I benefici del massaggio infantile, un vero e proprio toccasana per il bambino

Il massaggio infantile è una pratica che ha origini antichissime e a cui sono riconosciuti ancora oggi numerosi aspetti positivi; il suo scopo principale è quello di favorire, fin dalle primissime settimane di vita del bambino, una profonda relazione con i genitori, aspetto fondamentale per un corretto sviluppo del piccolo. Esistono anche corsi per massaggio infantile, ma non è certo necessario padroneggiare una tecnica perfetta; la cosa importante è riuscire a entrare in sintonia con il proprio bambino per rafforzare il legame affettivo con lui.

 

Come detto, il massaggio neonatale può essere praticato molto presto; alcuni pediatri però consigliano, a scopo prudenziale, di attendere la completa cicatrizzazione dell’ombelico. È quindi consigliabile chiedere consiglio al proprio pediatra di fiducia che potrà fornirci tutte le indicazioni del caso.

 

Effettuare il massaggio infantile è una pratica molto semplice e naturale che può essere facilitata dall’utilizzo di un olio di mandorle neonato che risulterà inoltre molto utile per nutrire e idratare la pelle delicata del neonato aiutando anche nella prevenzione di dermatiti e irritazioni, in particolar modo in quelle parti del corpo che sono maggiormente suscettibili a questi fastidiosi disturbi.

 

L’uso di un olio idratante e lenitivo è particolarmente indicato quando si pratica il massaggio infantile. Babygella ha il prodotto ideale allo scopo; il suo olio spray per il corpo idratante e rinfrescante che svolge sia un’azione nutriente che un’azione idratante grazie alla presenza di prodotti naturali come l’olio di mandorla e quello di crusca di riso; svolge inoltre un’efficace azione lenitiva favorita dalla presenza di bisabololo, un alcol naturale dotato di proprietà calmanti, lenitive e antibatteriche; tra gli ingredienti anche l’estratto di calendula, una delle piante maggiormente utilizzate nella cosmesi di bambini e adulti per le sue proprietà lenitive e anti-arrossamento.  

Come effettuare il massaggio infantile

Ecco alcuni consigli per eseguire un ottimo massaggio infantile:

  • non avere alcuna fretta (è necessario ritagliarsi il giusto tempo per effettuare il massaggio);
  • scegli un posto molto tranquillo, con un’illuminazione non eccessiva e silenzioso (ma una leggerissima musica di sottofondo può risultare piacevole);
  • inizia il massaggio molto delicatamente con movimenti circolari;
  • inizia a massaggiare le zone meno vulnerabili come gambe e piedi, mantieni la gamba con il palmo delle mani e massaggia dalla coscia alla caviglia ruotando in modo delicato le mani in direzione opposta. Il tuo piccolo si rilasserà;
  • continua massaggiando l’addome: ruota i palmi delle mani molto delicatamente dall’alto verso il basso e poi procedi con una leggera pressione con i pollici dal centro verso l’esterno;
  • massaggia il torace con le mani aperte e movimenti verso l’esterno;
  • procedi con un massaggio a braccia e mani ruotando le mani in modo simile a quanto fatto per gambe e piedi;
  • Termina con un massaggio al volto: appoggia le mani delicatamente attorno alla testa del bebè e accarezzala con movimenti circolari, fai scorrere con una leggerissima pressione i polpastrelli dalla fronte alle tempie con movimenti circolari, infine, con gli stessi movimenti procedete dal nasino verso le guance fino a raggiungere orecchie e mento.

Qualche consiglio per scegliere il prodotto più adatto ai nostri piccoli

È sempre molto difficile scegliere i giusti prodotti per la cura dei piccoli, esistono un’infinità di alternative in commercio, ma non tutte sono adatte alla pelle delicata dei neonati. Ecco, quindi, una piccola guida per aiutarti a compiere la scelta giusta:

 

  • acquista sempre i prodotti per il tuo neonato in farmacia o in parafarmacia
  • prediligi sempre ingredienti di origine naturale, senza aggiunta di prodotti chimici dannosi per i bebè
  • scegli prodotti con pH 0 per proteggere la pelle delicata del neonato e non alterarne l’equilibrio

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *