Van Gogh a Napoli: The Immersive Experience (con foto)

Van Gogh a Napoli

Van Gogh a Napoli, tutte le informazioni su The Immersive Experience.

Nella Chiesa di San Potito, nei pressi del Museo Archeologico di Napoli, dal 2 gennaio 2023 sarà possibile immergersi nel mondo e nelle opere dell’artista olandese per festeggiare i 170 anni dalla sua nascita.

Torna finalmente a Napoli la grande mostra itinerante Van Gogh: the Immersive Experience. A partire dal 2 gennaio, la rinnovata Chiesa di San Potito ospiterà nei suoi interni la mostra internazionale, dopo il grande successo della Claude Monet: the Immersive Experience, per festeggiare i 170 anni dalla nascita dell’artista olandese.

Un breve sguardo sulla vita e le opere di Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh è stato un pittore olandese nato nel 1853 e conosciuto in tutto il mondo per le sue opere post-impressioniste e i suoi intensi colori e tecniche di pennellata. Ha vissuto una vita difficile e ha venduto pochissime opere, ma oggi è considerato uno dei più grandi pittori della storia. È stato uno degli artisti più prolifici della storia, dipingendo oltre 2.000 dipinti e disegni in solo 10 anni di carriera artistica. Nel 1888, si trasferì ad Arles, in Francia, dove dipinse alcune delle sue opere più famose, tra cui I girasoli e La notte stellata. La sua arte ha avuto un grande impatto sui movimenti artistici successivi e oggi le sue opere sono esposte in musei di tutto il mondo e continuano a essere molto richieste. Uno degli aspetti fondamentali della vita di Van Gogh è sicuramente il rapporto instaurato con suo fratello Theo, principale destinatario delle circa 800 lettere dell’artista, nelle quali fornisce una finestra unica sulla sua vita e sulla sua arte.

Una mostra immersiva e una esperienza virtuale 

La città partenopea ospiterà l’esposizione dopo aver accolto più di 5.000.000 di visitatori in tutto il mondo: dal Belgio con la sua green Bruxelles, passando per la Cina e Israele, fino ad arrivare in terra inglese a Londra, York e Leicester e in quella statunitense a New York e Washington. La mostra giunge a Napoli in una versione completamente rinnovata nel campo delle mostre immersive secondo gli ultimi progressi tecnologici. 

La mostra di Van Gogh a Napoli è curata da Exhibition Hub, società di Bruxelles specializzata nella progettazione e produzione di mostre immersive, la quale offre ora un’esposizione site-specific, ovvero un’esposizione che si sposa e si adatta al luogo che la ospita, trasformandosi di volta in volta per garantire un’esperienza unica per ogni visitatore.

A Napoli la mostra verrà ospitata nella Chiesa di San Potito, eretta nella prima metà del XVII secolo da Pietro de Marino. Restaurata nel 1780, la chiesa rimase abbandonata fino all’affidamento alla congrega degli ufficiali di banco per decreto di Francesco I delle Due Sicilie. L’esperienza Van Gogh Immersive trasforma l’intero spazio museale della chiesa, recentemente rinnovata, in un’esperienza multipla, in cui l’opera si confronta con il suo disegno.

Van Gogh: The Immersive Experience e l’arte digitale

L’esperienza di arte digitale spinge il pubblico a partecipare a un viaggio immersivo nella vita e nelle opere di Vincent Van Gogh. Il fulcro innovativo di questa tipologia di mostra è la combinazione di arte digitale, informazioni e realtà virtuale: il cuore pulsante dell’esposizione è infatti una stanza completamente immersiva, con uno spettacolo digitale a 360°. Nella sala della Chiesa di San Potito sono stati posti 60 proiettori che danno vita ai 350 capolavori di Van Gogh, utilizzando ogni superficie disponibile. Le proiezioni immergono letteralmente il visitatore, partendo dal pavimento fino ad arrivare alle pareti che lo circondano consentendogli di entrare nei quadri. Il tutto è accompagnato da suoni, musiche e luci che guidano il visitatore.

Ogni sala della mostra multimediale di Van Gogh a Napoli, la Van Gogh: The Immersive Experience, propone uno spazio dedicato all’approfondimento della conoscenza e delle curiosità che riguardano l’artista. Sarà infatti possibile visionare un breve documentario dedicato allo studio dell’arte pittorica di Van Gogh e delle tecniche da lui utilizzate. In un’altra sala è stato invece ricostruito in ogni dettaglio il suo celeberrimo capolavoro La camera da letto, uno dei suoi lavori più famosi e rappresentativi. Vi è inoltre anche uno spazio dedicato ai più piccoli ma anche agli adulti, “Colora e pubblica”: si tratta di un’area che permetterà di vestire i panni di un’artista, risvegliando la creatività dei visitatori che potranno disegnare e colorare dei propri capolavori, anche a partire dai più famosi quadri dell’artista, per poi esporli nella sala o da portare con sé come ricordo.

La parte conclusiva dell’esperienza è rappresentata dalla realtà virtuale (VR): i visitatori potranno vivere un giorno nella vita di Van Gogh grazie ad un visore che li farà scivolare in profondità nella mente dell’artista.

Informazioni Utili della mostra multimediale su Van Gogh a Napoli

La mostra multimediale ed esperienza virtuale avrà luogo dal 2 gennaio al 30 aprile 2023 presso la Chiesa di San Potito in Via Salvatore Tommasi n. 1, Napoli. Sarà possibile visitarla dalle 10:00 alle 20:00 – la biglietteria chiude alle ore 19:00 – rispettando come unico giorno di chiusura il mercoledì. Il sito è accessibile in sedia a rotelle. 

È possibile raggiungere la mostra multimediale di Van Gogh a Napoli a piedi o in auto (da via Pessina 27 attraverso la scala di San Potito e da via Santa Teresa degli Scalzi, girare in via Salvatore Tommasi) oppure con il trasporto pubblico con la linea metropolitana (usando la linea 1 fermata Museo, 200 m a piedi o la linea 2 fermata Piazza Cavour, 300 m a piedi) o il bus (fermata Piazza Museo, autobus linee 139, 147, 301, 604, 3M, 168, C63, 178).

Per informazioni è possibile visitare il sito o contattare il numero +39 351 540 2684.

È possibile acquistare i biglietti per la mostra su Van Gogh a Napoli in loco, presso la biglietteria oppure online

Foto sulla mostra multimediale di Van Gogh a Napoli: Marcello Affuso

Leggi anche:

Portici, i 150 anni della Facoltà di Agraria

A proposito di Chiara Rotunno

Sono Chiara, psicologa, classe '91, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Campania. Appassionata fin dalla prima adolescenza al mondo della psicologia, amo cogliere la complessità dell'essere umano e confrontarmi con realtà diverse. Le mie grandi passioni sono: i viaggi, i libri, la fotografia, il cinema, l'arte e la musica.

Vedi tutti gli articoli di Chiara Rotunno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *