Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Rabindranath Tagore

Rabindranath Tagore e le sue poesie d’amore

Il libro Poesie d’amore raccoglie diverse liriche del poeta indiano Rabindranath Tagore i cui canti mostrano, così come molti dei canti d’amore orientali, il connubio tra la leggerezza dell’amore soggettivo e la magnificenza dell’amore vitale che regge il Mondo. Tagore esprime nelle sue poesie caratteri di un amore individuale e universale allo stesso tempo ove l’Amore diviene rapporto supremo tra l’Amante e l’Amato; ogni desiderio, così, diviene “luce che danza e suona al centro della nostra vita […] riempie il mondo, bacia gli occhi e addolcisce i cuori”.

Quella di Rabindranath Tagore si pone, dunque, come una poetica nella quale ogni emozione viene rappresentata come fisico elemento della natura in una forma poetica che si esprime tramite una retorica nella quale comparato metaforico e comparante vanno a fondersi come in una allegoria di identità ontologiche, attraverso una “ars poetica” fatta della fusione armoniosa tra la realtà e il sognotra la ragione e il sentimento, tra la natura esteriore e l’interiorità umana, tra l’essere fisico e il divenire spirituale.

Nel 1913, inoltre, a Rabindranath Tagore venne conferito il premio Nobel per la letteratura e nella motivazione vi era la  “profonda sensibilità e bellezza dei suoi versi poetici”, sensibilità e bellezza ricercate, come si è detto, oltre che “in cieli immensi e profondi come gli occhi dell’amata”, anche nelle “piccole cose” della Natura, come un seme o un fiore, che in se stesse recano silenti la vita e la sprigionano in tutta la loro essenza. Come esempio di tale rapporto ecco una poesia tratta dalla raccolta poetica Il Giardiniere:

Rabindranath Tagore, una poesia

Il mio cuore, uccello del deserto, ha trovato

 Il suo cielo nei tuoi occhi.

Essi sono la culla del mattino, essi sono

Il regno delle stelle.

I miei canti si perdono nella loro profondità.

Lascia che io spazi in quel cielo,

Nella sua solitaria immensità.

Lascia che io squarci le sue nuvole

E stenda le ali al suo sole.


 

Rabindranath Tagore poesie