Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Bambù: ricette e utilizzi nel mondo

Bambù: ricette e utilizzi nel mondo della graminacea

Bambù: subito figura nella mente di ognuno un dolce panda avvinghiato a un verdastro  fusto cilindrico di cui gusta famelico le soffici foglie, sua primaria fonte di vita.
Eppure questo sempreverde è molto di più e può rivelarsi meno docile di quello che siamo abituati a credere.
Appartenente alla famiglia delle Graminacee (come riso, grano, mais …) e alla sottofamiglia Bambusoideae, il bambù prende il proprio nome dalla lingua Malai “Mambu” , poi tradotto in inglese con il comune termine “bamboo”.
La maggior parte di queste graminacee nasce in Asia, ma possiamo trovare specie spontanee anche in America, Oceania e Africa. Esistono oltre 500 specie diverse di bambù in tutto il pianeta, la loro fioritura è eterogenea così come sono variegati i colori e le forme.

Bambù: utilizzi

È stato soprannominato ‘’acciaio vegetale’’ per la sua resistenza che non esclude flessibilità e leggerezza.
Nel passato, in Estremo Oriente, il bambù veniva utilizzato per costruire i canali di irrigazione per le piantagioni di riso o per trasportare acqua e gas dai giacimenti fino ai villaggi. In India, il bambù veniva utilizzato per la realizzazione di utensili di uso quotidiano.

Oggi, grazie alle tecniche avanzate di cui disponiamo, gli ambiti d’uso si sono ampliati.
Non solo il bambù permette l’edilizia sostenibile (interi edifici costruiti tutti rigorosamente in bambù), ma nella fase iniziale della sua crescita la pianta si presta alla realizzazione di pigiami, lenzuola, tende e pannolini (questi ultimi sfruttano la sua caratteristica antibatterica)
E non è finita qui! Aggiungiamo che è resistente agli urti, facile da pulire e antipolvere.

Semplice immaginare il successo dei gadget in bambù: penne, calcolatrici, agende, ventagli, posacenere. Raffinati, leggeri ed economici.
Tuttavia la coltivazione di questa pianta richiede molta cura. Chi decide di decorare il proprio giardino seminando o di utilizzandolo nella costruzione di recinti, deve essere al corrente della sua rapita e invadente crescita, talvolta incontrollabile, e di tutte le possibili conseguenze.
Il genere Phyllostachys, che è il più conosciuto e usato in Italia, ha una crescita pari a circa un metro al giorno!

Bambù: ricette

Questa graminacea entra anche in cucina e non si smentisce.
I più amati e usati nella cucina Orientale sono i germogli di bambù che contengono al loro interno la polpa di colore bianco crema. Possono essere mangiati anche crudi come contorno di pesce e carne o come condimento per l’insalata. Se colti in tempo, infatti, mantengono la loro croccantezza e il loro sapore delicato.
Ricchi di fibre, vitamine e proteine i germogli ci offrono una vasta gamma di ricette semplici e veloci da cucinare.

Super appetitoso è, per esempio, il pollo bambù e mandorle.
Gli ingredienti :
Petto di pollo:
500 g   Germogli di bambù: 80g   Mandorle spellate: 70g  Zenzero fresco: 15g Cipolle: 50g Olio di semi: 50g Salsa di Soia: 60g Acqua: 20g Farina: qb.
Ecco i passi da seguire per prepararlo:

  • Tostare le mandorle in un tegame antiaderente per qualche minuto
  • Tagliare in piccoli pezzi i germogli di bambù
  • Affettare la cipolla, grattigiare lo zenzero e far rosolare in padella nell’olio
  • Tagliare il petto di pollo in piccoli bocconcini per poi infarinarli
  • Aggiungere allo zenzero e alla cipolla, germogli e bocconcini di pollo fino a far dorare il tutto
  • Unire salsa di soia, acqua e far cuocere per 10 minuti

Il piatto è pronto per essere servito.

Ancora più veloce è la ricetta cinese di funghi e bambù.
Qui basta saltare in padella germogli insieme ai tipici funghi cinesi, aggiungere olio di semi, salsa di soia e carote in fette. Infine far cuocere per 10-15 minuti e servire.
Funghi e germogli possono fare da condimento ad un piatto di linguine.

Oltre ai germogli freschi, possono essere utilizzati anche i germogli in scatola, acquistabili nei supermercati. Altre varietà confezionate sono i germogli in salamoia e i germogli sottovuoto tutti precotti, tagliati o interi, quindi pronti per l’utilizzo.

Non dimentichiamo però l’ultimo tocco: piatti, posate, vassoi … tutto in bambù per il pasto più leggero che ci sia senza alcuno spreco.