Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Food

Cenando sotto un cielo diverso: eccellenze in mascherina!

“Cenando sotto un cielo diverso” ha riunito ancora una volta i napoletani nel segno della solidarietà. Quest’anno l’evento ormai saldamente radicato sul territorio assume ancora di più le caratteristiche dell’eccezionalità. In tempi incerti (causa Covid) è riuscito lo stesso a collezionare consensi, a rispettare la salute di tutti gli ospiti e i puntualissimi propositi di beneficenza. Anche per questa edizione gli introiti sono stati destinati alla costruzione di un laboratorio ludico-didattico per malati schizofrenici e all’acquisto di giocattoli per i bimbi del reparto di nefrologia dell’ospedale Santobono Pausilipon. La scelta della location per la serata del 29 settembre è ricaduta su “Villa Alma Plena” nel casertano. Vibrazioni positive emanate dagli ampi e signorili spazi hanno accolto le persone, garantendo lo scorrere fluido e piacevole dell’evento. I tavoli imbanditi con i piatti dei numerosissimi e fedelissimi chef della kermesse hanno rispettato ampiamente le distanze di sicurezza e la vastità dei diversi ambienti esterni ha garantito la tutela dello spazio personale di tutti i presenti, evitando calche e sovraffollamenti. La mascherina (d’obbligo!) non ha impedito di fruire appieno e serenamente delle pietanze esposte, grazie a qualche tavolo appositamente disposto. “Cenando sotto un cielo diverso” tra innovazione e tradizione Si riparte quindi alla grande con gli eventi enogastronomici. “Cenando sotto un cielo diverso” non ha fatto che confermare il suo primato nell’ambito con proposte molto variegate e sempre di qualità. Dagli abbinamenti più ricercarti ai must have, dalle sperimentazioni ai classici della tradizione, il tutto bagnato dal ricco sapore di vini dalle diverse caratteristiche e provenienze. E come suggerisce il concept di questa edizione, “Il Buono dopo la tempesta“, una delle peculiarità che accompagna da sempre il format è la bontà dei prodotti. Il primo assaggio a sorprendere è stata la classica focaccina di “Pizzeria INFORNO Pizza Birra & Brasserie” in tre declinazioni. La prima realizzata con prosciutto crudo stagionato 12 mesi, fichi e cipolla rossa caramellata con zucchero integrale di canna. La seconda con provola affumicata, mortadella di Bologna IGP e pesto di pistacchi cotti a vapore. La terza con stracciatella di latte vaccino, alici e pomodorini gialli del Piennolo DOP. Intanto Salvatore Spuzzo, chef di Villa Alma Plena, ha presentato il suo piatto con guancia di vitello, sponge di bagna cauda, funghi porcini e consistenza di ortaggi. APCN Team con lo chef Alessandro Carello è venuto da Napoli per portare la sua pietanza a base di cubo di bufala, pomodoro bruciato e perlage di basilico. Tra tutti i piatti, due chicche da non perdere sono state le proposte arrivate da “Garage Gourmand” e dal “Brigante dei sapori”. Nel primo caso il piatto si crea su una battuta di manzo alla colatura di alici con una salsa lardiata, zabaione salato e una spugna di spinaci. Nel secondo un bignè al nero di seppia con stracciata di bufala e tonno affumicato con fichi e concassé di verdure. Sebbene riduttivo riportare solo alcuni di tutti gli assaggi portati all’attenzione, “Cenando sotto un cielo diverso” si è dimostrato ricco di possibilità e confronti culinari. Alcuni […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Le cortigiane arriva alla finale con tante proposte teatrali

“Le cortigiane – Corti teatrali al femminile” nella sua terza edizione da spazio all’universo femminile, di cui si parla con penna teatrale e nei suoi diversi aspetti. La serata finale è prevista il 28 settembre alle 20.30 nell’intimo e suggestivo cortile del Convento di San Domenico Maggiore (vicolo San Domenico Maggiore, 8A). Il concorso per attrici e attori si colloca all’interno del programma “Estate a Napoli 2020”. La visione de La Corte dei Sognattori (compagnia teatrale organizzatrice del progetto) è quella di una maglia larga che abbraccia tutta Napoli. Il contest non vuole essere fine a se stesso ma, come l’arte spesso fa, intesse legami e nodi e svolte ad ogni passo. Nel concreto c’è il sogno di aprire percorsi e spiragli a tutti gli attori che riusciranno a conquistare la stima dei professionisti presenti. Si pensi che la direzione artistica de “I Corti della Formica” nel corso di ogni edizione seleziona uno o più corti da inserire nella successiva edizione del suo festival! Un clima di reciprocità e compenetrazione tra i diversi concorsi teatrali presenti sul territorio per mettere in risalto anche repertori nuovi ed originali, voci fuori dal coro oppure ritorni su vecchi argomenti ma con nuovi approcci. Il mondo del teatro ha sempre bisogno di possibilità ed occasioni da cogliere ed a questa esigenza che vuole rispondere il format de “Le Cortigiane”. “Le cortigiane – Corti teatrali al femminile” non si è lasciata fermare dal covid! Di certo la situazione d’emergenza che ha travolto il Paese ha messo in ginocchio in diverse occasioni la cultura. Seppur aderendo alla campagna del Mibact restando a casa, “Le Cortigiane” e “La Corte dei Sognattori” sono riusciti a trovare una soluzione per non chiudere la porta al teatro da loro promosso. Ecco che quindi solo per quest’anno la terza edizione si è svolta on-line. Video di 10 minuti con le pièce teatrali dei partecipanti sono convogliati tutti al vaglio della Giuria tecnica che entro il 30 luglio ha decretato i 9 corti semi-finalisti. Da qui il viaggio è proseguito con votazioni a distanza: il pubblico ha potuto esprimere le proprie preferenze a suon di like fino al 6 settembre. Quindi tra la Giuria (composta dagli attori Ernesto Mahieux, Luca Gallone, Gianni Ferreri, Teresa Del Vecchio, Sergio Sivori, Ciro Priello, il compositore e direttore d’orchestra Domenico Virgili, i registi Mario Brancaccio, Gisella Gobbi, la casting director Marita D’Elia, la produttrice teatrale Laura Tibaldi De Filippo, lo scrittore comico Pino Imperatore, il critico teatrale Stefano De Stefano, il giornalista ideatore de “I Corti della Formica” Gianmarco Cesario e La Corte Dei SognatTori) e pubblico online il dado è stato tratto. La performance con maggior indice di gradimento è stata “Caffè Society” di e con Giulia Conte (compagnia “Alegrìa”), che con un totale di 1380 like ricevuti è entrata di diritto direttamente in finale. Gli altri corti avranno modo di esibirsi nel corso della serata finale: Alosya con Rossella Castellano, testo Luigi Parlato e Rossella Castellano; Le rose d’acciaio con Roberta Natalini, testo e regia Roberta […]

... continua la lettura
Cucina e Salute

Autunno: le skills per viverlo alla grande!

È arrivato l’autunno. Le giornate diventano più corte, la luce va via prima, le piccole folate di vento secco inizieranno mano mano a diventare più intense così come l’umidità serale. Tutto ciò si ripercuote sul nostro benessere psico-fisico. Non è nuovo il concetto per cui gli umori delle persone subiscano inevitabilmente l’influenza dell’ambiente che ci circonda e, in una fase di transizione come quella autunnale, ciò è valido anche per l’equilibrio dell’intero organismo. Si pensi ai repentini cambi metabolici, il senso di spossatezza, talvolta quasi apatia! Un toccasana per il benessere mentale è sicuramente in primis quello di stare all’aria aperta, approfittare delle belle giornate per riprendere l’attività fisica (abbandonata nella calure estive) ed entrare maggiormente in contatto con la natura. Con l’autunno la psiche affronta un progressivo ripiegamento interiore, al contrario della spinta propositiva della primavera, ora l’io riflette su se stesso. Può rappresentare un decisivo momento di introspezione e miglioramento se lo si affronta con un atteggiamento positivo ed equilibrato. La malinconia non deve essere quindi un nemico, si può vivere con dolcezza e scivolare con fluidità sugli alti e i bassi propri di questa stagione. Il senso dell’equilibrio e della natura ciclica della vita è proprio dello yoga e della meditazione, che diventano un ottimo strumento da adoperare in questa fase dell’anno. Autunno: tanta acqua ed energy food! Il corpo e la mente cercano di adattarsi all’inverno che verrà, quindi è nostro compito fornirgli tutti gli strumenti di cui avranno bisogno. Una delle prime cose che si notano in questa fase è un lieve rallentamento del metabolismo e sensazioni di gonfiore, a volte persino di disgusto, o attacchi di fame improvvisi! La prima arma è sempre e comunque l’idratazione. Non si contano le volte che le star e le modelle parlano dell’acqua come la soluzione a tutti i problemi e (anche se sono alquanto esagerate) si può dire che tutto comincia da lì. Una buona idratazione aiuta il metabolismo, mantiene la pelle idratata e fa smaltire meglio le tossine. Molto consigliati sono anche i cibi che apportano energia al corpo. Fanno al caso nostro le uova, ricchissime di vitamina B, le arance per la vitamina C e la frutta secca che è ricca di proteine. Via libera ai semini di tutti i tipi e dimensione: a base di frutta secca, semi di zucca, mandorle, noci, semi di sesamo. Rappresentano un po’ l’essenza della stagione che si lascia alle spalle la vita vissuta e semina nuovi propositi e idee su cui lavorare. La zucca in tavola non può mancare nei periodi down! Ricca di beta carotene, omega 3 e vitamine, contrasta l’ansia e lo stress, per non parlare delle sue proprietà antiossidanti. Invece le fibre, la melagrana, le castagne, le arance e le crucifere sono ideali per preparare il corpo all’inverno grazie all’azione di rafforzamento del sistema immunitario. La salute passa per la pelle del viso! Per prenderci cura del nostro corpo e della nostra pelle, bisogna inevitabilmente cominciare dal viso. La pelle è molto delicata e sensibile agli sbalzi […]

... continua la lettura
Food

Barittico è la prima salumeria di mare nel vomerese

Ha aperto nel cuore del Vomero, in via Merliani 51A, la prima Salumeria di mare: il Barittico.Il progetto nasce dall’incontro di un gruppo vario ed eterogeneo unito dalla passione per il pesce e le sue svariate declinazioni. Stiamo parlando degli ingegneri Bruno Sensenhauser e Stefano Toscano, l’economista Marco Matrecano e lo chef Vittorio Zigarelli, già insieme nel progetto Panamar, specializzato nei panini di mare. “Barittico” nasce con un’idea innovativa e un format senza precedenti sul territorio. La Salumeria di mare fa della sperimentazione il suo punto forte proponendo piatti come il salame di tonno, la porchetta di ombrina e la pancetta di salmone. Abbiamo intervistato i fondatori, che ringraziamo per la loro disponibilità, per scoprire com’è nata questa proposta culinaria alternativa ed originale. Intervista ai titolari di Barittico C’erano una volta due ingegneri, un economista e uno chef. Com’è nato questo gruppo e l’idea di aprire un’attività insieme? Il gruppo nasce 3 anni fa, quando abbiamo deciso di aprire Panamar. Inizialmente eravamo 3 amici che, dopo esperienze lavorative diverse, avevamo il sogno di realizzare un progetto nuovo. Poche settimane prima dell’apertura del primo locale di via scarlatti, conoscemmo lo chef. Ci fu subito unione di intenti e il progetto partì immediatamente. Cosa rende unico il format del Barittico rispetto a tutte le altre offerte di cucina di mare nel vomerese? Barittico è un format unico nel suo genere. Proponiamo taglieri con salumi di mare.  Un prodotto nuovo, frutto di anni di studio e prove in cucina. Com’è nata l’idea di tagliare il pesce a mò di carne? L’idea è nata dalla necessità di creare un prodotto diverso, nuovo e unico. Con orgoglio possiamo dire che barittico è il primo format italiano dedicato esclusivamente ai salumi di mare. L’utilizzo del pesce in modo alternativo caratterizzava già il vostro precedente progetto Panamar. Come mai avete scelto di aprire un nuovo ristorante sempre sulla linea del pesce piuttosto che creare un’alternativa di carne? Abbiamo scelto di continuare aprendo un format con prodotti ittici piuttosto che carne, perché, dopo anni di esperienza,ci sentiamo molto preparati. Il lockdown ha costretto alla chiusura già nelle prime fasi di preparazioni del locale. Ciò ha inciso positivamente o negativamente sul progetto? Il lockdown ha inciso sicuramente in maniera negativa. Però ci ha spronato a migliorare, a cercare alternative e a creare valore aggiunto con misure straordinarie. Infine, a quale clientela si rivolge il Barittico? E’ da considerarsi un posto per mangiare a pranzo e cena o proponete anche aperitivi e piccoli assaggi? Barittico si rivolge a una clientela propensa a provare sapori nuovi. Proponiamo abbinamenti di prodotti ittici e cocktail. Al momento siamo aperti dalle 17 alle 2 di notte, siamo un format di aperitivi-apericena. Il menù è composto da 3 taglieri di dimensioni diverse, abbinati a prodotti di pasticcieria di mare, di rosticcieria di mare e crudi. Immagine copertina: ufficio stampa

... continua la lettura
Napoli e Dintorni

BAIAExperience è un’immersione virtuale nell’antichità

Baia sommersa riemerge e prende vita. I resti custoditi sul fondo delle acque dei Campi Flegrei oggi ci parlano e si mostrano con lo spendore delle origini. Tutto questo è reso possibile dall’ultimo progetto presentato dall’Associazione BAIAExperience che fornisce un tour virtuale e totalmente immersivo. Ci si immerge nella simulazione e si finisce letteralmente sott’acqua a passeggiare tra i resti degli ambienti termali romani in corrispondenza di Punta Epitaffio. Il visore di ultima generazione permette di vivere completamente questo viaggio e dai resti coperti di sabbia cominciano a risorgere le antiche mura e via via le stanze, i marmi, l’oggettistica, fino a ritrovarsi in un viaggio nel tempo nell’antica Roma. Il ritrovamento dell’area riprodotta si deve alle ricerche archeologiche portate avanti dal 1984 dagli archeologi subacquei Nicolai Lombardo, Eduardo Scognamiglio e Gennaro di Fraia. Dai primi passi (anzi, primi tuffi) in questo sito archeologico ad oggi, la tecnologia è nata, cresciuta e divenuta in grado di dare il proprio contributo alla scoperta. Ecco quindi verificarsi l’epifanico incontro tra l’archeologo Nicolai Lombardo e l’esperto in programmazione ed informatica Lello Di Francia. Prende piede l’idea di una riproduzione del sito sommerso unendo le loro competenze ed oggi questo sogno vede la sua realizzazione nel tour virtuale BAIAExperience. Con BAIAExperience si viaggia a ritroso nel tempo L’immersione virtuale dura 25 minuti durante i quali si passeggia tra i diversi ambienti termali guidati dalla voce che introduce e spiega le varie ricostruzioni. Nulla è infatti stato lasciato troppo all’immaginazione nel rispetto del rigore scientifico che muove l’intero progetto. Le riproduzioni degli accessori sono garantite dalle comparazioni con gli utensili rinvenuti negli importanti scavi di Pompei ed Ercolano, la spartizione degli ambienti e altri dettagli si sono ricavati confrontando i ritrovamenti con il grande sito archeologico di Ostia, infine i colori degli stupendi marmi riprodotti sono in realtà una certezza. Tra i granelli di sabbia del fondale marino sono stati trovati anche frammenti di diverse tipologie marmoree dalle variopinte tonalità. E laddove non vi è possibile procedere con deduzioni scientifiche o scoperte, si rispetta il mistero ancora da risolvere e non ci si forza ad azzardate supposizioni. Il riferimento va in particolare ad un’area del sito di Baia non ancora ben identificata. Si sa che è un unicum nel suo genere per la pianta esagonale e le nicchie disposte in diagonale, ma non si sa a quale scopo fosse destinata la realizzazione di tale spazio. Il tour fa brillare gli occhi a chiunque provi questa esperienza unica e appassiona gli esperti nel campo quanto lo spettatore comune, che per la prima volta riesce a vedere con i propri occhi una realtà spesso solo narrata dai libri. Il progetto è stato promosso e garantito dal Sindaco di Bacoli Josi Gerardo Dela Ragione, al fine di valorizzare e promuovere le bellezze custodite dal suo territorio. Difatti si tratta di un primato per i Campi Flegrei e un’innovazione nel campo del turismo, rendendo accessibile l’esperienza anche a chi non può praticare immersioni. Anzi, per i sub un’ulteriore tappa […]

... continua la lettura
Napoli e Dintorni

Capodimonte apre le porte alla musica e al cinema

Il Real Bosco di Capodimonte negli anni si apre sempre più ad uno scambio e contaminazioni con diverse forme d’arte. Non solo nel Museo custodisce e mette in mostra svariate esposizioni, ma quest’anno dopo aver ospitato alcuni appuntamenti del Napoli Teatro Festival si apre a nuovi progetti e proposte per l’estate e l’autunno a suon di musica e cinema. Festival Musica Popolare del Sud Italia Arte è tale se esprime una visione, un sentimento, un messaggio e come non far spazio dunque in questo bucolico dialogo tra cultura e natura anche alla musica e al cinema? L’estate 2020 sui grandi prati del Bosco di Capodimonte risuonerà con le note della musica popolare napoletana. Un Festival del Sud Italia che si pone in una dialettica di continuità con i reperti esposti all’interno del Museo. Un legame esplicitato già nell’immagine che distingue il festival: due antiche tazze con raffigurazioni di classici balli napoletani! Gli appuntamenti si concentrano in una tre giorni che ha inizio l’8 agosto e termina in climax con uno speciale per la Notte di San Lorenzo. Il biglietto è gratuito e le persone potranno accedere in totale sicurezza (e nel piedo rispetto delle norme anti-covid) muniti di telo per potersi sedere sull’erba e lasciarsi trasportare da canti e ritmi popolari. Il primo giorno sono previsti la pizzica salentina “Core de Villani” e gli organetti calabresi de “Le Muse del Mediterraneo feat. Antonio Grosso e Ciccio Nucera”. Il 9 agosto è dedicato alla Tarantella di Paternopoli con “I virtuosi della Tarantella” e ai Canti della Terra di Pomigliano d’Arco con “Rareca Antica”. La magica Notte di San Lorenzo ospiterà invece una “Petit Ensemble MusiCapodimonte”, che con la voce di Aurora Giglio allieterà il pubblico in attesa delle stelle cadenti. Cinema con la rassegna “Monelli e Ribelli” Ma il Real Bosco di Capodimonte non si ferma qui. Ha in serbo un altro progetto culturale, stavolta legato al mondo nel cinema. In un rapporto via via più stretto con il mondo della cinematografia, il Bosco apre il suo cortile per appuntamenti di cinema all’aperto. Dopo una serie di reazioni positive da parte del pubblico e degli esperti a questo nuovo connubio, sembra ci siano in programma diverse idee per proseguire questo tipo di format. Per il momento si può star sicuri che per il mese di settembre verranno proiettati nei weekend film interessanti e dedicati a temi dell’infanzia e dell’adolescenza; da qui il nome della rassegna “Monelli e Ribelli”. Si esplorano diverse realtà e storie per restituire un quadro abbastanza ampio sulle realtà e le difficoltà di questa fase di vita. L’11 settembre “Dililì a Parigi” di Michel Ocelot ci porta nel fermento della Parigi Belle Epoque, mentre con “Vincent” di Tim Burton, prodotto dalla Walt Disney, si segue la storia di un avido lettore di 7 anni. Il 12 settembre è dedicato ai più piccoli con “Il libro della giungla” di Wolfgang Reitherman e il 13 settembre ai bimbi cresciuti che conservano uno sguardo di fascino e magia sul mondo con […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Davide Montuori: intervista sul progetto Fil Rouge

