Seguici e condividi:

Eroica Fenice

World Press Photo 2018

World Press Photo 2018: l’imperdibile mostra fotografica al PAN di Napoli

World Press Photo 2018, una mostra da non perdere

“World Press Photo” torna a Napoli con un imperdibile appuntamento al PAN – Palazzo delle Arti Napoli. Dal 24 novembre al 16 dicembre sarà infatti possibile ammirare la mostra di fotogiornalismo più importante al mondo.

Èil terzo anno che l’esposizione presente in oltre 100 città e 45 paesi, giunge su suolo partenopeo grazie al lavoro congiunto di CIME e dell’ Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli. La mostra si snoda in diverse sale e comprende 135 foto scattate da 42 fotografi provenienti da tutto il mondo – Australia, Bangladesh, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Russia, Serbia, Sud Africa, Spagna, Svezia, PaesiBassi, RegnoUnito, USA e Venezuela -.

La foto tra le fiamme di Ronaldo Shemidt vincitrice del World Press Photo 2018

Si tratta di opere appositamente selezionate da una giuria internazionale che per tre settimane si è impegnata cercando di selezionare solo alcune delle 73.044 fotografie candidate da 4.548 fotografi. Un lavoro tutt’altro che facile trattandosi di una delle principali mostre nel settore e condotto egregiamente da Magdalena Herrera, direttrice della fotografia Geo France, France Thomas Borberg, capo photo-editor di Politiken, Marcelo Brodsky, visual artist, Jérôme Huffer, capo del dipartimento fotografico di Paris Match, Whitney C. Johnson, vice direttrice della fotografia al National Geographic, BulentKiliç, responsabile fotografico di AFP in Turchia, Eman Mohammed,
fotogiornalista.

L’inaugurazione del World Press Photo 2018 ha visto la partecipazione non solo del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e dell’Assessore alla Cultura e al Turismo Nino Daniele, ma soprattutto di un’ospite d’eccezione, il fotoreporter pluripremiato iraniano Manoocher Deghati, lieto di prendere la parola in occasione di “World WordPress Photo”. L’omonima Fondazione da ormai sei decadi rappresenta una delle maggiori organizzazioni indipendenti e no-profit che si batte e si impegna per tutelare la libertà di informazione, inchiesta ed espressione. La mostra promuove il fotogiornalismo di qualità e consente di apprendere e rivivere con un solo sguardo gli avvenimenti più rilevanti dei nostri tempi in ogni parte del mondo.

Il vincitore di questa edizione è il fotografo venezuelano Ronaldo Shemidt. La foto è di grande impatto, non a caso ha vinto anche il primo posto nella categoria Spot News, immagini singole. Raffigura un ragazzo avvolto dalle fiamme che corre cercando di salvarsi, l’incendio era dovuto all’esplosione di una motocicletta durante una manifestazione di protesta il 3 maggio 2017 contro il presidente Nicolàs Maduro a Caracas. Fortunatamente poi il ragazzo, Josè Victor Salazar Balzaed, è sopravvissuto, riportando ustioni di primo e secondo grado.