Rune Celtiche: storia dei misteriosi simboli pre-medievali

Rune Celtiche: storia dei misteriosi simboli pre-medievali

Le Rune Celtiche sono tra le più misteriose e antiche forme di comunicazione e di scrittura del mondo. Infatti, la storia dell’alfabeto runico è avvolta nel mistero. Nonostante molti aspetti, dinamiche poco chiare siano già state spiegate dagli studiosi, restano ancora tante zone d’ombra.

Qual è il significato delle rune celtiche?

Una definizione esatta di rune celtiche non esiste, tanto che ognuna può variare da un libro all’altro. Tuttavia, si può affermare universalmente che questo carattere veniva utilizzato dai tedeschi durante il periodo pre-medievale per fare incisioni su pietra. Il significato intrinseco è spesso sconosciuto, proprio perché il nome del carattere significa “qualcosa di nascosto”.

Storia e origine

Negli anni del loro utilizzo – la loro massima espansione avvenne tra il 400 ed il 1100 d.c. – l’interpretazione di questi simboli era prerogativa di uno specifico e ristretto gruppo di persone che si tramandavano messaggi e la maggior parte di questi scritti onoravano la magia, le armi e i soldati. Questo, a oggi, è possibile saperlo grazie alle traduzioni fatte in inglese moderno, unica traccia rimasta.

Con l’avvento del Medioevo – e del Cristianesimo, soprattutto – l’utilizzo delle rune divenne obsoleto. Questo si deve principalmente all’ampia diffusione di cui godette l’alfabeto romano, decisamente più accessibile. Ciononostante, l’interesse per questo carattere non andò perso, principalmente per il mistero e la presunta energia magica di cui il loro nome godeva.

Per quello che riguarda la loro origine, invece, non si hanno tesi universamente condivise. Quello che è certo è che, fin dall’inizio, questi simboli erano collegati alla Divinità e avevano grande potere. Le rune celtiche sono state trovate su pietre, navi vichinghe, lance, coppe e, principalmente, scolpite sui ciottoli.

Rune celtiche come amuleto protettivo

Non solo. Avendo assunto, negli anni, anche un ruolo di protezione, le rune – cinque nello specifico – venivano incise sulle armi che i soldati portavano in guerra e sugli oggetti personali come gli anelli per proteggersi contro gli spiriti maligni.

  • Tiwaz : simboleggia potere, fortuna e successo. Attira le forze dell’universo affinché il suo possessore possa arrivare al successo;
  • Ingwaz : questa rappresenta l’affermazione della forza e della saggezza. Simboleggia anche il completamento di doveri incompiuti;
  • Algiz : incantesimo di protezione divina. Collega il mondo divino con quello umano e protegge il possessore da qualunque male possa colpirlo.
  • Eihwaz : Eihwaz simboleggia la pazienza nell’attesa. Perché vengano evitati affanni superflui nell’attesa che ciò che spetta a ognuno, arrivi;
  • Ehwaz : gestisce l’equilibrio tra gli opposti e tra le coppie per mantenere l’armonia e la pace tutt’intorno.

 

Fonte immagine: pixabay.com

A proposito di Cinzia Esposito

Classe ’96 e studentessa magistrale in Corporate communication e media all’Università di Salerno. Vengo da una di quelle periferie di Napoli dove si pensa che anche le giornate di sole vadano meritate, perché nessuno ti regala niente. Per passione scrivo della realtà che mi circonda sperando che da grande (no, non lo sono ancora) possa diventare il mio lavoro.

Vedi tutti gli articoli di Cinzia Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.