Intervista a Davide Montuori, wine artist.  Davide Montuori è un wine artist che ha unito le sue due più grandi passioni in un unico progetto. L’arte e il vino si fondono nella sua ultima mostra, resa fruibile anche online attraverso la galleria video pubblicata sui canali ufficiali. Si tratta di Fil Rouge, un format audiovisivo realizzato in collaborazione con il MAVV (Museo dell’Arte, del Vino e della Vite di Portici) che racconta in ogni puntata una singola opera, approfondendola non solo dal punto di vista tecnico, ma fornendo anche interessanti digressioni inerenti al tempo storico o al soggetto rappresentato. Lo abbiamo intervistato per saperne di più sulle sue opere e sul suo progetto. “La Celta” con Aglianico, Chianti e Dolcetto Piemontese è il quadro che apre la galleria video Fil Rouge. Si nota da subito il tentativo di collegare il video alla storia partendo dalle origini. In base a che criterio ha scelto le diverse fasi storiche nelle quali inserisce i suoi quadri? Il vino è “testimone” degli ultimi 9000 anni, e il suo consumo nelle civiltà antiche non è distante dal consumo odierno. Mi sono concentrato sulle società, che più di altre, hanno segnato un determinato periodo storico, raccontando di esperienze con cui è facile ritrovare aspetti della società contemporanea. Dietro al vino ci sono rituali sociali che restano immutati da millenni, dai festeggiamenti Celtici alle liturgie cristiane; dai banchetti medievali ai nostri selfie al winebar col calice alzato. “Le Romane” con Aglianico e Chianti tratteggia le atmosfere della classicità romana. Una cultura che dava una grande importanza al vino, ospite immancabile in diverse occasioni sociali e che diventa in quest’opera il fil rouge (è il caso di dirlo) con il soggetto rappresentato. In base a cosa sceglie la qualità di vino per la realizzazione di una determinata opera? La scelta del vino è data da due fattori, il primo è il gusto. Cerco nel vino una forza emotiva, capace di raccontare adeguatamente il contenuto morale dell’opera. Il secondo è il colore, poiché ogni vino ha il proprio colore, devo necessariamente valutarne l’intensità per accostarli e ottenere l’effetto di tridimensionalità desiderato. Nella resa artistica, che differenza c’è tra l’uso di una qualità di vino piuttosto che un’altra? Al di là di una resa cromatica, c’è da valutare un altro aspetto, quello della conservazione. Adopero per le mie opere spesso etichette D.O.C e D.O.C.G. Questo garantisce una mineralità autentica del prodotto e mi permette di non usare nessun additivo chimico in aggiunta. Come mai ha deciso di dedicarsi alla pittura con l’uso esclusivo del vino? Al contrario dei colori chimici, il vino “invecchia su tela”. Asseconda della tipologia e provenienza geografica, il vino muta di colore. In questi anni ho potuto vedere che tendenzialmente, i vini del Nord protendono ai toni violacei, mentre quelli del sud protendono al “giallo pietra di tufo”. Questa caratteristica rende le opere più vive che mai e che ben si sposa con noi esseri umani (protagonisti indiscussi della collezione Fil Rouge), che cambiamo idee e […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Magie e illusioni della Ring108 illumina Napoli

Lo spettacolo, organizzato da Ring108, “Magie e illusioni” ha colorato il Teatro Salvo D’Acquisto. Nella notte del 31 gennaio le stelle sono scese da cielo per un attimo ed hanno portato la loro magia dietro il sipario del teatro napoletano, coinvolgendo il pubblico in una serie di incredibili esibizioni. Tante le personalità e i campioni (di contest anche europei) nel mondo dell’illusionismo che si sono alternate nel corso della serata. Ma andiamo con ordine. Saykon e Giuliana hanno fatto del loro meglio per presentare con verve i differenti artisti in sala e, tra uno scherzo e un occhiolino agli spettatori, hanno fatto in modo di dare risalto ai diversi numeri di magia. A catturare l’attenzione e lo stupore dei presenti: Dario Adiletta, Francesco Della Bona, Francesco Meraviglia, Franky Mattew, Gabriele D’Angiò, Luca Costa, Luca Lombardo, Marco Critelli e Riccardo Emma. “Magie e illusioni” di Ring108 con le performance più emozionanti Tra le esibizioni che sono state più apprezzate dal pubblico, la “magia” di Luca Costa. Dopo svariati giochi di prese e scomparse di carte che fluivano da una mano all’altra come un rivolo d’acqua, il prestigiatore ha liberato le colombe. O meglio. Ha trasformato in colombe le carte che maneggiava, suscitando il clamore generale. Un numero degno di nota che celava i trucchi del mestiere e non permetteva agli occhi inesperti dello spettatore di scovare il trucco. Con Dario Adiletta, invece, protagonista è stata una sorta di magia dell’acqua. Una serie di movimenti dai rimandi tribali (come anche il costume di scena) ha dato vita ad un gioco di controllo dell’acqua. Una piccola fontana in sala funzionava secondo il volere dell’illusionista, in grado anche di rilasciare acqua dalle mani e di controllare (apparentemente) a distanza un oggetto inanimato. Una danza in blu, apprezzata in special modo dai più piccoli. Con Francesco Meraviglia, invece, si è fatti un salto nel passato. Entra in scena in completo, lui, con note di pianoforte che lo accompagnano e un racconto nostalgico sulle labbra. Si porta in scena una storia che sa di sigaretta e di risse da bar, eppure durante il racconto prende vita il trucco del prestigiatore, raccontando così la magia. Franky Mattew è entrato in scena vestito da pittore. Sul palco delle tele e un macchinario in legno in stile vinciano lo hanno aiutato nella sua performance. Con lui il disegno diventa realtà. Sbuca una colomba da un quadro, una gabbia da un disegno ed uccellini di diversi colori e razze. Non c’è un momento di noia e tante sorprese a catena. In chiusura è salito sul palco Luca Lombardo. Con lui tutto il mondo del teatro è diventato magico e gli spettatori hanno perso la consapevolezza di cosa era reale e cosa fosse trucco, ritrovandosi a seguire i suoi movimenti e le sue storie come se fossero reali. Con un cambio di vestiario di pochi secondi, ha impersonato alcuni dei personaggi più noti alla cultura di massa, da Super Mario allo Spazzacamino e Mery Poppins ad ET. Il clou è arrivato […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

La gala charity night Legora for Africa: per fare di più

Il Museo Nazionale di Pietrarsa la sera del 12 dicembre è diventato per una sera la casa di una grande famiglia, elegante nello stile e ricca nell’animo. Si è svolta così la prima edizione della gala charity night “Legora for Africa” che ha visto la partecipazione di ben 450 persone provenienti dal mondo dello spettacolo e non, insieme per sostenere il progetto della famiglia Legora de Feo insieme alla ONLUS “Una voce per Padre Pio”. Legora for Africa e Una voce per Padre Pio Tutto comincia con il coraggio e l’empatia di una donna. La moglie di Pasquale Legora e madre di Alessandro Legora ha intrapreso nel corso della sua vita numerosi viaggi in Africa. Ha avuto modo di vedere da vicino i problemi che si abbattono sulla vita quotidiana condotta in tanti villaggi della Costa d’Avorio. Decise di fare la sua parte, a suo modo e nelle sue possibilità senza dare nell’occhio, ma agendo di cuore. Coinvolse il figlio nei suoi viaggi e nella sua missione di sensibilizzazione. Oggi, a distanza dalla sua prematura scomparsa, il figlio e il marito ne ereditano la missione e prendono con gioia il testimone. Nasce così “Legora for Africa”, un’iniziativa che permette ad ognuno di noi di fare la propria parte e che allo stesso tempo si propone degli obiettivi pratici da perseguire. Per sostenere e migliorare le condizioni di vita nei villaggi della Costa d’Avorio sono stati raccolti fondi durante la gala charity night destinati alla realizzazione di scuole e impianti destinati ai bambini, ma anche di sistemi per l’approvvigionamento dell’acqua potabile ed elettricità. L’evento ha riunito nel nome di questo nobile scopo molti volti noti del mondo dello spettacolo, alcuni dei quali hanno fatto dono della propria arte nel corso della serata. Il Museo Nazionale di Pietrarsa ha fornito una location d’eccezione. La lunga ed ampia sala è resa suggestiva dalla presenza dei vecchi treni della ferrovia tirati a lucido per farsi ammirare nello loro originale bellezza. Si dà origine ad un’atmosfera romantica che trasporta in un mondo cinematografico di amori contrastati da viaggi e separazioni forzate. Un mondo dove a regnare sono sentimenti di rinascita, di nuove mete e speranze. Ed è proprio questo che “Legora for Africa” e la ONLUS “Una voce per Padre Pio” si sono ripromessi di fare con questa edizione della gala charity night. Guidati dalla cordialità di Veronica Maya nel ruolo di moderatrice dell’evento, hanno preso la parola Pasquale ed Alessandro Legora, Enzo Palumbo (Presidente di “Una voce per Padre Pio”) e il comandante Kone, prefetto del Distretto di Tiapoum. I loro interventi insieme alla proiezione di un video sui villaggi Assuè 1 e Assuè 2, destinatari dei fondi, hanno fatto toccare con mano il senso ultimo della serata. Il menù Un evento elegante e galante che ha saputo creare diversi momenti di intrattenimento tra le pause di una cena buona e rassicurante. Non ci sono state proposte ardite nell’accostamento dei sapori, evitando di distogliere l’attenzione dall’argomento della serata. Ma i piatti hanno saggiamente accompagnato […]

... continua la lettura
Food

Cenando sotto un cielo diverso brilla a Villa Domi

A Villa Domi domenica 1 dicembre tornano a brillare le stelle di Cenando sotto un cielo diverso, il format stellato che regna sul territorio partenopeo ormai da diverse edizioni. L’idea di Alfonsina Longobardi – psicologa, sommelier ed esperta di food & beverage – ha trovato così pieno compimento e quest’anno riesce addirittura ad espandersi, trovando realizzazione nei nuovi esiti benefici del format. Sin dalla prima edizione del 2014, infatti, il ricavato della serata ha finanziato l’acquisto di giochi da donare ai bambini presso il Santobono-Pausilipon e un’area ludico didattica per persone affette da schizofrenia presso il Monaldi. Con la nuova edizione invernale 2019 si vuole fare sempre di più! Con la presenza di Davide Montuori, noto writer napoletano, che si diletterà dipingendo quadri con il vino, sarà devoluto in beneficenza per scopi sociali anche il ricavato ottenuto vendendo le sue creazioni. Annualmente per garantire la buona fede del progetto, vengono rese pubbliche delle foto come testimonianza dei giocattoli che vengono donati ai bambini e dei finanziamenti indirizzati all’area ludica. Fare del bene non è mai stato tanto piacevole! Il format permette di trascorrere una bella serata, con ottimo intrattenimento, bevande e pietanze di qualità, e allo stesso tempo di fare un regalo a chi ne può aver bisogno. Cenando sotto un cielo diverso: Villa Domi si illuminerà di stelle Location d’eccezione per quest’anno è Villa Domi, che sorge elegantemente a Napoli e regala immense sale dalla classica architettura e panoramiche mozzafiato. La serata sarà popolata da salutari proposte enograstronomiche e innumerevoli qualità di vino. Per quest’edizione, oltre l’associazione “Cielo e Mare”, ha collaborato anche il dott. Ciro Langella, ricercatore in ambito medico nel capo della Nutraceutica, che ha dato il suo contributo promuovendo il cibo come arma di prevenzione e salute. Infine come testimonial della kermesse sarà presente Floriana Messina, ex concorrente del Grande Fratello ed influencer dei nostri giorni, che insieme all’attore Francesco Albanese presenteranno diversi personaggi legati al mondo della musica e dello spettacolo (si citano Michele Selillo e Nicola Coletta). A Villa Domi fiumi di vino e pietanze d’eccellenza sono garantiti dalla presenza di oltre 80 chef, tra cui gli stellati Ciro Sicignano, Domenico Stile, Gianluca D’Agostino. Cuochi di livello, pasticceri, maestri panificatori, pizzaioli, produttori locali, cantine vinicole, bar tender ed aziende agroalimentari riempiranno le sale di Villa Domi, tutti uniti dalla mission di Cenando sotto un cielo diverso. Una serata che si preannuncia un successo e grazie alla quale si ha la possibilità di fare del bene. Musica, buon cibo e buoni vini saranno solo la cornice di un progetto più grande: regalare un sorriso in più.

... continua la lettura
Food

Block Boutique Bar con una drink list ad arte

Il Block Boutique Bar di Pozzuoli si fa conoscere con la nuova drink list nata nel segno della stravaganza e dell’arte! Sì, perchè oltre alle tradizionali bevande, la proposta innovativa di Fabrizio Masecchia risiede nel presentare drink ideati a partire dalle creazioni dell’artista Luigi Tirino. Dopo aver esplorato diverse mete internazionali ed aver appreso tecniche e svariati abbinamenti di gusti, il bartender Fabrizio con il supporto di Remo ed Alessandro ha dato vita a queste esclusive proposte, pescando dal proprio bagaglio artistico. La nuova drink list nasce da alcuni dei bozzetti e dei disegni di Luigi Tirino. Le sue sculture dopo una mostra al MANN, sono adesso custodite all’interno del Block Boutique Bar, circondando i clienti intenti a sorseggiare drink che ben si abbinano alla sua arte. Il bar si colloca sul lungomare di Pozzuoli, in via Matteotti 72. Regala vibrazioni di eleganza minimal, privata del sentore di freddezza che a volte caratterizza questo stile, e addolcita dalle luci tenue e calde. Il servizio contribuisce a far sentire a proprio agio il cliente, mentre il barman ha una parola per tutti e si dilunga in interessanti storie riguardanti i cocktail in preparazione. Tra le tante proposte una in particolare ha incantato: ALCROMISMO. Un drink da comporre al momento ricorrendo ad un paio di bottigline numerate, che tanto ricordano le piccole pozioni dei maghetti di Hogwarts. Unendo nel bicchiere due liquidi e mescolando il tutto, si vedrà cambiare il colore del cocktail da blu a rosa! Il sapore si presenta deciso grazie alla presenza di violet vodka, zucchero e acido di lime; mentre per stemperare l’asprezza vengono serviti due dolci piccoli assaggi al lampone e allo zenzero. Giocando con gli effetti estetici che si possono creare con diversi alcolici, questa drink list vince per originalità – e subito viene alla mente il drink fluo che cambia colore con i raggi ultravioletti! -. Il Block Boutique Bar resta però accessibile ad ogni palato. Anche per i non amanti dei cocktail, c’è la giusta offerta. Si spazia dagli infusi agli shrubs, dai sodati agli sciroppi, tutti 100% homemade e privi di coloranti alimentari. Il locale mostra anche sensibilità ed attenzione per l’ambiente e l’ecosostenibilità. Per non produrre rifiuti, procede alla rielaborazione degli scarti. Ecco che la frutta viene essiccata per poterne utilizzare prima il succo e poi le bucce, ponendo attenzione alle temperature di decadimento del prodotto. “Amiamo tutte le forme dell’arte, da quella ‘solida’ a quella ‘liquida’, perciò abbiamo deciso di abbinarle attraverso i nostri menù. Diamo spazio a chi ha la nostra stessa passione, mettendo a disposizione di coloro che vogliono esporre le loro opere non solo gli ambienti del nostro bar, ma anche le pagine del nostro menù”.

... continua la lettura
Fun e Tech

Halfy, la nuova piattaforma di marketing partenopea

Halfy, la nuova piattaforma per il marketing tutta partenopea frutto delle esperienze estere dei due fondatori ed ideatori Luca Canonico e Angelo De Caro. I due hanno voluto inugurare al Palazzo Fondi di Napoli (ma a dicembre ci sarà la presentazione anche a Milano) la loro invenzione. Halfy promette di non gravare sull’esercente, garantendo l’assenza di commissioni e la piena libertà nella scelta di orari e giorni al momento della prenotazione. Con un pagamento fisso di 5 euro per prenotazione, viene messo a disposizione anche uno sconto del 50% al momento del pagamento. Le attività messe a disposizione variano per venire incontro ai più disparati stili di vita, ci saranno quindi offerte inerenti alla cultura, allo sport, al benessere o alla ristorazione. Non importa il numero di persone che vorrà prenotarsi, Halfy vuole aiutare l’utente e, per essere ancora più smart e di facile utilizzo, a breve verrà lanciata anche l’applicazione per gli smarthphone. Halfy prende vita grazie a Luca Canonico e Angelo De Caro Il sito di questa piattaforma è già attivo e fa parte delle tante innovazioni nell’era della tecnologia che cercano di unire e soddisfare le necessità dei venditori e dei consumatori. E’ quindi più facile per i primi promuovere e pubblicizzare il prodotto da loro offerto, ma anche per i consumatori prenotare ed ottenere facilitazioni. Il 29 ottobre il Palazzo Fondi ha organizzato una serata per augurare il meglio a Luca Canonico ed Angelo De Caro e per presentare Halfy al popolo partenopeo. Un aperitivo di vini, birre made in Campania e stuzzicherie food hanno accompagnato la serata. In questo modo hanno potuto fare il loro ingresso anche gli sponsor di Halfy, tra i quali spicca “Brandig Dalì”. mostra dedicata all’artista spagnolo ed ospitata proprio nelle sale di Palazzo Fondi. Halfy punta su una strategia vincente che trae la sua forza dallo sconto del 50% offerto ai suoi clienti. Ciò che la rende un’applicazione diversa dalle tante già esistenti è l’utilizzo più equi da parte degli esercenti. Inoltre, le offerte rivolte all’utente non sono di massa, ma esclusive e di alta qualità. «Abbiamo spostato per la prima volta l’onere di pagare la visibilità degli esercenti ai clienti finali, che pagano una cifra irrisoria. Quindi non è più l’esercente, oltre ad effettuare lo sconto, a pagare commissioni notevoli . Inoltre è un’attività proposta prevalentemente negli orari di minor affluenza, in modo che l’offerta non sia influenzata qualitativamente.», spiega Luca Canonico.

... continua la lettura
Napoli e Dintorni

Non solo sole, nail bar. Intervista a Federico Fashion Style

Il mese di ottobre porta a Napoli una ventata di glamour con l’apertura di “Non solo sole”, un esclusivo nail bar in via San Gennaro ad Antignano. Il 5 ottobre è stata inaugurata la seconda sede di quest’attività, frutto del piglio imprenditoriale di Roberta Totaro e del suo compagno Nicola, i primi a proporre su suolo partenopeo una simile iniziativa. «Avevo 15 anni e per questioni economiche ho iniziato a lavorare – spiega Roberta Totaro – Mi sento tuttavia fortunata per due motivi: perché il mio lavoro è per me pura passione e perché all’età di 16 anni ho conosciuto Nicola, il mio attuale compagno, che, nonostante fosse un semplice operaio, mi ha aiutato ad avviare un finanziamento che mi ha consentito, all’età di 18 anni, di diventare titolare del centro dove lavoravo. Dopo quattro anni, anche grazie all’incitamento delle mie clienti, abbiamo aperto il nail bar… Siamo stati i primi a Napoli!» Non solo sole: la nuova sorpresa del mondo beauty napoletano Un connubio avanguardistico e che fa tendenza quello tra il bar e il mondo del fashion. L’innovazione sta nel potersi prendere cura della propria immagine sorseggiando elegantemente un cocktail a scelta. Abbiamo parlato con i giovanissimi titolari che confidano i tanti sacrifici che hanno dovuto fare per poter realizzare il loro sogno. Trattandosi di un’attività, è stato d’obbligo chiedere un finanziamento (con tutti i rischi che ciò comporta), fare un salto nel buio e rischiare, puntando tutto su questo progetto. La difficoltà è aumentata anche tenendo in considerazione la loro giovane età, la mancanza delle “giuste conoscenze” e le umili origini. Ma la clientela li ha sostenuti durante l’intero processo, incoraggiandoli ad aprire anche una seconda sede. “Non solo sole” è un luogo di ristoro, dove potersi abbandonare alle coccole e ritagliarsi del tempo per amarsi un po’ e risvegliare il lato sensuale che ogni donna ha dentro sé. Proprio per accogliere e cullare il cliente, la scelta di abbinare vini e cocktail a trattamenti di bellezza personalizzati è stata vincente. Sono messi a disposizione trattamenti come make-up, depilazione, massaggi, solarium, ma anche strade più innovative e specialistiche come microblanding, ossigenoterapia, radiofrequenza bipolare e il BBglow. Il progetto di Roberta e Nicola è stato positivamente accolto dall’intero mondo del beauty e del fashion. All’inaugurazione è intervenuto anche Federico Fashion Style, noto hair stylist che ha molto apprezzato l’innovativo connubio nail-bar e che è stato indirizzato al “Non solo sole” proprio da alcuni dei suoi clienti più famosi. L’occasione del nail-bar è coincisa con il suo trentesimo compleanno che ha festeggiato subito dopo al “White Pearl” di Casoria con un party a tema “Grande Gatsby”. Abbiamo avuto così modo di rivolgergli qualche domanda. Intervista a Federico Fashion Style Come ha scoperto questa sua passione e quando ha deciso di trasformala in lavoro? L’ho scoperta fin da subito perché diventare parrucchiere è stato uno dei sogni che volevo realizzare, quindi si può dire che ci sono nato con questo sogno. Cosa pensa di questo connubio nail-bar? Il connubio nail-bar […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Suggestioni all’imbrunire torna a Napoli con l’XI edizione

