Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Gea Martire al Teatro Civico 14: Il motore di Roselena

Gea Martire al Teatro Civico 14: Il motore di Roselena

Gea Martire, nota attrice campana, e Antonio Pascale, scrittore e giornalista, sono andati in scena al Teatro Civico 14 di Caserta con lo spettacolo Il motore di Roselena.

Grande successo, sabato 7 e domenica 8 dicembre, per Il motore di Roselena, lo spettacolo in prosa del giornalista e scrittore Antonio Pascale e dell’attrice Gea Martire in scena al Teatro Civico 14 di Caserta.

La storia dell’emancipazione femminile di Roselena

All’accensione delle luci, colpisce immediatamente la scenografia essenziale ma efficace, costituita da un telaio della macchina e da una ruota bianche appese al soffitto, un tavolo e una sedia. In questo piccolo spazio Roselena, interpretata da una magistrale Gea Martire, muove il racconto della sua vita. La prima battuta, quella con cui la protagonista entra in scena, è pronunciata con tono da litania e pare quasi condensare questa storia di emancipazione femminile: «A varca dint ‘u puorto sta cchiù sicura overamente, ma nun l’hanno custruita pe’ sta ferma. ‘E capit, Roselena?».

Roselena è nata e cresciuta dietro al Vesuvio, dove si sta fin troppo riparati dal «vento del cambiamento», che perciò sembra non arrivare mai. La donna è infiammata da una grandissima passione per le macchine: da bambina veniva acquietata non dalle favole o dalla ninna nanna ma soltanto dal suono ruggente dei motori; distingue i propri famigliari in base al tipo e alla marca di automobile che le ricordano; e ancora, immagina che nella testa, al posto del cervello e della materia grigia, ci sia un motore che funziona proprio come quello delle macchine. Al contrario di chi si sogna dentro un elegante abito da sposa, con un marito al proprio fianco e dei figli da educare o in un tailleur manageriale, lei spera di poter indossare una tuta da pilota e sfrecciare in pista.

Crescendo, il linguaggio dialettale, sgrammaticato e colorito – capace di far sorridere non poco il pubblico presente – diventa adeguato, calzante, perfetto quando narra di motori, carburatori, testate e pistoni. E non importa se ancora c’è chi, credendo che la passione per i motori riguardi soltanto gli uomini, si mostra stupito o la prende in giro. Sono «cose inutili, senza fantasia, luoghi comuni» che Roselena sorpassa. D’altronde, come ha imparato all’officina dello zio, bisogna saper aggiustare i motori scassati, mettere insieme i pezzi e ripartire.

Questa però non è soltanto la storia di un’emancipazione. È anche il racconto di una passione assecondata con determinazione, grande sforzo interiore, sfruttando qualsiasi mezzo a disposizione. Così, se il vento del cambiamento non soffia, è la protagonista stessa a diventare quel vento: dall’officina che le pare una biblioteca – dove le riviste sui motori diventano l’unica e vera letteratura – alle piste improvvisate sul Vesuvio, dall’AlfaSud all’importante incarico di Modena. E poi dritto verso la fine, condotta da quella macchina che tutti chiamiamo destino e che procede, giorno per giorno, ignorando i nostri comandi. Ma Roselena avrà comunque vinto, perché si è messa in gioco, ha sfidato, combattuto e, si può star certi, non si è annoiata.

La biografia di Gea Martire

Nata a Torre Annunziata, Gea Martire approccia per la prima volta alla recitazione in contesti locali alla giovane età di 14 anni. Ben presto farà del teatro e del cinema la sua professione, fino a lavorare con registi come Dino Risi ed Ettore Scola, da Carlo Verdone ai fratelli Vanzina, da Leonardo Pieraccioni a Ferzan Ozpetek, sino a Elvio Porta e Mario Monicelli.

La biografia di Antonio Pascale

È nato a Napoli nel 1966. Ha vissuto prima a Caserta e poi a Roma, dove attualmente abita. Dal 1989 lavora come ispettore agrario al Ministero per le Politiche Agricole. Scrittore per Einaudi: La città distratta; La manutenzione degli affetti; Passa la bellezza; Le attenuanti sentimentali; Le aggravanti sentimentali. Per Laterza: Non è per cattiveria. Confessioni di uno scrittore pigro; Qui dobbiamo fare qualcosa. Sì, ma cosa? Per Rizzoli: Non scendete a Napoli. Collabora con il Foglio, il Mattino, Il Corriere della sera, Le Scienze e Mind. È un apprezzato conferenziere e blogger sul Post.it

Immagine: Teatro Civico 14

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi