cuore di ogni lettore.

Print Friendly, PDF & Email