Con la sua undicesima edizione torna a colorare il panorama artistico partenopeo il format Pausilypon. Suggestioni all’imbrunire. Un evento che annualmente si concentra in poche serate per dare tutto il meglio di sè e diffondere l’arte con grazia ed eleganza. Il Palazzo Reale di Napoli ha ospitato all’interno delle sue stanze la conferenza stampa dedicata a questo appuntamento che i napoletani hanno imparato ad amare ed aspettare. La manifestazione si svolge grazie al Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus insieme alla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli. Dal 14 settembre al 6 ottobre saranno 4 gli appuntamenti da non perdere, ognuno comprensivo di un percorso attraverso la Grotta di Seiano, godendo del panorama che regala la posizione elevata dell’area e dei vini offerti dall’Associazione Ager Campanus. Gli spettatori verranno accompagnati fino all’area dei teatri dove si svolgeranno di volta in volta le performance. Il programma di Suggestioni all’imbrunire La rassegna si apre il 14 settembre con un ospite d’eccezione, Michele Placido, che insieme a Gianluigi Esposito ed Antonio Saturno condurranno i presenti in un viaggio poetico sulle note delle più belle canzoni napoletane. Serata d’onore è un recital in forma di dialogo con gli spettatori. Dalle opere dei grandi poeti nazionali a estratti di scrittori napoletani, si fa omaggio alla cultura italiana senza dimenticare le singole identità. L’appuntamento successivo si svolgerà il 22 settembre e sarà all’insegna dell’empatia e della passione. Storie di tango con la voce di Lello Giulivo, la fisarmonica di Rocco Zaccagnino e il contrabbasso di Aldo Vigorito darà vita ad un concerto-spettacolo che fa rivivere le atmosfere di Buenos Aires. Il tango argentino la farà da padrone attraverso le performance dei ballerini e la scelta musicale basata sui brani di Carlos Gardel e di altri famosi testi letterari inerenti al tango. Si prosegue con il 28 settembre che saluta il mese insieme ad Emanuele Giannini, Giovanni Di Giandomenico e Lihla. Paesaggi sonori coinvolge diversi artisti e cela inevitabilmente momenti di improvvisazione come filo conduttore tra le diverse discipline. Dal gong al violoncello, dal piano alla danza, ogni espressione troverà il suo spazio e la sua forma d’essere. Infine Suggestioni all’imbrunire saluta gli spettatori anche per quest’anno con l’ultimo appuntamento previsto il 6 ottobre con Prenda del alma. Si tratta del concerto di Luciano Biondini e Mauro De Leonardo, rispettivamente fisarmonicista e chitarrista. Il nome della serata riprende quello del loro ultimo disco, ma svela anche il fulcro della loro musica facendo riferimento ad una vecchia serenata messicana. Tra sonorità provenienti dal Sud America e omaggi ad Antonio Carlos Jobim, proseguirà il concerto che ingloberà al suo interno anche brani di autori jazz contemporanei. Suggestioni all’imbrunire tutti gli anni celebra insieme all’arte anche la bellezza, svolgendosi nel suggestivo Parco del Pausilypon. Un modo per tornare a contatto con i propri antenati romani ma anche con se stessi. Fonte immagine: suggestioniallimbrunire.org

... continua la lettura
Libri

L’adolescenza e la lettura per comprenderla

L’adolescenza è un momento cruciale nella formazione dell’individuo. Si esplora la propria interiorità cercando una consapevolezza che non derivi da indottrinamenti esterni e che non può (ancora) nascere dall’esperienza. Ci si immerge appena nel mondo degli adulti svelandone le contraddizioni. Si scoprono nuovi comportamenti e nuove regole sociali che rendono gli amici di sempre un po’ meno “familiari” e i nuovi conoscenti dei rebus da decifrare. In tutto questo folle processo conoscitivo, l’adolescente è fragile come ferita viva a tutte le sollecitazioni emotive del mondo esterno. Ed è proprio in questa fase di vita che la lettura assume un ruolo fondamentale:, diventando una guida alla comprensione dell’universo umano e delle regole sociali, morali, interiori ed emotive che lo regolano. Un modo per stimolare la critica e la riflessione, pur lasciando intatta la libertà di pensiero individuale. Il libro aiuta, assiste, supporta e in alcuni casi fa sentire più forte l’appartenenza al genere umano e meno il senso di solitudine che lo attraversa. Ma quali sono i libri da consigliare durante l’adolescenza? Testi che spaziano da tematiche più profonde a letture più leggere, da spunti e picchi di riflessione a una sana lettura di svago. Ecco quelli pensati per voi. Letture per l’adolescenza “La Meccanica del cuore” di Mathias Malzieu racconta il sentimento amoroso nella sua complessità. In cima alla collina più alta di Edimburgo, una fredda notte nasce un bimbo col cuore di ghiaccio. La levatrice riuscirà a farlo sopravvivere applicando un orologio a cucù al suo cuoricino per farlo battere. Eppure il meccanismo è molto fragile e sentimenti impetuosi come l’amore potrebbero distruggerlo. Ma all’amore non c’è anima che sfugge e il giorno del suo decimo compleanno il giovane si innamora di una piccola cantante andalusa dalla voce ammaliante. Il romanzo segue le vicissitudini del giovane che lascerà tutto per trovare il suo amore. “Io sono nessuno” di Jenny Valentine è stato selezionato per il Premio Andersen 2016. Si segue la vita di Chap, un giovane che ha perso la famiglia in seguito ad un incidente. Il ragazzo, desideroso di entrare finalmente a far parte di una vera famiglia, si approfitterà di due sposi che lo hanno scambiato per il figlio scomparso anni prima. Chap finge di essere Cassiel ma la storia di infittisce quando scopre il mistero che si cela dietro la sparizione di Cassiel. “Parole Fuori”, casa editrice “Il Castoro”, è un libro – evento che vuole diventare un punto di riferimento per gli adolescenti. Riunisce dodici storie di diversi autori che si concentrano su un’ampia gamma di sentimenti attraverso le trame più disparate ricche di parole e immagini. Viene data voce alle emozioni e indagata la loro natura. Gli autori sono Pierdomenico Baccalario, Paola Zannoner, Silvana Gandolfi, Sara Colaone, Beatrice Masini, Lodovica Cima, Guido Sgardoli, Alessandro Baronciani, Antonio Ferrara, Luisa Mattia, Fabrizio Silei, Antonella Ossorio. “Sette minuti dopo la mezzanotte” di Patrick Ness è invece stato selezionato per il Premio Andersen 2012. Racconta la storia di Conor e di un mostro, che ogni notte gli fa visita in un […]

