Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: Davide DDL contiene 2 articoli

Teatro

Free Jazz: al Kesté il nuovo spettacolo di Saverio Raimondo

Al Kestè Abbash sabato 7 dicembre è andata in scena un’altra imperdibile puntata della rassegna Stand Up Comedy Napoli Night con il comico romano Saverio Raimondo nel suo Free Jazz. Al Kestè Abbash sabato 7 dicembre è andata in scena un’altra imperdibile puntata della rassegna Stand Up Comedy Napoli Night che ha visto esibirsi il comico romano Saverio Raimondo nel suo Free Jazz. La rassegna, organizzata da Stand Up Comedy Napoli, è diventata ormai un appuntamento attesissimo nel panorama dell’intrattenimento satirico partenopeo che dal cuore artistico del Kestè fa sentire la sua eco ben oltre i confini cittadini. A rompere il ghiaccio e accompagnare per mano il pubblico verso un’esperienza di risate vis-à-vis e humor nudo e crudo, sale sul palco il comico Davide DDL, divenuto ormai un volto familiare nel panorama della stand up comedy in formato napoletano. Con schietta ironia e surreale innocenza, Davide racconta le vicissitudini che lo hanno portato ad assumere un nome d’arte così criptico. Un codice che in fondo cela solo le iniziali del suo nome e cognome, un’identità nascosta appena per schivare i suscettibili e gli irritabili. Quando ormai il pubblico si è messo comodo, l’atmosfera dell’Abbash si riscalda ancor più al suono squillante della voce di Saverio Raimondo. Il Satiro parlante irrompe sulla scena in tutta la sua dissacrante e dilagante ironia e scopre subito le carte, quello che sta per accadere non è uno spettacolo preconfezionato bensì un esperimento con cavie umane in cui tutto o quasi può accadere. Lo spettacolo che Raimondo preannuncia non seguirà un copione ma si nutrirà di spunti e idee a ruota libera, un free jazz di comicità senza filtro di cui il pubblico è allo stesso tempo vittima consenziente e carnefice complice. E come promesso Raimondo parla e spazia di idea in idea, saltellando irriverente tra piccole ansie e drammi quotidiani come tra più intime riflessioni, tutto ridimensionato nella chiave dell’ironia e amplificato nella dimensione del paradosso e del libero pensiero politicamente scorretto. Gli incontri importanti della sua carriera, la fobia degli aerei, la sessualità e il surrealismo della pornografia moderna sono piccoli pezzi di un mosaico di idee che lo spettatore vede piano piano comporsi davanti agli occhi, una miscela di disarmante creatività e impudica sincerità. La stand up comedy a Napoli è ormai una realtà che è entrata in maniera dirompente nella scena comica cittadina riadattando quello che è uno stile tipicamente americano di affrontare e confrontarsi con il pubblico alla dimensione quotidiana e spontanea della comicità partenopea. Ma dal cuore sacrale del Kestè e dalla vivacità delle sue sperimentazioni artistiche, la stand up comedy rifugge gli schemi e supera i limiti della territorialità collocandosi di diritto tra i riferimenti nazionali del genere. La sperimentazione continua e con essa anche la rassegna di Stand Up Comedy Napoli Night: prossima tappa il 15 dicembre. La banda al completo dei comedian napoletani si riunisce al solito posto. Vincenzo Comunale, Davide DDL, Flavio Verdino e Adriano Sacchettini vi aspettano dal palco del Kestè Abbash con un […]

... continua la lettura
Teatro

Stand Up Comedy Napoli Off al Nana

Stand Up Comedy Napoli Off! Arriva il format tutto napoletano di Stand Up Comedy in versione light nell’accogliente nuova costola del progetto, il Nana ai Quattro Palazzi. La comicità è targata Napoli in questo nuovo spettacolo di Stand Up Comedy con Vincenzo Comunale, Davide DDL, Flavio Verdino, Dylan Selina e, direttamente da Milano, Elisa Benedetta Marinoni, i nuovi talenti della comicità che sabato 23 novembre si sono esibiti senza peli sulla lingua dividendosi il palco con i loro monologhi. Questa volta si è tenuto al Nana- cucina artigiana e contadina, locale che nasce da una continua ricerca di combinazioni di gusto, dalla attenta rivisitazione della tradizionale cucina partenopea, capace di coccolare il palato in maniera elegante. Il posto giusto, insomma, dove poter vivere esperienze culinarie uniche, ricercate e extrasensoriali. Il primo a rompere il ghiaccio è il comedian napoletano Vincenzo Comunale con la sua simpatia disarmante, la naturale capacità di entrare in contatto diretto col pubblico unita alla preparazione artistica che lo caratterizza. Un monologhista comico che cerca di trasformare la sua passione in un vero e proprio mestiere. Il suo mito è Massimo Troisi, e si vede da come si muove. Nonostante qualcuno lo consideri ancora uno dei “talenti emergenti” della comicità all’italiana, in realtà Vincenzo ha già alle sue spalle una carriera di enfant prodige. Napoletano classe ’96 Vincenzo Comunale è tra i più giovani stand up comedian d’Italia. Fa ridere, intrattiene e prepara il pubblico, la parte più difficile di questo mestiere. Inizia a recitare fin da bambino, si cimenta in un’assidua frequentazione di accademie teatrali, laboratori di cabaret e ad esperienze teatrali e televisive (sia su reti locali che nazionali). Nel 2013 e 2014 vince, per due anni consecutivi, il “Premio Massimo Troisi” come miglior attore comico e nel 2014 arriva in finale al festival “BravoGrazie”, il più importante concorso di comici d’Italia. Nel 2016 vince la “Zelig Champions Lab”, il primo campionato comico tra i laboratori Zelig di tutta Italia, con la squadra del lab di Salerno. Nel 2016 corona il suo sogno con il suo esordio a “Zelig”, canale 5 in prima serata, nell’ultima edizione del programma: “Zelig Event”, presentata da Michelle Hunziker e Christian De Sica. Vincenzo Comunale, dopo aver scaldato il pubblico con gag acute ed esilarante lascia il palco ad altri giovani colleghi. Davide DDL padroneggia il palco con molta naturalezza, affronta temi di morte, sesso, discriminazioni di genere. Brillante è la gag sui metodi con cui si accoppiano gli animali, con una particolare attenzione ai panda. Sul palco non ha il flow di Vincenzo, ma parla senza tabù e peli sulla lingua, riuscendo a coinvolgere il pubblico eterogeneo del Nana. Flavio Verdino è il terzo a salire sul palco. Lui è forse quello con meno esperienza, affacciatisi appena un anno fa sulla scena. E un po’, si vede. Il monologo è interessante: parla della sua vita, del rapporto con i genitori e con la fidanzata. A volte “perde un po’ il pubblico”, che a tratti lo interrompe: piace quello che […]

... continua la lettura