Innovative, la nuova generazione del gusto

Innovative, recensione del ristorante di Giuseppe Scicchitano

Una cucina esuberante, fresca, ispirata. Giuseppe Scicchitano ha le idee ben chiare: portare avanti la tradizione di famiglia, con innovazione. E non è quindi un caso che il classe ’90, figlio di Assunta Pacifico, ‘a figlia d’o marenaro, il cui ristorante ha raggiunto la notorietà per la sua eccellente zuppa di cozze, abbia scelto Innovative come nome del suo primo locale. Un locale aperto da poco, a fine 2019, ma che, nonostante la pandemia, è già un successo. E le ragioni non mancano di certo. Ne abbiamo avuto una riprova durante la degustazione organizzata dai giornalisti Federica Riccio e Alessandro Savoia che ci ha dato la possibilità di trascorrere una serata nel privè del ristorante, un luogo intimamente esclusivo, che affaccia direttamente sulla cucina. 

Innovative, design e gusto raffinato 

“L’idea è quella di guardare avanti, pur restando con i piedi puntati nelle radici di famiglia”

Quello che colpisce subito di Innovative è il suo design. Situato al piano di sopra del ristorante di famiglia, in via Foria 180/182, questo piccolo gioiello di architettura barocca, ci catapulta negli ambienti di una tipica casa napoletana nobiliare: cornici e statue dorate si stagliano su parati damascati, i tavoli dai bordi neri e dorati effetto marmo hanno decorazioni che richiamano le onde del mare, le cui sfumature sono presenti sui piatti. Qui Giuseppe e del suo staff, composto da 16 giovani steward di sala, cuochi e barman, sono pronti a stupire la clientela con piatti ricercati, che partono dal ricettario classico di matrice napoletana, aggiornandolo con creatività mai banale e raffinatezza. Ottimi esempi sono la cheescake di mare con fresella sbriciolata, ricotta e tartare di gamberi – uno dei must del locale -, il crocchè con alici in pane panko a grana fine e provola di Agerola, e lo scarpone di mare, una melanzana ripiena di calamari, gamberi, polpo, datterino e crostino di pane. Assoluto punto di forza, sono i crudi di mare (ostriche, gamberoni, ricci), che come altri piatti sono presentati con un impiattamento coreografico. Anche l’occhio (così come i social) vuole la sua parte e da Innovative tutto è spettacolare. Merito del suo manager e food creator che è un ciclone di idee, sogni ed inventiva. Il suo instancabile lavoro va di pari passo a quello dello chef Sergio Scuotto, un re Mida della cucina, pronto a trasformare ogni sua proposta in bontà.

Innovative non è solo cibo

Cucina di eccellenza, e non solo. Innovative si fregia del premio il Cellar Door 2020, assegnato da Decanto, per essere uno dei 100 ristoranti italiani con la migliore cantina dato che conta oltre 150 etichette italiane ed estere. Bollicine che vengono da Campania, Veneto, Trento, Lombardia e Liguria e ben 37 tipi di Champagne dalle etichette più prestigiose come Bollinger, Krug, Bruno Paillard, Veuve Clicquot, Don Penignon, Armand de Brignac, per citarne alcuni. Grande presenza di bianchi campani, da tutta Italia, ma anche da Francia, Germania e California, rossi anche argentini. 

A proposito di Marcello Affuso

Direttore - Docente - Coautore del romanzo "A un passo da te" - Laureato in Filologia Moderna

Vedi tutti gli articoli di Marcello Affuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.