... continua la lettura
Notizie curiose

Il misterioso mondo felino. Le razze di gatti più comuni

L’amicizia tra i felini e l’uomo affonda le sue radici nell’alba dei tempi. Un rapporto in continua evoluzione che ha visto il gatto vivere nei pressi del focolaio domestico sin dai primi insediamenti agricoli e villaggi. Al contrario di molti altri animali, questo sinuoso amico dal pelo morbido non ha mai mutato il proprio carattere né “corrotto” la propria identità in funzione dell’umano di turno, ciò ha portato a diversi fraintendimenti sul piano comunicativo considerando che invece molte altre specie animali hanno trovato il modo di farsi comprendere adottato atteggiamenti specifici. Si può considerare uno degli animali con le migliori tecniche di sopravvivenza (di cui la proverbiale diffidenza) tanto che non ha mai rasentato l’estinzione e capace di provvedere completamento a se stesso. Probabilmente è proprio qui la chiave della sua indipendenza e della sua identità: non avendo bisogno dell’umano per sopravvivere, non sente il dovere di adattarsi e di farsi accettare, piuttosto lo sceglie come compagnia alla pari. Il felino è l’animale per eccellenza della fierezza e dell’eleganza, il mondo della letteratura ne è da sempre ipnotizzato cercando di cogliere l’anima nelle lame luminose dei suoi occhi e soffrendo, spesso, per l’apparente indifferenza all’amore e all’odio da parte degli umani. Invece chi ha avuto modo di condividere il proprio percorso con un felino per abbastanza tempo, sa cogliere il suo amore discreto, le sottili dolcezze e le tenerezze vestite di capricci. I gatti ormai popolano l’intero pianeta, infinite sono le razze pure e ancora di più quelle nate da incroci, tanto che si potrebbe dire che con grande probabilità esiste qualche razza non ancora catalogata! Le razze di gatti più comuni Elencare tutte le razze esistenti sarebbe, quindi, impossibile ma abbiamo selezionato le otto più diffuse. L’Angora Turco è originario della Turchia, presenta una struttura fisica slanciata dal pelo lungo e bianco, anche se oggi se ne trovano con varianti di colore nero, grigio, rosso e marrone. Invece gli occhi sono spesso arancione, ma talvolta anche blu e in rari casi sono di colore impari. Il Certosino è un gatto di razza antica dal pelo corto e grigio e dagli occhi gialli. Sembra sia giunto in Francia grazie ai Cavalieri Templari di ritorno dall’Oriente. Il carattere di questo felino è molto affettuoso. il Devon Rex ha il pelo corto e la struttura slanciata che termina con due orecchie molto grandi. È originario dell’Inghilterra. Il gatto Europeo si riconosce, invece, per il pelo corto e la cosa lunga e sottile. Con questo nome viene identificato il classico randagio ma è considerato un gatto di razza, proprio come gli altri. Il Maine Coon è una delle razze più antiche e originarie del Nord America. Ha il pelo lungo e denso, con una bella coda soffice e il corpo grande; esteticamente è davvero molto bello e può avere diversi colori di pelo. Il gatto Persiano è una delle razze più diffuse e conosciute di felini. Molto bello e tranquillo, è scelto di solito per gli ambienti domestici. Dal lungo pelo, necessita di continue spazzolate per rimuovere quello in eccesso e […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Premio Eccellenze del Sud: torna con l’ottava edizione

Si è svolta l’ottava edizione del Premio Eccellenze del Sud ad Ercolano, nella suggestiva cornice di Villa Signorini dal fascino antico. La premiazione è un’occasione per festeggiare insieme i doni che il territorio offre sia in campo gastronomico che umano. Sono state infatti numerose le persone omaggiate per l’impegno mostrato nel valorizzare il Sud, molte delle quali col tempo sono riuscite a diventare anche simbolo stesso di questa nuova attenzione volta ad un territorio ricordato troppo spesso per le sue negatività e sempre troppo poco per la voglia di riscatto e per la lotta verso il riconoscimento del bello che porta con sé. “Premio Eccellenze del Sud” è ormai un appuntamento fisso nel panorama campano che riunisce i cittadini in un unico gesto d’amore verso la propria terra. Quest’anno per l’ottava edizione l’evento è stato affidato alla cantautrice Shara e al Maestro pizzaiolo Salvatore Di Matteo della napoletana Pizzeria dei tribunali, mentre la conduzione si è svolta egregiamente grazie al noto Luca Abete e alla giornalista Lorenza Licenziati. “Premio Eccellenze del Sud” una festa per tutti La serata si è svolta tra assaggi di pizza e fritture in un angolo appositamente allestito. Salvatore Di Matteo ha avuto modo di presentare agli ospiti una nuova frittatina di pasta in versione “total gourmet”, mentre il Maestro pizzaiolo Luciano Sorbillo ha colto l’occasione per proporre una nuova pizza dedicata al padre Rodolfo e per allietare gli ospiti a fine cena con una pizza dessert. L’elegante cena, invece, si è svolta grazie al lavoro dietro le quinte di Salvatore Di Matteo e del Resident Chef di Villa Signorini Vincenzo Borriello che, in linea con l’anima dell’evento, ha scelto un menù improntato ai sapori della cucina mediterranea. Mentre il dolce di fine pasto è stata una chicca del Maestro pasticciere Mario Di Costanzo con le sue mini-porzioni colorate. Un evento che si delinea come una vera e propria festa per tutto il Sud e come tale è stata gestita alternando le numerose premiazioni a momenti di svago e divertimento. Uno degli spazi dedicati alla musica è stato lasciato al giovane cantautore Patrizio Santo, che ha voluto in questo modo offrire il suo contributo alla campagna sociale “Non ci ferma nessuno” sensibile alla positività da trasmettere ai giovani. In tutta la sua potenza di voce si è esibita anche Shara con i suoi brani inediti grazie anche all’accompagnamento del pianista Enrico Sforza, del chitarrista Simone Picella, del bassista Luigi Castiello, del batterista Mauro D’Ambrosio, della violinista Stella Manfredi e del sassofonista Alessio Castaldi. Il culmine dell’intrattenimento si è verificato con la salita sul palco del comico Paolo Caiazzo che con il suo comic show si è guadagnato le risate del pubblico e il premio per la categoria “Personaggio tv”. La stilista Susi Sposito, invece, ha ritagliato uno spazio dedicato alla sfilata e alla moda con il fashion project “Il coraggio di essere Frida” lungo due anni che in autunno terminerà con una mostra di pezzi unici. Le premiazioni e i premiati “Premio Eccellenze del Sud” ha […]

... continua la lettura